Di Francesco: “Due punti persi, parlerò con De Rossi” (VIDEO)

4

GENOA-ROMA, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso Di Francesco in occasione di Genoa-Roma, match di Serie A.

POST PARTITA 

DI FRANCESCO A RADIO RAI

“Il gesto di De Rossi? Devo parlare con lui, è un peccato perché il Genoa non aveva tirato in porta. Prende un gol così con rigore ed espulsione a palla lontana fa male. Dzeko? Non ha avuto possibilità di avere grandi cambi, lui si è messo a disposizione della squadra, appena segnerà le cose andranno ancora meglio. Strootman? Sono contento, mancato solo il gol, può ancora fare meglio. Perotti? Ha fatto meno bene rispetto ad altre gare, ma può capitare. Sono contento, però, del suo rendimento in generale”.

DI FRANCESCO A ROMA TV

“La partita? Partite facili non ne conosco. La capacità della squadra è stata saper attendere e non concedendo nulla agli avversari fino al gol che è venuto su rigore da una palla lontana. Peccato perché avevamo fatto un match molto intelligente. Il Genoa ha aspettato l’avversario e hanno giocato come dovevano. Anche noi lo abbiamo fatto pur essendo poco lucidi in qualche occasioni. Peccato per l’ingenuità di Daniele che ha compromesso la partita. Avremmo potuto vincerla anche nel prosieguo. L’episodio finale e le proteste? Non ho visto se il VAR poteva essere usato su Fazio. L’arbitro non mi è piaciuto nella gestione dei cartellini. Noi abbiamo preso tanti ammoniti e loro solo uno. La tutela deve essere per chi cerca di giocare più a calcio. Troppo nervosismo in campo? Qualche giallo lo avrebbero meritato. Sul palleggio abbiamo dominato, a volte siamo stati sterili ma loro erano schiacciati. Abbiamo chiuso troppo il campo con i terzini. Nella ripresa abbiamo fatto meglio però queste partite prima si sbloccano più ti facilitano. Di partite come queste ce ne saranno sempre. Io ero contento alla fine della prestazione, sapevo che si poteva soffrire e che si poteva far fatica. Se io per 70’ non ti faccio tirare in porta vuol dire che ho fatto una gran partita al livello di possesso. Cosa è mancato alla squadra? Noi abbiamo giocatori come Perotti, bravi nell’uno contro uno. In certe partite può venire a mancare qualcosa a livello fisico. Ci è mancata un po’ di ampiezza tra le linee. Ci sta di soffrire perché anche palleggiatori come quelli del Napoli vanno in difficoltà contro le squadre molto chiuse e anche oggi le hanno trovate. La capacità sta nel fare gol mantenendo una gestione buona della palla. In velocità si poteva fare un pochino meglio. Defrel e Schick? Buone sensazioni, ero indeciso se far giocare il francese dall’inizio. Per Schick era troppo presto. Sono entrati bene in partita e potevano segnare nel finale. Anche in 10 abbiamo continuare a fare la gara, abbiamo preso una traversa e loro hanno salvato una palla sulla linea. In altre occasioni abbiamo fatto più fatica. Si può storcere il naso ma ci sono situazioni di partita differenti”.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Poco turnover oggi?
“Perotti non è stato brillantissimo. Sapevo che poteva dare qualcosa nell’uno contro uno oggi. Siamo andati in vantaggio e ce la siamo pareggiata da soli questa partita. La squadra è scesa con la mentalità giusta in campo. La prestazione è stata buona e rovinata da una grandissima ingenuità”.

Il gesto di De Rossi?
“La foga a volte lo porta ad esasperare alcuni episodi. E’ stato ingenuo perché magari istigato un pochino, non lo giustifico comunque. Gli episodi fanno parte del calcio. Daniele si è sempre preso le sue responsabilità ha anche chiesto scusa. Il Genoa già fatto la partita che doveva fare con una grande squadra come siamo noi. Se sbagli troppo negli ultimi metri però poi questo è il risultato. Posso chiedere solo più lucidità niente di più”.

Schick?
“Non posso giudicarlo per 5′. Si è allenato due volte, l’ho visto bene in allenamento. Ho osato nel finale e poteva anche fare gol. E’ stato fuori tanto tempo. Lui è forte ma non ha 90′ nelle gambe al momento. Non condivido l’operato dell’arbitro oggi. Il Genoa ha fatto una gara molto aggressiva e ha avuto solo un ammonito. Noi dobbiamo però trovare equilibrio e stare più tranquillo. La squadra non ha concesso niente per 70′, hanno pareggiato senza mai tirare in porta. Sono due punti persi per noi”.

DI FRANCESCO A SKY SPORT

“Il mio giudizio sul gesto di De Rossi? Una grande ingenuità, lui lo sa, non è un ragazzino, è il Capitano della squadra. Loro hanno fatto una partita di grande contenimento e noi siamo stati capaci di non concedere quasi nulla agli avversari, fino al gol nostro e poi abbiamo trovato le soluzioni giusti per far male all’avversario. Non ho ancora parlato con De Rossi ma è dispiaciuto per quello che è accaduto, è inevitabile che sia così, col Var non si scappa ma io credo che l’arbitro abbia concesso troppi falli agli avversari e ha ammonito un solo giocatore del Genoa rispetto ai tanti nostri sanzionati. Stare sotto la palla non vuol dire per forza stare attaccati all’area di rigore, si può essere anche un po’ più alti, loro giustamente hanno deciso di rimanere bassi e concederci poca profondità e pochi spazi tra le linee. Abbiamo concesso poche ripartenze e qualche tiro in porta, è ovvio che la squadra era in difficoltà per l’inferiorità numerica, io volevo fortemente una vittoria ma non è arrivata. Credo che la Roma avrebbe meritato di vincere anche per quella che è stata la lettura della gara”.

DI FRANCESCO A PREMIUM SPORT

lL gesto di De Rossi?
“E’ un peccato, sa di aver sbagliato. Ora non si scappa con questi strumenti. Non mi è piaciuto l’arbitraggio, avevamo il 70% di possesso palla ed un solo ammonito degli avversari. Parlo solo di gestione, non di risultato. Tutelare chi prova a giocare a calcio mi sembra opportuno”.

Possesso palla poco efficace…
“Il sotto ritmo te lo danno gli avversari che si difendono. La nostra capacità in queste partite è stata di sbloccarla, dopo ci siamo mossi meglio. Fino a quel momento non hanno mai tirato in porta. L’ingenuità l’abbiamo pagata, sia per il rigore che nell’essere in dieci. Gli abbiamo concesso una possibilità, ma noi due. È un peccato perché non dobbiamo farci del male da soli, questa battuta d’arresto per me equivale a due punti persi”.

Speriamo che questo non cambi i rapporti negli spogliatoi…
“Si commettono le ingenuità, De Rossi non è un ragazzino, si prende le sue responsabilità. Dobbiamo lavorare insieme per evitare queste situazioni. Quando giochiamo siamo una squadra importante, quando andiamo dietro agli avversari in questi atteggiamenti succedono cose che non devono accadere”.

La Roma è in grande costruzione. Stai dando una mentalità clamorosa. Ne sta giovando tanto El Shaarawy…
“Sì, è cresciuto tanto. Oggi non c’era Diego in forma. El Sha a sinistra era meno brillante del solito. E’ in grande crescita, sono contento per lui. Peccato per i due punti, anche se ci teniamo la crescita e la prestazione. Non è facile giocare a Genova”.

Roma presuntuosa?
“Non ho detto così. Consapevole e non presuntuosa, rispettare gli avversari. Non ritengo la squadra presuntuosa. Oggi se vogliamo trovare un aggettivo è ingenua, si era messa sui binari che volevamo, abbiamo tenuto il pallino del gioco. Da un angolo è venuta una palla non pericolosa, ci siamo fatti male da soli”.

Quanto mancano i gol di Dzeko? E perché non impiegare Schick?
“Schick è rientrato da due allenamenti, non posso metterlo subito dall’inizio. Edin ha creato qualche situazione pericolosa, io sono sereno perché conta per me la prestazione di squadra, lui ha le capacità di segnare e ritornerà al gol”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

4 Commenti

  1. Aspetto con trepidazione l’addio al calcio di questo pseudo giocatore. Ci sarà un chiaro ed esemplare segnale della società? La serietà di un’azienda si misura anche da questo. Quest’anno il posto Champions c’è da sudarcelo e vale soldi, indispensabili per il futuro della Roma. Persone in squadra così non ce le possiamo permettere

  2. Caro Di Francesco bisogna che la società si faccia sentire fortemente con gli arbitri sulla gestione del VAR non è possibile che contro l’inter Ed ora con il Genoa non si fa ricorso sul VAR, vedi oggi il fallo di mano e trattenuta su Fazio , e con l’inter il fallo su Perrotti , per non parlare dei cartellini gialli… per quanto riguarda De Rossi non ho parole,, vergognoso quello che ha fatto,,,,

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here