Bologna. Donadoni: “La Roma se l’è dovuta sudare questa vittoria” (VIDEO)

0

ROMA-BOLOGNA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni dei tesserati rossoblù in occasione di Roma-Bologna.

POST PARTITA

DONADONI IN CONFERENZA

Il Bologna è rimasta in partita fino alla fine.
Sì, siamo partiti anche subito bene. Eravamo di fronte a una tosta e penso che la Roma oggi la vittoria se la sia sudata. Avevamo delle defezioni ma è stata una grande prova, dobbiamo essere meno frenetici e più freddi e lucidi. E’ mancata un pizzico di cattiveria nel buttarla dentro. Non raccogliamo niente ma questo deve farci capire su cosa lavorare.

Rispetto al primo tempo con la Lazio oggi avete giocato con un altro piglio. C’è rammarico?
Il piglio è stato lo stesso, però abbiam subito gol dopo 3 minuti, ma abbiamo tirato fuori un secondo tempo che ha detto che non siamo stati assolutamente inferiori. Abbiamo dimostrato che ce la possiamo giocare con le grandi.

Sarebbe servito il miglior Destro?
Io non penso che Destro sia un discorso chiuso. Deve riconquistare il suo posto, ha tutti i mezzi e le possibilità, dipenderà molto da lui, se sarà in vantaggio sugli altri sarò molto felice di schierarlo tutte le partite. Ma le condizioni si creano anche in base a come si preparano le partite durante la settimana.

Hai chiaro cosa serva per fare il salto di qualità?
Oggi se guardi l’età media della squadra si capisce che le cose non possono venire nell’immediato. Tutti vogliono vincere, ma qualche volta si vince e tutte le altre volte bisogna imparare. Se si impara la vittoria è una conseguenza.

Per lei qual è la squadra più attrezzata per lo scudetto?
Il Napoli per quello che ha costruito in questi anni.  Con la Roma stasera non ho visto questo grande divario. Napoli e Juve se la giocheranno fino in fondo, però Roma, Inter e Lazio possono dare fastidio.

DA COSTA IN ZONA MISTA

“Senza dubbio, sono due grandi squadre, due squadre che vivono un grandissimo momento, che hanno grandissimi campioni. Abbiamo giocato alla pari rischiando di pareggiare e fare punti fino agli ultimi minuti. Purtroppo non è successo, dobbiamo prendere questa ad esempio per le altre partite contro le grandi, giocare cosi ma riuscire a portare punti a casa”.

Ora c’è la partita contro il Crotone prima della sosta. E’ obbligatorio vincere per arrivare con grande morale? 
“Sì le partite cosi sono con squadre del nostro livello e ci aiutano per il discorso salvezza. Giochiamo in casa, dobbiamo assolutamente fare tre punti, dobbiamo però avere la mentalità e la concentrazione per fare un po’ meglio perché se pensiamo di essere soddisfatti per essere venuti a Roma, di giocare alla pari con le grandi non basta. Dobbiamo fare qualcosa in più per prendere i tre punti”.

Hai affrontato Roma e Lazio nel giro di una settimana, quale tra le due ti è sembrata più in forma e qual è la favorita per arrivare fino in fondo? 
“È difficile dirlo, siamo appena all’inizio del campionato però sono due squadre veramente forti. Hanno acquisito una mentalità importante che le fa essere consapevoli della loro forza. Questa Roma ha le potenzialità e i giocatori per arrivare lontano. Anche la Lazio mi ha fatto una buona impressione e sta facendo un campionato meraviglioso. È un peccato che forse ci siano capitate nel momento sbagliato per affrontarle”.

FEDERICO DI FRANCESCO A PREMIUM SPORT

Duello con tuo papà… 
“E’ un gioco tra me e lui, ognuno fa un po’ di pre tattica. E’ stata una bella emozione giocare contro mio padre. Da piccolo venivo qui a vederlo, è una partita particolare. Dispiace per il risultato, dovevamo essere più cinici e convinti, ma siamo una buona squadra”.

Pesano i risultati? 
“Abbiamo una posizione in classifica tranquilla, stiamo facendo un buon campionato. E’ una sconfitta che ci dà consapevolezza, abbiamo giocato bene quest’anno con le grandi. Dobbiamo lavorare, siamo ragazzi giovani, solo così potremmo lavorare e fare bene”.

Ti piacerebbe andare alla Roma? 
“Ho sempre tifato per papà. Anche adesso mi fa piacere che la Roma vinca, a parte questa partita. Mio padre è mio padre. E’ difficile che lui mi alleni, lo stimo molto, mi piacerebbe ma non si può. C’è un po’ un conflitto d’interessi”.

FEDERICO DI FRANCESCO A SKY

Te e tuo padre prima della gara vi siete parlati?
“Papà non mi ha detto la formazione (ride, ndr)”.

Eusebio ha detto che devi fare più gol. E’ vero? 
“Posso fare meglio, ma so che lavorando posso segnare e fare di più. Il campionato è lungo. Devi sempre impegnarti e non mollare mai”.

Puoi arrivare a fare qualche gol in più…
“Vero, anche lo scorso anno ho avuto un po’ di difficoltà perché venivo dalla Serie B e ho trovato il gol con continuità solo a fine stagione. Quest’anno ho segnato solo alla prima giornata, ma devo continuare a lavorare e i gol saranno la conseguenza”.

 

DONADONI A PREMIUM SPORT

Siete partiti molto bene… 
“Avanti ci siamo arrivati spesso, non abbiamo concluso molto. Arrivare così e mettere in difficoltà la Roma è una prova di maturità. Vanno concretizzate meglio e noi siamo ancora troppo precipitosi, pecchiamo in questo senso. Possiamo giocarcela contro queste squadre, ma serve più convinzione”.

Destro? 
“Fino a quel momento pensavo che Petkovic facesse una buona prestazione. E’ mancato un po’ in fase di finalizzazione, ma una prestazione importante. Quando Destro dimostrerà di essere superiore agli altri troverà spazio”.

L’esperienza di Palacio sarebbe servita… 
“Sì, è chiaro. Parlare sempre di chi non c’è risulta semplice. Rodrigo è un giocatore che ha malizia e freddezza in area di rigore. Noi arriviamo sul fondo come se avessimo in mezzo due grandi saltatori, a volte bisogna dare la palla sui piedi. E’ frutto di un po’ di inesperienza e frenesia, che dobbiamo saper gestire meglio”.

PRE PARTITA

NAGY A ROMA TV

Cosa vi ha chiesto Donadoni? 
“Ci ha chiesto di credere in noi stessi e di essere aggressivi in ogni zona del campo. Ci aspettiamo una partita difficile, cercheremo la chiave anche per offendere”.

Le ultime due sconfitte?
“Il calendario ci ha dato partite complicate, ma stasera per noi deve essere una partita in cui possiamo ricominciare”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here