La guerra dei costruttori, tre torri spazzate via. E con loro anche le opere pubbliche

3

Il Tempo (F. Magliaro) – Le torri sì, le torri no: le tre torri progettate da Daniel Libeskind – l’autore del Museo Ebraico di Berlino, della nuova torre del World Trade Center e di una infinità di altre opere architettoniche già entrate nei manuali universitari, sono assurte a simbolo del male assoluto. Per la Soprintendenza alle Belle arti di Roma che, ancora nel parere consegnato in Regione, ne parla in termini di «forte negatività», «prepotente emergenza» e rischio che divengano «valore identitario e storico nella percezione futura di questa parte della città». E lo erano per i 5 Stelle che le consideravano il simbolo del regalo fatto ai palazzinari. Qualcuno, come Sgarbi, arrivò addirittura a definirle, con una delle sue solite iperboli retoriche, anticostituzionali.

Le torri sarebbero state «ritagliate da un unico blocco», spiegava il loro ideatore, Libeskind, e sarebbero state, come a Milano, realizzate con dei giardini verticali. La torre più piccola sarebbe stata alta 166 metri per 35 piani, la mediana arrivava a sfiorare i 200 metri con 40 piani mentre la più grande avrebbe superato i 231 metri con 49 piani. Unicredit avrebbe dovuto prendere una delle tre torri e farne il suo nuovo centro direzionale poi le cose andarono diversamente. Erano il “prezzo”, espresso non in soldi ma in cubature, che il Comune avrebbe riconosciuto ai proponenti in cambio della realizzazione delle diverse opere pubbliche. L’idea dei 5 Stelle del regalo ai costruttori si scontra ben presto con la realtà dei fatti. Insediatisi la Raggi in Campidoglio e Paolo Berdini all’Urbanistica partì immediatamente il riconteggio dei costi. Se c’è un regalo al costruttore lo scopriremo. Invece del regalo, i 5  Stelle scoprono ben presto che per tagliare le torri devono tagliare le opere pubbliche.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

3 Commenti

  1. le torri erano bellissime, altro che palle, e avrebbero aiutato a riqualificare l’area e creare un nuovo centro direzionale tra vicino al centro e non lontano da aeroporto. questi peracottari che litigano facendo roma a brandelli dovrebbero sprovincializzarsi e andare a vedere quanto si costruisce nelle altre capitali europee, londra, parigi, berlino…. li non si ha paura che tre torri possano deturpare il carattere di una città, che idiozia, ne ci si spara nei piedi per evitare che alcuni costruttori piuttosto che altri facciano affari…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here