Juventus. Allegri: “Bello vincere 1-0 ma abbiamo dato forza alla Roma” (VIDEO)

0

JUVENTUS-ROMA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni dei tesserati bianconeri in occasione di Juventus-Roma.

POST PARTITA

CUADRADO A JUVENTUS TV

Vittoria molto importante…
“Sì, sapevamo che era una partita difficile. Abbiamo lavorato bene in settimana e penso che il più importante è che abbiamo fatto risultato. Ci tenevamo per essere lì a remare per i primi posti”.

Qual è stata la chiave della vittoria?
“Nel calcio è cosi, ci sono grandi squadre che ti mettono in difficoltà. La cosa più importane è il risultato e che la squadra continua a difendere bene, non solo i difensori. Penso che dobbiamo continuare su questa squadra e prendere meno gol possibili”.

Che indicazioni ti aveva dato Allegri?
“Mi ha detto di stare largo e attaccare gli spazi, giocare semplice. Era importane coprire Kolarov perché poteva metterci in difficoltà, sappiamo che piede ha, non dovevamo farlo crossare e abbiamo fatto una grande partita con Barzagli”.

Ora Natale, pochi panettoni e pandori…
“Sì, sicuramente. Adesso ci godiamo questa vittoria ma da domani iniziamo a pensare alla prossima”.

ALLEGRI A RAI SPORT

Szczesny?
“Ho due buoni portieri. Uno ha fatto la storia del calcio, uno la sta facendo. Szczesny può essere il degno erede di Buffon. Bisognava chiuderla prima. Sapevamo delle difficoltà contro una Roma che ha qualità, tecnica. Siamo stati meno precisi alla fine, ma quando si giocano queste gare con cattiveria poi si viene premiati”.

Mandzukic?
“C’è da fare i complimenti a tutti, anche a quelli che sono stati fuori. Dybala non è un problema, sarebbe un problema non averlo. Tornerà sicuramente a giocare, dovrà mettersi al pari degli altri, ho fatto delle scelte per la partita di stasera. Quando giochi le grandi sfide devi avere grande solidità perché è difficile che queste gare finiscano con tanti gol. La squadra è cresciuta molto fisicamente, ora abbiamo la partita di Verona dove dobbiamo prendere i tre punti”.

Hai pensato che quest’anno potesse essere più complicata?
“Siamo rimasti sempre lì a ridosso delle prime. Abbiamo avuto delle possibilità di essere in testa alla classifica sbagliando dei rigori, il Napoli ha fatto delle cose fondamentali, come le stanno facendo Inter e Roma, quindi stasera sarà fondamentale”.

Dybala?
“Per lui deve essere uno stimolo, tutti gli allenatori devono scegliere la formazione migliore per vincere le partite, tutti devono dare il massimo durante la settimana perché alla fine le partite e i trofei li vincono loro. Tutti devono dare il massimo e io devo fare le scelte”.

La sfida col Napoli?
“Bisogna arrivare in fondo perché nelle ultime cinque partite avremo tre scontri diretti”.

ALLEGRI IN CONFERENZA STAMPA 

“Ho dei giocatori straordinari e l’ho sempre saputo. A livello tecnico e caratteriale. Sono cresciuti di condizione, i campionati lo vincono le difese. Togliendo dei gol di troppo subiti avremo una classifica diversa. La Roma ha preso forza quando ci siamo incasinati troppo. Le grandi sfide passano anche da questo”.

7 punti negli scontri diretti.
“E’ stato un bel periodo, siamo ai quarti di Coppa, agli ottavi di Champions. Punti meritati ed è un bel periodo”.

Dichiarazioni di Sarri?
“La Samp unica ad aver giocato a calcio per Sarri? E’ un grande allenatore e il suo Napoli merita tutti i punti che ha”.

Inflessioni delle milanesi?
“Il Milan era già in difficoltà, l’Inter ha avuto tante occasioni oggi e rimarrà fino alla fine nella parte alta”.

Matuidi sta bene?
“Visto che ha corso poco l’ho fatto uscire. E’ stato poco vagabondo (ride, ndr)”.

BARZAGLI A PREMIUM SPORT

“Vittoria importante contro una grande squadra, che si giocherà fino alla fine lo scudetto. Ottima partita da parte nostra. Alla fine forse eravamo un po’ stanchi, merito anche della Roma”.

La Juventus ha avuto più fame della Roma?
“Nel primo tempo e in parte del secondo siamo stati molto aggressivi e la dovevamo chiudere, poi può accadere di rischiare. Ci è andata bene, ma direi che è stata una partita positiva”.

Avete percepito come ha vissuto gli ultimi minuti Allegri (era molto agitato, ndr)?
“Quando sei in panchina ti diverti a guardarlo”.

Hai detto a Buffon che con questo Szczesny rischia di passare un Natale in tensione…
“Gigi è sempre il nostro punto di riferimento, ma anche Szczesny ci dà molta sicurezza ed è un vero numero 1”.

BARZAGLI A SKY

La Roma è quella che vi può mettere più in difficoltà?
La Roma penso che giocherà fino alla fine questo campionato. Erano tre punti pesanti e per 70 minuti abbiamo fatto una grande gara con fisicità e ritmo. Potevamo chiuderla prima. Abbiamo rischiato tanto alla fine e con un pizzico di fortuna abbiamo vinto. Dobbiamo ripartire da quei 70 minuti

Cos’è successo nel finale, paura di subire la Roma?
Ci sono molti aspetti, dal mentale al fisico. Magari cali dal punto di vista mentale e indietreggi, e la Roma ha qualità. Ma le azioni concesse sono per errori nostri, noi di solito non concediamo niente. Ma alla fine è andata bene così

BARZAGLI ALLA RAI

Negli ultimi minuti vi siete abbassati troppo?
Per 70 minuti abbiamo fatto una grande partita, creando tre occasioni importanti e un gol. Alla lunga è venuta fuori la qualità della Roma che è una squadra forte e si giocherà lo scudetto fino alla fine, anche per errori che di solito no commettiamo

Quanto è importante avere un centrocampista in più rispetto al passato?
Ci aiuta tanto. Il terzo centrocampista aiuta anche gli altri due. Prima se non stavi compatto facevi fatica. Ora siamo coperti maggiormente con Matuidi che ha grande corsa, ma anche gli altri sono di sostanza. Abbiamo più fisicità. La nostra squadra cambia, l’importante è il sacrificio

Negli scontri diretti avete ritrovato grande solidità…
Si è venuto fuori lo spirito di squadra che ci caratterizza, ma lo spirito di sacrificio è necessario per raggiungere risultati. Il non prendere gol da anche più soddisfazione

Quest’attitudine vi servirà anche per la Champions?
Credo che alla fine la differenza la fa qualità, poi si possono preparare le partite in maniera diversa a seconda dell’avversario, l’importante è l’atteggiamento e la forza di squadra

ALLEGRI A PREMIUM SPORT

“Non abbiamo chiuso la partita e nel finale abbiamo sofferto, per responsabilità nostre ma anche perché la Roma è una squadra forte. Devo fare i complimenti ai miei ragazzi, stiamo crescendo molto e siamo tornati a fare sacrifici. Potevamo fare un gol in più, ma vincere 1-0 è bello”

Alla fine si è arrabbiato…
“Abbiamo dato forza alla Roma quando non si doveva”.

Quanto sono importanti Matuidi e Khedira?
“Molto, danno pressione a metà campo e riescono ad inserirsi al meglio. Dybala? Altri meritano di giocare più di lui in questo momento, come altri resta fuori. In questo momento è così, ci sono tantissime partite e troverà anche lui il suo spazio”.

Quale avversaria le ha fatto l’impressione migliore?
“Il Napoli e la Roma forse hanno qualcosa in più delle altre, anche se ci sono pure Inter e Lazio”.

Dai spiegazioni nello spogliatoio o decidi e basta?
“L’allenatore quando fa una formazione decide, è già una spiegazione. Ci sono momenti in cui possono giocare alcuni e momenti in cui giocano altri, dipende anche dall’avversario. Questa è la mia lettura delle cose”.

Un regalo per Dybala?
“Ma no, credo che tutti i giocatori devono mettersi in condizione di dare il meglio. E’ un momento, mercoledì ha fatto una buona partita rispetto alle precedenti, sono contento. Deve semplicemente mettersi a disposizione”. 

Vuole dare un voto alla sua squadra dopo i quattro scontri diretti?
“Le ho affrontate con entusiasmo, ci vuole una grande difesa in questo tipo di partite”.

ALLEGRI A SKY

Khedira nel finale era un po’ stanco, poteva entrare Dybala? 
“Sami alla fine era stanco, però la posizione e la sua intelligenza in quel momento lì cambiandolo con un latro era rischioso. Detto ciò vanno fatti i complimenti ai ragazzi per quello che hanno fatto contro una grande Roma, che è una squadra solida e fisica. Se non chiudi le partite tutto diventa più difficile. Ci siamo incasinati con quel retropassaggio, ma questi sono gli 1-0 belli. Abbiamo vinto uno scontro diretto importante e chiudiamo un ciclo con 3 scontri diretti”.

Ha incrociato Di Francesco e ha detto “che sofferenza”, si è tranquillizzato alla fine? 
“Quando è partito Schick mi sono preoccupato, ma ho due grandissimi portieri: uno ha fatto la storia del calcio, l’altro è il futuro della Juventus. Hanno giocato tutti bene, Pjanic ora inizia a giocare da giocatore serio: gioca sul corto e sul lungo”.

Hai fatto un cambio di modulo fondamentale… 
“Ho fatto questo perché abbiamo preso 14 gol nelle prime partite, eravamo fragili e concedevamo troppi tiri in porta, poi non è questione di numeri e come li metti in campo, ma di caratteristiche di giocatori, stasera avevamo preparato la partita sulla fascia sinistra”.

BENATIA A PREMIUM SPORT

Gol dell’ex…
“La Roma sta facendo molto bene, ho molti amici in questa squadra, ma sono contento di aver fatto questo gol, mi fa molto piacere”.

Nel finale avete rischiato…
“E’ vero, abbiamo rischiato sul mio errore ma il portiere ha rimediato. Però potevamo chiuderla prima. Ci siamo comportati da vera squadra”.

Cos’è successo nell’occasione concessa a Schick?
“Chiellini voleva buttarla in tribuna ed io appoggiarla al portiere, abbiamo rischiato ma Szczesny ha fatto una grandissima parata”.

Avete battuto Roma e Napoli: siete ancora i più forti?
“Certo, da inizio anno stiamo lavorando per raggiungere i nostri obiettivi e ci siamo. Con questo atteggiamento possiamo arrivare lontano”.

Fallo su Kolarov nel gol?
“Non credo”.

INTERVALLO

CUADRADO A PREMIUM SPORT

“Il mister mi ha detto di stare largo e di controllare Kolarov, che è molto pericoloso. Dobbiamo mantenere la concentrazione fino alla fine”.

PRE PARTITA

MAROTTA A PREMIUM SPORT

Esclusione di Dybala?
“Allegri ha fatto le scelte migliori rispetto all’avversario, in panchina poi ci sono giocatori che possono risultare decisivi a partita in corso”.

Alex Sandro è in crescita…
“Sono d’accordo, gli abbiamo dato fiducia anche stasera e speriamo la ripaghi al meglio”.

Inglese al Napoli, può rinforzarsi?
“Pensiamo a noi stessi: noi abbiamo una rosa competitiva e forte, non pensiamo ad accorgimenti. Probabilmente avranno questa necessità e hanno deciso di fare questa operazione. Sono molto forti”.

Roma antagonista principale per lo scudetto?
“Con il Napoli sì, ma terrei in considerazione anche l’Inter visto che non ha le coppe”. 

CHIELLINI A PREMIUM SPORT

“Queste sono grandi sfide, molto equilibrate: ogni episodio può essere decisivo. Siamo pronti la Roma con Di Francesco è diventata più solida e pragmatica, ma vogliamo vincere”.

Il pareggio contro l’Inter cambia le cose?
“No, dobbiamo continuare così. Abbiamo rispetto per la Roma ma siamo consapevoli della nostra forza”.

CHIELLINI A JUVENTUS TV

“Partita difficile, contro una grande squadra, una partita Scudetto. Sappiamo quello che ci aspetterà, la Roma quest’anno sta dimostrando  di avere un grande spirito e grande qualità. Siamo pronti, c’è grande rispetto, ma anche volontà di vincere la partita”. 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here