Giammarioli: “Pallotta? Intollerabile che ancora non parli italiano”

68

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “Di Francesco dimostra anche oggi di avere molta più personalità e attributi dei suoi predecessori, affrontando tutte le tematiche senza alcuna paura. Siccome non sbraita o non crea faide con i giornalisti, allora viene definito un uomo con scarsa personalità? Facciamola finita con queste fregnacce. La Roma è chiamata a fare 4 vittorie consecutive e l’endorsement pubblico di Nainggolan nei confronti del tecnico è fondamentale. Dzeko? Ha ragione il mister, nessuno deve esprimersi in certi termini dopo una partita”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Sulla scorta di quanto detto da Pallotta ieri si sta costruendo un caso che non esiste: ha fatto bene a tutelare la sua immagine e quella del Mister, ma le generalizzazioni sono sbagliate. Non c’è nessuna adunata sediziosa, nessun scenario eversivo contro la Roma. Negli angoli più remoti di questa città avverto solo la passione e la voglia della tifoseria romanista di veder vincere questa squadra. Ieri Pallotta ha cercato anche di riavvicinarsi ai tifosi, puntando l’indice sui media sui generis. Un consiglio: cominci a parlare in italiano e non verrà più frainteso”.

Fabio Petruzzi a Centro Suono Sport: “Di Francesco ha fatto bene a riprendere Dzeko per le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Roma-Atletico Madrid. Dzeko deve migliorare, ripetendo i movimenti richiesti dal mister e mettendosi a disposizione del gioco proposto da Eusebio “.

Avv. Luigi Esposito a Centro Suono Sport: “Dzeko? Ha sbagliato, ma non voleva offendere Di Francesco: ha detto di aver toccato pochi palloni per sfogarsi dopo una prestazione per lui difficile. Nel secondo tempo contro l’Atletico Madrid tra l’altro non ha fatto malissimo”.

Michele Giammarioli a Centro Suono Sport: “Pallotta? Penso sia intollerabile che non conosca ancora una sola parola in lingua italiana. Non vuole farlo, questa è la classica presunzione americana: neanche una parola o qualche frase. Verona? Vedremo molte novità in campo, oltre a quella annunciata di Florenzi. In campo potrebbe essere presente anche la sorpresa Under”.

Ciccio Graziani a Centro Suono Sport: “La Roma con l’Atletico ha meritato il pari, il portiere è lì per parare e l’ha fatto. Dzeko? Può succedere che un attaccante dica quelle cose. Ci sono delle verità in ciò che dice, Salah è un assist-man straordinario ed avevano un’intesa strepitosa. Io fossi Di Francesco, parlando con gli interpreti, capisco che si fa fatica, farei in modo per ritrovare il rendimento dell’anno scorso, rivedendo determinate situazioni”. 

Augusti Ciardi a Tele Radio Stereo: “Contro il Verona vorrei vedere una Roma rapida che al 30′ sia già sul 2 o 3 a zero. Sugli insostituibili oltre a Nainggolan spero ci sia Dzeko perché vorrebbe dire che si è riconfermato e Manolas. Accanto a lui puoi alternare Fazio, Jesus, Moreno, però il greco lo metterei titolare perché è il più forte della difesa”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Se Florenzi torna quello prima degli infortuni può essere il miglior acquisto dell’estate. Mi aspetto il giocatore dal primo minuto contro il Verona. Karsdorp? Non me lo aspetto neanche convocato, è ancora abbastanza indietro. La Roma ha appositamente scelto di mentire sapendo di mentire, perché un’operazione di quel genere non poteva portare a un recupero in quattro settimane”. 

Riccardo ‘Galopeira’ Angelini a Tele Radio Stereo: “La Roma è l’unica squadra italiana che non ha perso in Champions League, ma da quello che sento da martedì sera questa sarebbe una società allo sbando. Le cose non vanno male, la Roma ha perso solo contro l’Inter. Se il problema non c’è, il problema si deve creare. Io Pallotta non lo amo, ma non lo considero uno scemo. Spero di cambiare idea a breve e amare il presidente giallorosso, magari vincendo uno scudetto. Perché però ‘ammazzarlo’ per aver smentito delle dichiarazioni?”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Piano per affossare la Roma? Il signor Pallotta invece dei tifosi e delle congiure si dovrebbe interrogare se questo nuovo allenatore, che non vende fumo come il precedente, è stato messo nelle migliori condizioni per lavorare. Spalletti era un teatrante, Di Francesco è una persona semplice”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Il diritto di critica è sacrosanto, ci deve essere. Le critiche a Di Francesco sono di natura tecnica, perché credo che questo 4-3-3 non vada bene per i giocatori che il tecnico ha a disposizione. Di Francesco contro l’Atletico è stato bravo a cambiare modulo, quindi ha dimostrato un’intelligenza che qualcuno non gli riconosceva”. 

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Mi è piaciuto molto come Di Francesco ha cambiato il modulo durante la partita contro l’Atletico Madrid, ma è ancora presto giudicarlo sia in positivo che in negativo. Per Pallotta quelli della Roma sono i migliori tifosi del mondo? Due anni fa non la pensava in questo modo… Attacco dei media? Nessuna società al mondo è trattata così bene come i giornalisti fanno con la Roma”. 

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino“Io sono stato a Roma cinque giorni ultimamente, e le domande dei tifosi erano sempre le stesse: sono tutti perplessi su Di Francesco. Il tecnico deve cambiare qualcosa dal punto di vista del modulo: Nainggolan ha fatto molto bene l’anno scorso dietro Dzeko, e Schick non può fare l’esterno puro”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio Mattino: “Di Francesco è un grande allenatore e un galantuomo. Lui è animato da una grandissima voglia di far bene alla Roma, e secondo me sta facendo bene. Le persone devono essere giudicate dai risultati: lui ha vinto a Bergamo, pareggiato contro un top club europeo come l’Atletico e perso contro l’Inter con una rosa non al completo. Bisogna avere pazienza e bisogna concedergli il tempo di lavorare”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino“Ognuno è libero di scrivere e dire quello che vuole, ne risponde in prima persona. Io ho letto l’articolo del giornalista criticato da Pallotta, ha criticato Di Francesco per sua opinione personale. Io credo invece che Pallotta abbia molta più stampa a favore che contro”.

Aldo Serena a Tele Radio Stereo: “I metodi di lavoro nuovi di Di Francesco rispetto a Spalletti hanno dato un accumulo di carichi abbastanza pesanti e la squadra giallorossa nei novanta minuti non riesce ad avere continuità. Sul piano tattico, la Roma sta facendo cose nuove, con meccanismi diversi: ci vuole un po’ di tempo. Dzeko? Chi gioca da prima punta contro l’Atletico Madrid fa brutta figura, perché fa la fase difensiva migliore d’Europa. Dzeko ha fatto fatica per la forza dell’Atletico Madrid e anche per uno svolgimento offensivo non propriamente consono. Defrel è un giocatore che non è ancora nelle dinamiche del gioco della Roma, soprattutto quelle difensive. Con Peres non sono sempre stati sincronizzati nei movimenti difensivi, da quella parte l’Atletico ha fatto cose importanti. In avanti, credo che non abbia mai passato la palla a Dzeko”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

68 Commenti

  1. Buongiorno. Forse domani gioca un pezzo di partita Shick. Mettiamo le mani avanti conoscendo questo pessimo ambiente dove dopo 5 minuti si boccia tutto e tutti. Non pretendiamo nulla dal ceco, non gioca da giugno, in estate non ha fatto preparazione per i noti motivi ha avuto anche un risentimento muscolare appena arrivato a Roma, ci vorrà un mese e oltre perchè trovi una condizione che lo faccia esprimere secondo le sue potenzialità….ma già mi immagino i titoli “40 milioni buttati”…., perchè qui siamo questo, mi aggancio a quanto detto ieri dall’amico Lupo. era normale con Di Francesco aspettarsi un altalena di risultati e prestazioni, Lupo se ti ricordi ne avevamo parlato a luglio. Il punto è se si è disposti ad aspettare, senza sparare sull’allenatore, se si aspetta in serenità pur con risultati non in linea con le aspettative dopo un paio di mesi possiamo trovare la continuità di cui parli, e sono d’accordo con te si vince con continuità anche con prestazioni estetiche non eccelse. Ma il presupposto è che l’ambiente sia normale, e qui non lo siamo. I giocatori remano contro? questo non lo so…, ma mi chiedo a che prò? Se fosse vero sarebbero degli stupidi, perchè compromettere all’inizio una stagione per andare contro l’allenatore si rivolterebbe solo contro i loro interessi.

    • Ci vuole pazienza per tutti, non solo Schick ma anche Moreno, Karsdorp (gia bocciato prima di fare una partita!), Defrel, ecc ecc. Ed anche il mister meriterrebbe la nostra fiducia.
      Non credo che i giocatori remano contro. Se fosse cosi non avrebbero fatto un prestazone tutto cuore e sudore contro l Atletico. Forza Roma!

  2. Quest’estate mi è stato dato del Pallotta Boy … di quello scemo che difende questa società. Vediamo di fare un pò il punto della situazione di questa città di m…. in cui viviamo.
    I nostri amici commentatori radiofonici ed alcuni tifosi più intelligenti di me, ci ricordano che Pallotta non è un tifoso, ha preso la Roma solo per business. MA DAI ???? E ci avete fatto un corso specifico all’università oppure il tutto è frutto solo della vostra intelligenza ?
    Certo che è venuto qui per il business…. c’era una svendita (si svendeva una società con annessi debiti) e lui ci ha visto una possibilità. In questo progetto, un punto fondamentale era (ed è tutt’ora) lo stadio.
    Sono passati 6 anni .. e siamo ancora a “caro maestro…”. Colpa di Pallotta o della politica che governa questa città ? Senza dilungarsi troppo, mi fa ridere che prima il PD appoggia Tor di Valle .. poi, cambia il colore della giunta .. ed improvvisamente Tor di Valle non va più bene. Cioè .. è cambiata Tor di Valle ???? No, è semplicemente un gioco politico. Chi ci rimette ? Pallotta e, di conseguenza, la Roma.
    Con chi se la prendono i soliti noti commentatori ? Con Pallotta ….
    Veniamo ai bilanci … che vengono letti “ad minchiam” dai solti noti. Se li leggessero bene, vedrebbero che il proprietario di maggioranza (cioè Pallotta) in quasi ogni bilancio ha immesso liquidità. Per cui, anche la cretinata (Pallotta caccia li sordi) è un falso.
    Ma cosa ha fatto Pallotta di tanto sbagliato ? Vediamo un pò:
    1) Improvvisamente, a Trigoria non può più entrare “chiunque” ma solo gente autorizzata. I giornalisti accreditati, possono entrare solo in certe giornate e previo accordo. Ecco che i famosi “papponi” di De Rossiana memoria, vengono sbattuti a calci in culo fuori .. e quindi ci rimangono male, soffrono e si vendicano .. prima con le bugie scritte (come mai che nessuno ricorda il famoso dossier .. era uno scherzo sta ceppa …) e poi con le bugie alla radio.
    2) Questa società sceglie come partner Parnasi. Probabilmente ha ragione @Embè quando ricorda che anche Parnesi aveva un grosso debito con Unicredit e che quindi la banca abbia chiesto a Pallotta di coinvolgere lui anzichè un altro … ma resta il fatto che, da quel giorno, determinate testate (cartacee e radiofoniche) riconducibili al noto costruttore, hanno iniziato a sparare a zero. Anche qui, non è che ci schieriamo compatti a favore della Roma (chissenefrega di Pallotta) .. noooo, noi ci crediamo pure alle stronzate.
    3) Questa società, decide di ampliare la proposta televisiva del proprio canale tematico ed apre una sua radio. Per le radio romane (non tutte ovviamente) significa perdere ascolti e soldi (dagli sponsor). Quindi rosicano, si incavolano, parte la guerra a botte di bugie e critiche
    4) Questa società, appena insediata, toglie (o comunque riduce) i biglietti omaggi. I giornalisti entrano gratuitamente SOLO se devono scrivere un pezzo … chi è lì solo per assistere, paga. Stessa cosa i politici, gli amici degli amici degli amici .. che prima entravano in area vip senza aver nemmeno pagato il biglietto. Ora questi politici, questi “amichetti” devono pagare … pensate che affronto.
    Ecco, questa è la situazione.
    Poi ci sono soldi spesi male, altri spesi bene. Ci sono errori di valutazione, errori degli arbitri, errori dei giocatori, pali, fuorigioco ecc…. ma con quello che sta succedendo nella nostra città, quest’ultima parte non c’entra nulla, perchè c’è sempre stata .. fa parte del GIOCO.
    Negli ultimi quattro anni: 3 secondi posti, un terzo posto, una semifinale di Coppa Italia (e non ricordo la finale persa di Coppa Italia). Guardo alla nostra storia e non trovo una continuità di risultati simili.
    Ma la percezione è che noi si lotti ogni anno per non retrocedere.
    A voi i commenti (ci mancherebbe). Io, se non vi spiace, tifo per la Roma. E pure per Pallotta che, fino a prova contraria, è il mio presidente, con tutti gli accidenti dei suoi difetti.

    • Quoto ogni cosa e mi ripeto: quando Pallotta fa l’ “errore” di dire che vinceremo in cinque anni, qualcuno ha pensato che scudetti e coppe si comprano come fossero un elettrodomestico, qualche rata et voilà, ecco il frigo. Quello che può fare una società seria è garantire che la squadra rimanga al vertice, che è quello che stiamo facendo. Io vedo che anno dopo anno questa squadra sta crescendo. La stagione passata il più grande problema è stato la panchina corta. Ricordate il mese di fuoco tra Lione e Lazio in CI? Hanno giocato sempre gli stessi, e come è normale che sia, sono scoppiati. Quest’anno forse abbiamo perso qualcosa nei titolari (ma i giudizi si potranno dare quando i nuovi acquisti inizieranno a giocare), d’altra parte abbiamo una panchina che – se mai arrivasse un altro periodo di quel tipo – dovrebbe riuscire a tamponare la situazione.
      Poi, magari, sbaglio io e si lotterà per non retrocedere. Tanto, avete visto, i cuggini sono fortissimi e battono anche il Vitesse.

    • Fabrizio, perfetto perchè quello che hai scritto e che molte volte ho riportato, è la verità assoluta, lo sai quale è il problema in questa città e in questo paese?
      E’ che la verità fa male, qui si vive di raccomandazioni, di falsità e di bugie.

      • Quoto! Il problema è che il popolino critica tanto i politici corrotti (e questo è un dato di fatto) però poi loro farebbero almeno schifo quanto loro…”Il potere rivela chi sei veramente”.

    • la “percezione” è per i giornalai in malafede che vorrebbero ergersi a protagonisti, ogni anno.
      gli attacchi proditori senza prove, giudizi/sentenze inoppugnabili a giocatori, allenatore e società a fine agosto… “fenomenite” da spiaggia, effimera, inutile, come la loro materia grigia… effetto deleterio dei social, della sovraesposizione radiofonica, del protagonismo narcisistico come unico obiettivo di giornalisti/tifosi/opinionisti che non sanno più cosa dire…..
      credete davvero che se al posto di pallotta ci fosse stato qualcun altro avrebbero detto cose diverse dagli ultimi attacchi personali e professionali? chissà perchè spalletti è andato via… eh, chissà perchè…….. avanti il prossimo, non finirà mai questo teatrino, è uno stillicidio/suicidio!
      “Voltiamo pagina” urlavo a gran voce fino a poco tempo fa… Nessuno vuole cambiare le cose… questa, purtroppo, è Roma… state facendo il “loro” sporco gioco, se siete davvero tifosi della Roma sostenetela!

      • Ci sono tanti in maladede purtroppo. Ho trovato “l’articolo,” se si puo chiamare cosi, di Dotto un vero schifo, un attacco vergognevole a il nostro mister. La cosa piu triste e che questo finge di essere Romanista.
        Compattiamoci e difendiamo i nostri colori! Forza ROma!

          • C’è una differenza tra la critica è un attacco. Quello di Dotto non mi è sembrato una critica. Come può sentenziare dopo solo tre partite che Di Francesco non ha il temperamento per allenare una grande (se vogliamo concedere che siamo una grande)? Su cosa ha basato il suo articolo? La sua grande conoscenza di Di Francesco? Non mi pare. Una analisi psicologica della qualità di un uomo come Di Francesco? No. E stato solo un attacco gratuito.

    • Ciao Fabrizio
      Complimenti per il commento concordo ogni punto però voglio aggiungere anche una cosa.
      I tifosi nemici di pallotta s Roma sono tanti e il motivo è lo stesso che tu hai menzionato per politici e giornalisti ossia i benefici, ora non girano più centinaia e centinaia di abbonamenti gratis biglietti e soldi per organizzare trasferte e coreografie cosa che fino a pochi anni fa era la normalità è questo lo dico perché in altri tempi per l questione stadio avrebbero fatto manifestazioni e proteste quotidiane sotto il Campidoglio oggi invece si fa finta di nient e si dice che la colpa è di pallotta che ha scelto male il costruttore, ma non è solo per quello come hai ben detto tu ma anche a “noi” tifosi non frega nulla perché hanno fatto passare lo stadio “DELLA ROMA” come lo stadio di pallotta quindi non nostro… io vorrei solo dire che LA ROMA viene prima di tutto e di tutti e quindi per me Forza Roma forza Pallotta e forza Eusebio…. se ci fosse ancora il vecchio cucs🔥

      • Ahi Alex che tasto dolente tocchi, il vecchio cucs. Quando è stato sopraffatto dai tifosi “politicizzati” che hanno occupato la curva militarmente imponendo la loro volontà violenta (pure al resto dello stadio minacciando chi in altri settori faceva il tifo puro e sano) che risponde a determinate logiche politiche, non è morto solo il vecchio cucs è morta la Curva Sud, è morta un pezzo enorme dell’anima giallorossa, del tifo inteso solo come “passione pura”…
        E’ c’è un collegamento diretto tra quello che accade nell’attuale curva e la “destabilizzazione ambientale” propugnata da certa stampa radiofonica

        • Ciao Anto purtroppo lo so e lo so bene io sono 3 anni che non faccio più l’abbonamento in sud perché purtroppo non è più il mio mondo avevo 16 anni quando feci il mio primo abbonamento quindi sfioro i 30 anni di presenza, solo per questo mi sono permesso di toccare questo tasto dolente, per alcuni di noi molto dolente, ed io come te ritengo che molte cose siano collegate peccato che se ne accorgano solo poche persone spero solo sia per loro una questione anagrafica

    • d’accordo quasi su tutto tranne che su una cosa…Non venire a dire che negli ultimi 6 anni 3 secondi posti ,un terzo posto e una(tristissima)semifinale di coppa italia vanno bene…puo’ andare bene all’atalanta,alla fiorentina ma a noi non dovrebbe bastare…e rispondimi se puoi ad una domanda…SI VEDE UNA CRESCITA PROGRESSIVA IN QUESTI ANNI?Io vedo che ogni anno si ricomincia da capo..siamo sempre fermi al palo,se a te va bene cosi…..

      • la crescita progressiva c’è stata .. Siamo rimasti comunque competitivi, pur dovendo vendere per le note vicende del fpf. Nella nostra storia, normalmente, dopo un paio di secondi posti, finivamo al quinto o al sesto … oppure dopo una semifinale di Coppa Italia, la stagione seguente magari uscivamo al primo turno. Manca lo “scatto” in avanti … ma investimenti più importanti si potranno avere solo con lo stadio. Per il resto, dovremo essere bravi a vendere ed a ricomprare.
        Ma ripeto, nella nostra storia abbiamo sempre fatto così … tranne il famoso anno di Batistuta e lo stavamo per pagare sparendo definitivamente …

      • Non ricordo di recente qualche secondo posto di Atalanta e Fiorentina. Nemmeno l’udinese che compra giocatori per più di 20 milioni. C’è tanta confusione cerchiamo di essere precisi con le parole. Le parole hanno un peso non si devono fare uscire a casaccio. Sulla squadra penso che l’unico errore sia stato non trattenere benatia a tutti i costi e tale errore è stato rimarcato dalla sfortuna che ha avuto Leo castan e l’infelice acquisto di iturbe. Quell’anno ci siamo davvero indeboliti. Inoltre l’infortunio di strootman è stato una vera sciagura per me non è più il giocatore di prima. A parte tutto ciò credo si stia cercando di migliorare e completare la squadra non dimenticando che la Roma da 2/3 anni non ha più quel fenomeno di Totti in campo (fino al primo anno di Garcia era ancora decisivo e importante). Quest’anno la squadra è molto completa a mio parere

    • Caro Fabrizio,ti hanno chiamato Pallotta boy,a me molto di peggio(pseudo tifoso,tifoso da tastiera,laziale,un imbecille voleva cacciarmi per non farmi piu’ scrivere,squallido,misero eccc.)anche da presunti amici,ti dico questo non per fare la vittima,(ho le spalle larghe)ma per dirti quanto gli stupidi siano ovunque,se leggi i commenti di oggi fin’ora su 15 commenti c’è solo uno che non la pensa come te,ognuno ha il diritto di esprimere il proprio parere,il problema è che appena qualcuno crtica minimante la societa’ viene attaccato in maniera personale,io Pallotta lo sopporto perche’ non c’è altro,ma farmelo anche piacere,questo è troppo,naturalmente non c’è l’ho con te,ma mi sono stancato di sentirmi dire”pensa a tifare”io tifo come mi pare e non devo dare conto a nessuno e non cè nessuno che puo’ arrogarsi il diritto di stabilire chi sono i tifosi veri o presunti,mai mi sono permesso di dire ad un altro tifoso che non la pensava come me che non era un vero tifoso,scusami lo sfogo ma era tanto che ce l’avevo nel gozzo.un caro saluto come sempre

      • @Fabiano .. tu hai ragione. Ed infatti, credimi, i miei “strali” non erano rivolti a te. Tu in maniera del tutto civile esponi i tuoi dubbi, le tue critiche e le tue perplessità. Anche io ho i miei dubbi e le mie perplessità. Poi, io e te ci fermiamo lì perchè non abbiamo gli strumenti per giudicare più di tanto: non li vediamo allenarsi tutti i giorni; non vediamo/sentiamo cosa si dicono tra di loro i giocatori, lo staff ed i dirigenti.
        Io ce l’ho con gli attacchi veementi. Quelli che sanno tutto. Quelli che riportano notizie false. Ma questa è una città in cui un cretino, in una radio, parlò di Capitan Ceres … ed altri imbecilli come lui gli andarono dietro. Un saluto

      • Non la penso, su poche cose, come te anch’io. E’ inutile che fai riferimento ai miei pensieri, anche in modo subliminale. Tu hai tenuto un punto, sino ad oggi, su Monchi dopo solo tre mesi di lavoro, posso non essere d’accordo con te? Mi firmavo “Voltiamo pagina” ma dicevo con più enfasi le stesse cose perchè vivo a Roma. Tu (fortunatamente!) vivi ad Arezzo e non hai la percezione diretta della città, delle radio-fogna, dei nemici nei giornali e nelle tv locali serali che non seguo più per pudore. Sì sono incazzato ma non con te. Sono fortemente incazzato con questa realtà ma figurati, puoi pensare quello che vuoi, liberamente, chi te lo può vietare?
        Su Monchi no, difendiamolo sempre, soprattutto oggi, come tutta la società e la squadra. Li attaccano già, anche, giornalisti e “scrittori”… che pensavo fossero romanisti. Fabrizio dice le stesse cose che scrivo io da tempo, figurati se non sono d’accordo con lui… Volevi un chiarimento? Beato te che stai ad Arezzo e non hai la sgfortuna doi ascoltare, anche per errore, radio vomitevoli e vomitanti, ma il mio consiglio di non fare il “loro” gioco è riferito ai nemici giurati, secolari.
        Che tu sia in buona fede e sei libero di pensarla come credi, nessuno te lo può vietare, tantomeno io… FORZA MAGICA ROMA!!! E sempre FORZA FABIANO!!!

        • @cucs,credimi ero veramente dispiaciuto di questo equivoco,ma credimi,mai e sottolineo mai,ho chiamato fenomeno Monchi per fare dispetto a te,io uso molto questo vocabolo qualche volta in maniera ironica e qualche volta meno,per entrare nel merito io monchi,come ho sempre detto,aspettero’ a giudicarlo,cosi’ come Eusebio ,ma è indubbio che abbia commesso qualche errore,almeno per me,a livello strategico,comunque non ha importanza,ognuno è libero di pensarla come vuole,sono contento che ci siamo chiariti,un saluto ed un abbraccio e forza Roma

    • Caro Fabrizio, non posso leggerti tutti i giorni, oggi ho potuto leggere il tuo commento e visto che mi hai anche citato provo a dire la mia senza pretendere di raccontare la verità svelata.
      1) Mi piacerebbe che una volta per tutte qualcuno di voi riportasse la quantità precisa dei debiti lasciati dalla gestione Sensi, perché molti ne fanno una questione di vita o di morte, la pistola fumante a discredito della Sensi ma a favore del magnifico magnate americano. A me risulta che la pfn del 2010 (ultimo anno di gestione Rosella) era negativa per 8,5 milioni di euro, anche se si volesse far ricadere sotto la responsabilità roselliana il 2011 la pfn risultava negativa per 54 milioni, nel 2016 la pfn è negativa per 193 milioni di euro, nel 2017 è superiore considerato l’adeguamento del finanziamento con GS. Vi prego correggetemi se ho scritto uno sfondone.
      2) Pallotta è vero ha immesso liquidità, circa 170 milioni di ricapitalizzazioni in 6 anni, ma la Roma venne acquistata a un prezzo scontato come tu stesso hai ammesso, l’EV dell’epoca quotava la Roma sul mercato a circa il doppio.
      Secondo me il prezzo basso d’acquisto fu voluto, perché doveva servire a una e una sola cosa. Investire sulla rosa magari con una ricapitalizzazione imponente da subito. Tanto non esisteva nemmeno il fair play finanziario. Perché non fu fatto? Perchè si attese il 2014 per la prima ricapitalizzazione? Si poteva costruire senza limiti, se c’era un reale obiettivo sportivo (la regina d’europa fu coniata da loro) perché non si sono fornite al primo anno le risorse necessarie a trasformare la Roma in regina d’europa?
      Il Milan al cambio di proprietà investe 230 milioni sotto il regime del fpf (la Roma al primo anno senza fpf ne investì 91), per non dire del monte ingaggi. Il solo Bonucci percepisce quasi quanto tutti gli acquisti della prima stagione americana.
      3) Pallotta ha ricapitalizzato per 170 milioni e dopo tali immissioni di capitale il Patrimonio Netto è negativo a gennaio per 100 milioni (era negativo per 44 milioni nel 2011), significa che la Roma sotto la gestione americana ha bruciato o impegnato (attraverso il PN) 226 milioni. Ora noi sappiamo che la somma delle perdite della gestione americana risulta essere pari a 208 milioni se si considerano anche le perdite del 2011 (anno in cui rosella fu presidente onorario), diventate 177 dal 2012 in poi (tutta gestione americana).
      In tale contesto risulta evidente come la gestione americana sia stata pienamente coperta economicamente (ma anche finanziariamente) attraverso le ricapitalizzazioni. Come è possibile che in tale contesto sia stato necessario accendere un mutuo non da 50, non da 100, ma da 235 milioni di euro?
      4) Voler far passare una cosa normale (le ricapitalizzazioni) per una cosa eccezionale è da lecchini (scusa ma la penso così). Nello stesso periodo in cui Pallotta DONA (agli occhi dei tifosi pallottiani) 170 milioni di euro a favore della Roma, Squinzi presidente di una miserabile squadra di provincia immette 132 milioni nelle casse societarie con un finto sponsor. La differenza è che la ricapitalizzazione non si impegna, o si fa o non si fa, lo sponsor invece impegna per il periodo del contratto che da quanto si intuisce parrebbe essere vita natural durante.
      5) La lotta tra radio e l’utilizzo dei mezzi di informazione non mi intriga per niente? E’ vero ci sono radio critiche (una) ma ce ne sono una mezza dozzina che non fanno che decantare le virtù di Pallotta e del suo giro.
      Ascolta teleradiostereo, retesport il pomeriggio (meno la mattina) e dimmi se quelle radio sono definibili come antisocietarie. Entra in un qualsiasi forum dedicato e dimmi se a ogni critica su pallotta non corrispondano dieci commenti a favore.
      Il Messagero mena? Il Tempo lecca.
      Mi piacerebbe piuttosto capire se la Roma possa permettersi le spese per quella radio e per quella tv. So per esempio che la concessione del segnale radio ci costa 3,5 milioni di euro. Siamo così ricchi sfondati da permettercelo?
      Osservo Juve channel e noto che loro hanno 5 massimo 6 tra commentatori e opinionisti per l’intero palinsesto, per dire la telecronaca delle partite (e loro ne giocano di più importanti delle nostre) non prevede il commento tecnico. Un solo inviato. Noi a ogni trasferta ci presentiamo con decine di inviati. E anche qui, siamo così ricchi sfondati da permettercelo?
      5) Per quanto riguardi i risultati non mi vanterei troppo, rischi di rivalutare il lavoro di Rosella.

      Per finire, Forza Roma, io odio pallotta e il suo management tutto, tutte le ore di tutti i giorni di tutto l’anno, ma per 90 minuti almeno di ogni settimana palotta e co. per me non esistono.

      Un saluto al tizio che si è preso il tso a furia di ascoltare marione.

      • Solo un paio di precisazioni. Io non “accusavo” la gestione precedente. Il fatto che ci fossero debiti (al di là di quanti), è una cosa che ha avvantaggiato anche il compratore come giustamente scrivi. Io ho comprato una casa da ristrutturare completamente e sono riuscito ad abbassare di molto il prezzo.
        Le altre sono scelte commerciali….o aziendali I lavori per la foresteria a Trigoria, il marchio, gli investimenti sui social , i canali radio e televisivo.
        Sono scelte che io, nel mio piccolo, non condivido in toto ma che comprendo perché hanno una logica.
        Quindi criticare ci sta (odiare addirittura mi sembra troppo, ma è solo la mia opinione). A me dispiacciono solo le accuse false: ha detto che avremmo vinto in 5 anni… poi vai a sentire l’audio e scopri che lui SPERAVA di fare come con i Boston, il titolo in cinque anni. E comunque, è colpa sua se quella finale l’abbiamo persa ? Ora la sua colpa è di non parlare italiano ????!!!!!
        Tutto qui. Forza Roma !!!!

  3. Invece Defrel sta salvando il “soldato” Bruno Peres ad ogni partita.
    Non sarà un campione ma è uno molto utile per Di Fra’ in quanto copre a destra dove, fino a quando non saranno del tutto ricuperati Florenzi e Karsdorp, è primordiale avere un buon soldato come lui.
    Poi ovviamente non è molto incisivo in fase offensiva.
    Una specie di Taddei con la tecnica in meno… purtroppo.
    (che giocatore ‘sto Taddei ! ^^)

  4. Che dire……. Solo che concordo pienamente con voi! e ribadisco, a tutti que giornalisti in malafede ed ai politici come Dalema ( che quando entravano gratis erano sempre allo stadio! Ora che devi pagare baffe, dove sei? ) lasciate stare l’ AS Roma! A RIDICOLIIIIIIIII!

  5. Concordo con Fabrizio e tutti gli altri che sono in sintonia con lui. Qui se non c’è un problema lo si crea ad arte appunto per destabilizzare la Società ed i giocatori. Chi è veramente tifoso della Roma non dovrebbe cadere nei trabocchetti creati da certi giornalisti che hanno l’interesse opposto. Aspettiamo prima di giudicare. Forza Roma!!!

  6. Cari tifosi, vi voglio bene e sono contento che ci sia uno zoccolo duro romanista infervorato che non sale nel carro dei vincitori ed ha una fede così grande. Il problema però è che il lavoro di Di francesco a Sassuolo sarebbe giunto alla fase di maturazione probabilmente quest’anno, ossia al 5 anno, dopo che la rosa giovane e piena di impegni ha dovuto fare i conti con grosse realtà ed ha accusato il colpo. Un colpo però positivo perché tutti riconoscono che giocatori come Defrel, Pellegrini, Politano, Mazzitelli, Duncan. Ricci, Acerbi, Consigli, Missiroli, Magnanelli, ecc. sono tanti e con un anno di esperienza in più, con il peso di quegli errori “tra i grandi” potevano essere la vera rivoluzione una volta definitivamente acquisiti i metodi del mister.
    Si è parlato di un progetto di 5 anni che poteva emulare l’Atalanta. A Roma purtroppo questo tempo non c’è, è il settimo anno che si ricomincia e le vittorie latitano. Ammesso e non concesso i meccanismi vengano automatizzati a metà anno potrebbe essere troppo tardi per una rimonta zona “Champions”, quindi, speriamo di no, ma potrebbe anche essere un anno di transizione, come quello di Ericsson che durò un anno e mezzo per poi esplodere e fermarsi, sul più bello, contro il Lecce.
    Confido in un miracolo di Di francesco perché quei 20 minuti finali sono terribili da colmare, ci vogliono mesi e mesi di allenamento e tempo non ce ne sta, considerato che si gioca ogni 3 giorni e la Roma per sopravvivere ha bisogno della zona Champions’. Forza Roma

  7. Vorrei ricordare a Renga che il sig. Pallotta due anni fa ce l’aveva con quei fottuti idioti che esposero striscioni contro la madre di Ciro Esposito e in favore dell’assassino amico loro.

    Aggiungo che siamo in tanti a pensarla come il sig. Pallotta .

  8. Io vi vorrei chiedere una cosa ….. quando si dice che a Roma non c’è tempo per aspettare gli allenatori , che qui bisogna vincere subito e che sono sette anni che non si vince niente …….

    Mi citate quale secondo voi è stato l’ultimo decennio pieno di vittorie che vi ricordate ?

    Perchè secondo me questi discorsi li possono fare Juve,Milan,Inter … all’estero Real,Barca,Bayern,Manchester ….. Ma noi perchè ci diamo tutte queste arie ???

  9. 3 centravanti :Defrel / Dzeko / Schick/
    ala destra di ruolo nessuno(salah 15 gol e 11 assist)ma d’altronde Mahrez è l’unica ala destra del Mondo
    terzino destro non pervenuto
    strootman e naingollan non adatti al 4-3-3
    centrale che chiedeva l’allenatore non preso
    Preparazione non pervenuta
    Adesso per tutta questa serie di mancanze si chiede a DiFra di fare il 3-5-2(dicono che anche dalla cacca nascono i fiori…..)
    Se secondo voi è tutto normale e va bene cosi allora ok…
    Io continuo a vedere una società ma soprattutto dei dirigenti non adatti …però dai…TUTTO OK !!!

    • @Gengis”dai diamanti non nasce niente e dal letame nascono i fiorri” tratto da “Via del campo”bellissima canzone fi De Andre’,scusami se mi sono permesso ma come citazione è bellissima.Vorrei dire a Fabrizio2 che il fatto che nella nostra storia abbiamo vinto pochissimo non vuol dire che non si possa criticare in maniera civile o bisogna chiedere il permesso a qualcuno?

      • Sicuramente non a me.

        Ma qui sento parlare del nostro presidente , quello che mette o comunque ha messo i soldi, e che primo nella storia della roma sta provando realmente a costruire lo stadio, come di una serpe in seno da combattere e contestare in qualsiasi occasione.

        Noto da parte di alcuni sempre e solo critiche. Mai un incoraggiamento.

        Questo per te è essere tifosi ?

        • @Fabrizio2 ognuno risponde alla propria coscienza e quindi io rispondo alla mia,pero’ se è vero che qualcuno critica a prescindere ed in maniera pretestuosa,è anche vero il contrario,cioe’ quelli che offendono appena qualcuno fa una critica civile,credo e spero che tu non sia tra questi.un saluto e forza Roma

    • Finalmente un commento senza il paraocchi. Un commento fuori dagli schemi del non sei un tifoso giallorosso oppure sei un laziale. un commento fuori dei soliti tre o quattro abituali.

  10. Gengis, la società avrà pure commesso degli errori e qui non ci piove. Ma non dire che due secondi posti e una finale sono uno score da fiorentina o da atalanta perché noi non è che abbiamo vinto l’ultima Champions League..qui la gente si crede che la Roma ha la bacheca piena di trofei, ma noi per uno scudetto che abbiamo vinto stavamo andando falliti. Quindi benvengano i suggerimenti ma nessuno può negare che da quando c’è Pallotta Trigoria non è più un parcheggio di papponi senza lavoro. E a me, onestamente, da tifoso fa piacere. Poi che gli americani non siano zio paperone se ne sono accorti tutti, ma meglio questo, credimi, che quello che c’era prima.

  11. qualcuno ricordi a Focolari che la stampa ha il diritto di cronaca, non il diritto di critica, specie se la critica è fatta ad arte ed è strumentale…nel primo caso si riportano fatti, nel secondo opinioni…se vuoi criticare, vai a farlo al bar insieme ai 4 compagni di bevute, non su mezzi di “informazione”

  12. Spero di essere conciso ed esaustivo al tempo stesso senza tediarvi nel leggermi e con la speranza di rispondere ai vari temi presentati. Innanzitutto saluto gli amici con cui su diverse cose spesso siamo in sintonia( tipo Fabrizio,Anto58,Fabiano,Nando, Tatjan e Mauro 59 non ricordo tutti e mi perdonerete.)
    1.Questione allenatore. Premessa la stima nei confronti di DIFRA, aver scelto lui a mio parere è l’equivalente di un ridimensionamento perchè potrebbe fare solo un lavoro in prospettiva esaltando le qualità dei giovani e assemblando ad oggi in maniera piu armoniosa la squadra. Io, tranne che con Zeman ( che si odia o si ama) il cui credo è vincere attraverso lo spettacolo e fare un goal piu degli avversari (ovvero una utopia, un ideale di calcio mostruosamente bello ma poco redditizio purtroppo), sono contrario agli integralisti di un unico modulo tattico. Sarò ipercritico ma finora non ho notato schemi di gioco,un’idea di calcio ben definita. Vedo solo corsa,impegno,anche agonismo e sacrificio ma poi il resto sta tutto nelle individualità. DIFRA non credo che sia stato scelto da Monchi(il quale della sua esistenza penso neanche sapesse)ma bensi più da Baldini a cui Pallotta si rivolge quale consulente tecnico. Ora DIFRA sta qui, dobbiamo dargli tempo ma lui deve essere anche pronto a mettersi in gioco e ad accantonare il suo credo tattico perchè con gli uomini su cui punta l’unico modluo non possibile è proprio 4-3-3. Il problema è : sapremo aspettare?La nostra è una piazza affamata di trofei e allo stesso tempo dobbiamo rientrare sia nel fpf e sia in posizioni utili per la Champions che garantisce introiti non indifferenti. D’altrone esonerarlo non serve a nulla perchè quelli che sono a spasso non valgono certo di piu. Io a Eusebio chiedo solo flessibilità di modulo adattandolo ai propri giocatori e agli avversari.
    2.Questione PALLOTTA. Non lo amo perchè è poco tifoso e molto più imprenditore. Ma allo stesso tempo pur non vincendo ci ha garantito in campionato piazzamenti onorevoli e le prime posizioni cosa che in passato un terzo posto era meteora. Ricordo i presidenti Viola e Sensi gente di cuore che ci mettevano anche l’anima per la Roma e la seguivano passo passo. Oggi il calcio non è piu cosi e dietro l’angolo non abbiamo sceicchi e imprenditori a rilevare la società regalandoci le loro fortune per un nostro sogno.. Quindi ob torto collo mi tengo Pallotta a cui non posso rimproverare che non ha speso soldi ..ma solo che a volte li ha spesi male.
    3. Questione commenti e tifosi. Nessuno di noi detiene la verità assoluta e siamo uniti da un unico grande amore verso la nostra squadra,possiamo avere idee diverse e pareri contrari ma è il modo e il tono con cui si esasperano certi concetti nell’affermare il proprio pensiero che da fastidio. Io mi sono allontanato dal forum volutamente per un po’ di giorni perchè certi personaggi che sbraitano e offendono se non si è concordi con loro assumono atteggiamenti offensivi. La loro imparzialità di giudizio consiste nell’amplificare i difetti altrui e nell’occultare i propri. Noi siamo spinti da un’unica fede verso i nostri colori e il fine per arrivarci è quello anche se le strade sono diverse ed ognuno indica la sua. In democrazia c’è libertà..se poi mettiamo il bavaglio anche qui siamo alla rovina. Sempre forza Roma. Romanista grazie a Dio!!!!

    • @Ciao lupo,hai espresso il mio pensiero al 100%,ma questo lo sapevi gia’,finanche negli amici che hai elencato,che dire..un abbraccio a te ed agli amici che anche se non siamo sempre in sintonia(e ci mancherebbe)c’è comunque grande rispetto e stima,cosi’ come dovrebbe essere con tutti,almeno nel rispetto.Forza Roma

    • Questo è lo spirito !!! A volte non condividiamo le opinioni, ma ci mancherebbe altro. E’ il modo in cui ci confrontiamo che fa la differenza. Sul primo punto, per esempio, in parte condivido ed in parte no. Mi spiego meglio: io credo che la scelta di Di Francesco sia figlia del nuovo spostamento in avanti del discorso stadio (lo so che vado sempre a sbattere lì). Spalletti credo sia andato via un pò per l’ambiente ed un pò perchè credo che avesse capito di aver cavato tutto il possibile da questa squadra … lo scatto successivo sarebbe dovuto arrivare con investimenti di un certo tipo. Quindi, bisognava andare su un progetto di almeno 2/3 anni e Di Francesco, forse, era il migliore in questo senso.
      Non condivido perchè a rosa completa, noi potremmo benissimo fare un 4-3-3 (meglio ancora un 4-3-1-2 o 4-3-2-1) ma ormai i moduli lasciano un pò il tempo che trovano.
      Al momento la squadra è bloccata perchè pensano troppo … oddio, qua che devo fare ? posso tagliare ? cose così … poi per carità, questa è stata la mia impresssione dallo stadio. FORZA ROMA assolutamente !!!

      • Ciao Fabrizio, sul discorso del modulo non sono convinto perchè naingolann puo esaltarsi dietro le due punte Dzeko e Schick (se l’hai preso e punti su di lui devi sapere che al di la che ama partire un pò piu largo non è l’esterno adatto al 4-3-3 ma bensi una punta veramente forte e di prospettiva) Ecco perchè ritengo che bisogna esaltare le caratteristiche dei singoli e inoltre se siamo solo in tre a centrocampo compreso DE ROSSI con evidenti limiti di impostazione e dinamicità saremo sempre in sofferenza. La mia idea è un centrocampo con DE ROSSI dietro Strootman e Pellegrini mezzale e naingolan vertice alto dietro le due punte. Sarà una mia idea fissa ,ma beninteso se dovessimo ben figurare e raggiungere gli obiettivi prefissi con qualunque altro modulo che sceglie l’allenatore sarei il primo ad esultare. Purtroppo il pessimismo ha il sopravvento.. Comunque Forza Roma Fabrizio un cordiale saluto.

    • Ciao Lupo, io a sto giro concordo in parte con quello che scrivi e cioè, ridimensionare per me significava vendere salah e rudiger e prendere che so pellegrini gonalons e moreno e basta. Invece sil piatto hanno messo bei soldi per defrel, under, karsdrop e shick
      Defrel per andare incontro proprio all’allenatore. Moreno come altro centrale e poi puntare di nuovo su jjesus e under come scommessa di monchi ma sempre con l’occhio al 433 di difra. Poi shick l’acquisto piu caro della nostra storia a dimostrazione che gli americani tanto straccions non sono e che al massimo fanno errori di valutazione come tutti.
      L’allenatore a me non convinceva da prima che lo orendessero e speravo che ik suo nome fosse un diversivo. Ma ormai è andara. Non credo manco sia un talebano del modulo hce manco a me piacciono. Però c’ho il dubbio che abbia poco polso e a roma, piacia o no non te aspetta nessuno. Se non ingrana già da domani ce vedo ahime nel tunnel.
      Ma non credo volessero ridimensionare, secondo me hanno pensato che fosse un buon allenatore, un ex roma quindi conosce l’ambiente, conisce il calcio italiano e magari funziona. L’alternativa qual era? Gianpaolo? Sosa?

      • @LUPO io concordo al 50% , beh se avessi detto 100% mi sarei preoccupato ahahaha!!!
        Su Difra sono d’accordo è troppo presto giudicare , anche per me il 4-3-3 non mi sembra il modulo per questa squadra ma c’è anche da dire che gli è stata fornita una squadra incompleta ,con giocatori che ancora non hanno fatto 1 min . e siamo stati costretti a giocare con Jesus terzino dx e Defrel sulla fascia nonostante non sia un esterno . Infine mi sembrano eccessive le critiche dopo solo 3 partite ufficiali !!!
        Pallotta , per me non trovo nulla di positivo l’ho detto più volte , ha speso ?si ma ha anche venduto , quest’anno il calciomercato si è chiuso con +24mil e -5% sugli ingaggi . Se è più imprenditore e meno tifoso non mi interessa ma non vedo una società più forte e meglio organizzata rispetto al passato . Comunicazione , marketing , marchanding , main sponsor , risultato scadente . Presenza ? lasciamo perdere , quando va bene 2 volte all’anno , Baldini consulente esterno a Londra , Baldissoni che non è mai stato un dirigente sportivo prima d’ora .
        Infine capitolo tifosi , siamo arrivati ormai alla frutta è un ambiente logoro , diviso , che ha perso i riferimenti , è una battaglia tutti contro tutti perchè io ho ragione tu sei della Lazie io sono pallottiano mentre tu sei una marionetta ………abbiamo bisogno di una scossa per ricompattarci e l’unica potrebbe essere la vittoria di un trofeo a breve, ma la vedo molto dura ……..Forza Roma !!!!

  13. Io sono scettico sul rinnovamento del progetto per i motivi che ho detto e se ho detto che la Roma non può aspettare è solo perché la Roma è OBBLIGATA a rimanere nel gruppo Champions e non perché vengo da Marte e ignoro che la Roma ha solo 3 titoli nella sua misera bacheca. Di questo passo questo 3 è difficile da scalfire soprattutto se una volta arrivati a certe vette, ricominci da capo. Tuttavia il mio discorso era prettamente economico e non di obbligo di gloria sportiva altrimenti avrei tifato diversamente, anche se c’è chi facendo collezioni di portaombrelli tipo Coppe Italia e Supercoppe nazionali, sbandiera successi come fossero campioni d’Europa!

  14. Mi spieghereste cosa vi porta a dire che il mister attuale non sia adatto alla Roma? Ho letto di preparazione non fatta, di modulo non adatto per i giocatori che si hanno ed altro. Ma sinceramente qualcuno ha idea di cosa si parli? Io personalmente no. Voi si? Sapete di tattica? Sapete di caratteristiche dei giocatori? Avete idea di come si gestisce una societá (si cita sempre che alcune volte i soldi sono stati spesi male)? Magari parlate di cose di cui forse avete un’infarinatura, ma in modo del tutto amatoriale. Molti giudizi esprimoro una sicurezza sconcertante. É vero che ognuno puó dire la sua, ma sinceramente mi pare che si ripeti a pappagallo ció che dicono i sedicenti addetti ai lavori, su cui nutro fortissimi dubbi riguardo alla conoscienza della materia calcio, per non dire finanza etc. Riguardatevi i vosti commenti e ditemi se non usate le parole usate dai suddetti. Criticare o esprimere un giudizio é giusto, ma credo che si debba ancher avere coscienza dei propri limiti.
    Forse esagero ma ii giudizi che vengono espressi fanno parte dell’ambiente romano,che in molti criticano, in quanto fate parte dello stesso. Ebbene si facciamo parte di questo ambiente. Abbiamo anche noi un infuenza sulle cose. Ergo il nostro comportamento o giudizio é parte dell’ambiente romano. Spero che non venga detto “Ma ti pare che ció che dico qui possa avere un’infuenza sull’ambiente? “Mi pare si. Visto che i nostri comportamenti quotidiani, puranche se piccoli, hanno influenza sulla societá in cui viviamo. Che pensate che sia l’ambiente romano? Un’entitá astratta? Lo é nel nome, ma nell’essenza siamo noi che la viviamo e la costituiamo. Ripeto la critica é un diritto, ma la sentenza é materia giuridica, perció evitiamo almeno di ergerci a giudici su cose di cui non sappiamo molto.
    Forza Roma e solo Forza Roma

  15. Franco Melli a Radio Radio Mattino: Spalletti era un teatrante…
    Talmente teatrante che ha portato la Roma al secondo posto con il massimo punteggio della sua storia e con questo punteggio in Champions League. E ha convinto Totti che non se ne poteva più di vedere in giocatore che passeggiava per il campo.

  16. Nessuno spara sentenze, caro Luigi, sono solo opinioni che dipendono da svariati punti di vista e diverse emozioni: il romanista critica perché ha paura che ciò che è stato fatto non sia idoneo a regalare soddisfazioni che tutti noi speriamo, il giornalista critica perché è il suo mestiere e cerca di mantenere un’ottica il più possibile neutrale rispetto all’oggetto di osservazione, i tifosi delle altre squadre criticano perché provano godimento nel prendere in giro, in qualsiasi modo si possa palesare un’opinione essa non può essere che tale e non ha alcun valore di sentenza.
    La sentenza che arriverà alla fine potrebbe far gioire il tifoso che scaramanticamente è stato eccessivamente critico, può smentire il bravo giornalista e potrebbe regalare qualche dispiacere ai tifosi avversari, questo lo posso dire come una sentenza senza che nessun romanista possa smentirla: CE LO AUGURIAMO TUTTI!!!!

  17. Un saluto a Fabrizio, Fabiano, Cucs, Alex e a Lupo sperando che magari la giornata di oggi possa costituire un passaggio affinchè ci si confronti e non ci si insulti, e al netto di eventuali simpatie o antipatie personali a rispettare anche chi rappresenta la Roma, solo se si sviluppa questo tipo di atteggiamento, e di critica per migliorare e non per distruggere usciremo dal nostro piccolo ghetto e forse possiamo anche aspirare a vincere, perchè vincere qui conta molto di più in quanto terribilmente più difficile.
    Buona serata

  18. punto1 a pallotta la società è stata regalata o quasi….punto 2 viviamo di autofinanziamento..e deve ringraziare i grandi ds che a tutt’oggi gli hanno parato sempre il sedere con acquisti e successive vendite e plusvalenze (sabatini in primis glielo ha ricordato) punto 3 le promesse di questoStefano pupazzo nei relativi 6 anni sono stati di ZERU TITULI…io dico ma un arabo alla psg un russo al chelsea un thai al city…ma noi possiamo sperare di esser acquistati magnati del genere oppure dobbiamo soffrire in eterno? a fabriii fai il fenomeno nel giardino di casa tua. IO VOGLIO TROFEI NO PLUSVALENZE E BUGIE..

    • Primo..io faccio il fenomeno quando è dove mi pare.
      Secondo…io esprimo la mia opinione è se non ti sta bene me ne dispiaccio ZERO.
      Terzo….il fair play finanziario prevede, di fatto, l’auto finanziamento. Informati.
      Perché la Roma vale come appeal il Chessa o il City ? Scendi da Marte o da dove tu sia.
      Infine..TU vuoi vincere ? Ahhhhhhhhhhhh, invece a noi ce piace perdere. Che scemi….basta cacciare Pallotta è poi titoli come se piovesse, no ?
      Bravo bravo….Però non ti vedo fuori Trigoria ogni giorno a protestare….

  19. approfitto per ridire due parole su Pallotta. Io non credo sia il miglior presidente del mondo, perché di solito uno lo diventa quando vince, ma non posso manco dire che sia il peggiore della Roma. Non conoscerà il calcio, ma dal suo arrivo s’è circondato di gente competente, vedi Baldini e Sabatini prima e ora Monchi. Non ha mica preso il DS del Crotone! Poi certo, errori ne ha fatti tanti ma anche qua, come tutti quanti e come tutti quanti vende alcuni giocatori. La Juve ha venduto Bonucci e gioca con uno scarto nostro e del BM, Barzagli che c’ha 50 anni e Chiellini che è sulla via del tramonto! Pjanic che non ha mai inciso chissá quanto ha preso il posto di Pogba. Io tra i due mi prendo il francese. Infatti il ManU ha preso lui mica il Bosnio e davanti c’ha Higuain che è fortissimo per me, ma quando decide di non giocare è un peso morto e Dybala che boh, alterna prestazioni da vero fenomeno ad altre da giocatore piuttosto normale.

    Mo, sono d’accordo che non si può smontare la squadra ogni anno ma è anche vero che se cambi allenatore le cose so due: o gli imponi un gioco diciamo societario tipo il Barca dove non potrai mai fare un altro tipo di gioco se non il tiki taka con 3 punte oppure devi rifondare perché il nuovo allenatore vuole nuovi movimenti, diversi giocatori ecc.
    Poi mi chiedo se siano riusciti a dargli una squadra completa. Per me no, ma questo non è mai capitato prima, manco con Capello e non deve diventare una scusante altrimenti non vinceremo mai nulla. Io parto dal presupposto che sta squadra è da quarto posto in su e ce po (ce deve) vince una coppa Italia. In Champions se ce va bene famo terzi al girone e magara che poi in EL magari possiamo dire pure la nostra. Il primo posto dipende da tanti fattori: la squadra, gli infortuni, che fanno le altre e pure un po’ dal culo (se fai 87 punti e arrivi secondo rosichi ma non puoi sperare di fare meglio!). Di Francesco ha il suo gioco, giustissimo, ma deve capire pure come sfruttare al meglio i suoi giocatori.
    Secondo me il calcio non sono gli schemi su tutto, ma i giocatori. Poi ci sono 2 tipi di allenatori forti, secondo me: quelli che capiscono come sfruttare al meglio i giocatori che c’ha: Ancelotti è maestro in questo e quelli che invece riescono a convincere alcuni atleti a fare quello che dicono loro: Mourinho su tutti, ma pure un Conte o un Simeone.
    Per, alla Roma, servono allenatori di questa seconda categoria. Gente con la frusta e che la sa usare e che quando entrano a Trigoria i giocatori se devono cagà sotto solo a sentirlo nominare. Su questo Pallotta è un po’ naif, ma dovrebbe prendere un allenatore così.
    Poi, concludo che sto a diventà un dito al culo e me ne scuso, forza Roma e daje già da domani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here