Italia. Ventura e le dimissioni: “Valuterò nelle prossime ore con la federazione”

7

ITALIA DIMISSIONE VENTURA – Dopo l’eliminazione dal mondiale di Russia 2018 il ct Giampiero Ventura sembrerebbe pronto a dimettersi. Come fa sapere Rai Sport le voci sulle dimissioni del tecnico della nazionale sono sempre più insistenti. Fonti ufficiali della federcalcio italiana fanno sapere però che Ventura non si è ancora dimesso e a confermarlo è lo stesso ct in conferenza stampa: “Dimissioni? Sono valutazioni che faremo con la federazione italiana, non ho ancora parlato con Tavecchio. Vi farò sapere di più quando affronterò questo discorso con i vertici, ora mi sento di chiedere scusa agli italiani per il risultato”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

7 Commenti

  1. Mancano quelle di Tavecchio e di tutti i suoi compari. Scaricare tutta la colpa su Ventura mi sa molto di “italiano”. TUTTI i responsabili di questa disfatta DEVONO dimettersi, se hanno un minimo di pudore (ma dubito fortemente).

  2. Esatto, d’accordo con Tanjian …Ventura, inadeguato si, ma qualcuno ce l’ha messo e in mezzo allo scempio …ci e’ capitato.

    Tempo fa a Report avevano mandato in onda un servizio riguardante il “mondo sommerso” dello sport italiano, ovviamente, 60-70% calcio e la percentuale rimanente ripartita negli altri sport. A quel tempo Tavecchio era presidente della LND, lega nazionale dilettanti… in quel periodo si affossarono i piccoli innumerevoli club dilettantistici imponendo l’installazione di erba sintetica, al costo di 500 mila euro, come se l’ASD Garbatella, si possa permettere questa cifra…con tutto il rispetto per i piccoli club.

    Di chi era l’unica azienda italiana autorizzata a installazioni e omologazioni? del fratello…non contenti, se non ricordo male, avevano anche un altro parente a gestire l’unica (l’esclusiva e’ la sua forza!) azienda in grado di omologare annualmente il terreno di gioco (costo, circa 20mila euro)…

    Un’associazione a delinquere a scopo di lucro e a conduzione familiare che fece chiudere moltissimi club dilettantistici, per mancanza di fondi. Visto lo sfacelo, la Lega emise una nuova ordinanza per cui si poteva tornare alla pozzolana, ma il danno era fatto oramai.

    Per me Tavecchio e i suoi compari dovrebbero essere spediti nello spazio, senza ossigeno.

    Un commento, cosi’ aggratise: ma i vari Totti, Di Bartolomei, Causio, Paolo Rossi, Maldini, Donadoni, Ancelotti, e chi piu’ ne piu’ ne metta…so cresciuti con l’erba sintetica o si infangavano sulla terra ogni domenica?

    Altro commento aggratise: ma tutti sti ragazzi delle squadre primavera…ma do vanno a finì?? possibile che si fermano tutti alla serie B o al limite le ultime 4-5 squadre della classifica di serie A?

    • Non sapevo del discorso campi. La tua analisi fa capire molte cose su questo schifo che abbiamo visto e vissuto. E’ il mio primo, come penso la maggiora parte di voi, “non” mondiale ed è strano immaginarlo.
      Sui commenti aggratise hai perfettamente ragione, c’è però da notare che in molti vivai ci sono una marea di stranierucci che manco sanno giocare a calcio. L’Italia del calcio non è altro che lo specchio attuale del paese.

      • Guarda, aggiungo anche un errata : ho rivisto il video, non era Tavecchio e suo fratello, ma un suo compare (Armeni, dirigente di LND) e il figlio di quest’ultimo! comunque la storia non cambia, soprattutto ricordavo bene le cifre, quelle che ho citato appunto.

        Ti posso dire, mio figlio grande (17 anni) giocava a calcio, ora gioca a calcio a 5 nel campionato regionale…molto meglio, almeno sappiamo che non ci sono illusioni. Prima pero’ non c’erano cosi’ tanti stranieri , anzi, nella sua squadra (Tre Fontane, all’epoca) non ce ne era uno! tutto un business sterile, dovuto a costi galattici di manutenzione (il campo del Tre Fontane, sulla Colombo, aveva richiesto e ottenuto ben 7 proroghe di 1 anno ciascuna, per posticipare l’omologazione annuale), parlo della stagione 2013-2014.

        Racconto una storia, breve: la domenica puntualmente andavamo a vedere non partite di calcio, ma partite a casaccio (neanche gli insegnano a giocare “da squadra”…e mica succedeva solo a noi, praticamente nessuno del girone, tranne un anno che ci e’ capitata una squadra di ladispoli o giu’ di li che erano degli schiacciasassi); partecipammo a un evento non autorizzato dalla FIGC, della people soccer, e ti dirò che li, malgrado l’evento giudicato ILLEGALE dalla FIGC abbiamo visto 100 ragazzi che GIOCAVANO e pure FORTI! pochi stranieri…ho ancora le foto. Uno di loro, uno straniero appunto, fu convocato dall’avellino calcio (cerca in rete, c’e’ tutto)

        Risultato: convocati dal giudice sportivo, andiamo nelle sale della FICG (peraltro molto moderne e sfarzose), parliamo con sto rappresentante, ben vestito e faccia da “soliti noti” … ottenuta pure squalifica di due giornate. E per la prima volta, ho visto GIOCARE A CALCIO a 11 ben 22 ragazzi di 15 anni, piu’ quelli subentrati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here