Di Francesco: “Nainggolan non sarà convocato. Chiunque sbaglia, pagherà nello stesso modo. De Rossi out per infortunio” (FOTO e VIDEO)

24

CONFERENZA DI FRANCESCO ROMA ATALANTA – L’allenatore giallorosso Di Francesco interviene in conferenza stampa alle 14.45 alla vigilia di Roma-Atalanta. Il tecnico capitolino introduce il match rispondendo alle domande dei giornalisti presso la sala conferenze del centro tecnico sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria.

Da Trigoria:
Alessandro Tagliaboschi

TRASCRITTA FEDELMENTE ASCOLTANDO L’AUDIO DELLA CONFERENZA STAMPA

LA CONFERENZA STAMPA 

Di Francesco: “Vi rubo la parola perché prima che mi chiedete di Nainggolan ne parlo io e poi iniziamo a parlare della partita, che è molto importante: con la linea guida dettata sempre dalla società e pienamente condivisa da me e condivisa e accettata, e lo ribadisco da Nainggolan, il giocatore domani non sarà convocato. Questa decisione si lega ad un modo di fare che deve essere continuativo per chiunque dell AS Roma calcio, calciatore o chi rappresenta la Roma commette determinati errori. Cose inaccettabili e che non saranno più accettate. Chiunque sbaglierà, anche minimamente, pagherà nello stesso modo, questa è la linea. I pensieri generali mi interessano dopo, Radja non sarà convocato”.

Censi, Roma Radio: Quanto incide la differenza di stati d’animo tra noi e l’Atalanta?
Loro hanno fatto un’impresa vincendo a Napoli ma avevano perso in casa quella prima contro il Cagliari. Anche per loro è stata una battuta d’arresto in una partita che avevano dominato come spesso facciamo noi. Ora hanno ritrovato grandissimo entusiasmo dopo la partita con il Napoli ed è forse la squadra peggiore che potevamo trovare in questo momento in cui facciamo fatica a fare gol e a portare a casa risultati positivi. C’è un unico modo: compattarci ancora di più, essere ancora più determinati nel portare a casa tre punti, sapendo che davanti abbiamo una squadra che ha dato filo da torcere a tutte le grandi squadre e non. Ha grandissima fisicità, ha un ottimo allenatore e vive di grande entusiasmo. Ma perché questo entusiasmo non ce lo possiamo avere anche noi che abbiamo la possibilità di essere, con il recupero con la Sampdoria, a 6 punti dalla vetta e nello stesso tempo cercare di portare avanti il nostro cammino con la possibilità che anche le altre possono inciampare. È il nostro dovere ed è importantissimo affrontare questa partita per vincerla, sapendo che davanti abbiamo una squadra forte. Sarà molto importante avere dalla nostra il sostegno della nostra gente, del nostro pubblico anche nei momenti come questo.

Calicchia, Roma Tv: Cosa può mettere in difficoltà la Roma dell’Atalanta?
Io direi che anche l’Atalanta può essere messa in difficoltà dal gioco della Roma con la capacità di aggredire e di portare la palla dall’altra parte. La capacità sta nel cercare di portare più possibile la palla nel campo avversario. Loro sono bravi ad aggredirti nella tua metà campo ma è quello che noi abbiamo fatto spesso nelle ultime gare, magari cercando di giocare, come contro il Sassuolo che ha fatto poco possesso ma ha verticalizzato molto. Nel primo tempo qualche difficolta ce l’ha creata ed è anche quella che ci potrebbe creare l’Atalanta. Dobbiamo giocare nello stesso modo, con la stessa mentalità e cercare ugualmente di portare più possibile la nostra aggressività nella loro metà campo.

Mangiante, Sky Sport: Cosa è emerso in questi giorni sul problema dell’attacco?
Il problema dell’attacco ce lo portiamo sempre dietro e dare risposte ogni giorno mi sembra a volte anche di andarmi ad attaccare a qualcosa che non c’è. Io qui ho i dati di tutto il campionato e per me sono importantissimi. Se una squadra non corre non ha il miglior possesso palla del campionato. Se una squadra non ha una buona condizione fisica non tira come il Napoli con una partita in meno, non ha la miglior difesa del campionato, non ha il presidio nella metà campo avversaria per così tanto tempo. Siamo veramente carenti nei gol segnati, siamo 7° in classifica e questo è il dato più preoccupante di questo momento. Noi dobbiamo solo cercare di buttarla dentro, in questo periodo della stagione dove abbiamo creato veramente tanto, abbiamo creato situazioni di vantaggio importanti e non siamo stati per niente bravi nel finalizzare. Questo è un dato di fatto perché se tiri in porta quanto il Napoli ma loro hanno fatto molti più gol, qualche problemino c’è e va migliorato. Il campo darà la risposta giusta e mi auguro già da domani.

Menghi, Il Tempo: Fino ad un paio di mesi fa si esaltava la mentalità della Roma. Invece Monchi, ha parlato di mentalità vincente che manca. E’ stato fatto un passo indietro? De Rossi sarà convocato?
De Rossi non sarà convocato perché ha provato a rientrare con la squadra ma si è riacutizzato un problemino muscolare che aveva avuto in settimana. Condivido la mentalità del direttore pienamente. Questa però non si costruisce solo nei momenti positivi ma si acquisisce anche nei momenti negativi, come questo. È il periodo peggiore da quando io sono alla Roma per quanto riguarda i risultati. Dobbiamo avere ancora più forza. Qualcosina emotivamente potremmo aver mollato ma a volte è anche inconscio. Io, la società e il direttore dobbiamo essere bravi a riportare l’attenzione e l’applicazione che avevamo in precedenza. Manchiamo in alcuni particolari dove prima non sbagliavamo. Il filo è sempre sottile tra partita vinta e persa. Paradossalmente con il Sassuolo nel secondo tempo, dove abbiamo concesso poco e nulla agli avversari, abbiamo subito l’1-1 quando avevamo avuto delle occasioni per chiudere la gara e magari oggi parleremmo in maniera differente. In questo momento dobbiamo essere incudine. Silenzio, lavoriamo e portiamo a casa i tre punti.

Pastore, Il Romanista: Nelle ultime settimane tanti gol subiti su calcio piazzato, dopo non averne mai subiti. E’ un caso?
In Serie A i gol sono segnati in area di rigore in grandissima percentuale. C’è stato qualche posizionamento sbagliato, ma anche tanti fatti bene. Sul gol di Missiroli volevamo fare una buona presa di posizione ma mezzo metro ha fatto la differenza. Sui calci piazzati abbiamo provato l’uomo, nell’ultima partita abbiamo fatto la zona, per far capire ai ragazzi che la differenza non sta nell’uomo e nella zona ma sta nell’attenzione a determinate marcature. Mi auguro che non accadano gol come con Torino e Juventus. Se uno stacca un metro più in alto degli altri è stato bravo e gli facciamo i complimenti ma non è quello che è accaduto negli ultimi gol presi dove è stata più una nostra disattenzione.

Pugliese, Gazzetta: Un’analisi del momento di Kevin? Dove sta faticando?
Secondo me più se ne parla e peggio può essere. Ha un carisma, una forza tale e una capacità di uscire dalle difficoltà da grande professionista. Mi auguro che sia sempre resiliente perché si allena sempre ad altissimo livello. Dal punto di vista fisico fa sempre una prestazione di grandissimo livello. Tutti quanti ci aspettiamo qualche gol e assist in più. Con dedizione e lavoro riuscirà a fare gol e assist. Non ci riuscirà da solo, ma insieme ai suoi compagni.

Cuppini, Repubblica: Durante il discorso di Monchi c’era Totti. Quanto conta il suo carisma in questi momenti?
Francesco è fondamentale, anche se voi ne sapete più di me di quanto successo. Francesco era col direttore perché rappresenta questa società ma sopratutto ha grandissima conoscenza dei calciatori, conosce benissimo le dinamiche che ci sono all’interno dello spogliatoio e ci può aiutare. E’ un grandissimo vantaggio averlo, non lo dico tanto per dire. Sta facendo un percorso importante da dirigente. Non è solo lui che ci sta dando qualcosa di importante ma anche noi stiamo dando qualcosa di importante a lui per la sua futura carriera.

Valdiserri, Corriere della Sera: Perché aspettare così tanti giorni per prendere una decisione come quella che ha comunicato oggi?
Io le dico in conferenza le decisioni, non mando messaggi. Nelle cose che si fanno ci vuole ponderatezza, capire perché le cose accadono. E’ una situazione anomala, è stata fatta una scelta, l’importante è farla, non quando è stata fatta se vogliamo puntualizzare va bene. Io potrei averla fatta il primo, ma la comunico qui. Poi non lavoro da solo, lavoro con altra gente, che cerca di portare una mentalità vincente, che si riscontra anche nei comportamenti.

D’Ubaldo, CorSport: C’era qualche giocatore esuberante come Nainggolan nella sua squadra, di cui non se ne è saputo notizia? Situazioni simili nel suo percorso l’ha già gestita?
Situazioni simili non mi erano mai accadute, lo ribadisco. Il social che piace tanto, anche giustamente perché ti fa avere notizie immediate e ti fa stare in contatto con i propri beniamini, deve essere di esempio. Radja sa di aver fatto qualcosa, è inutile stare a parlare di qualcosa che è già stato fatto. Un conto è se le immagini ti vengono rubate, ma farsele da solo è ancora un qualcosa in più, è peggio. Ognuno si sta prendendo le sue responsabilità, come è giusto che sia. Quello che accadeva una volta mi interessa relativamente, adesso è un altro calcio e il modo di pensare è diverso. Da calciatore si pensa in un modo, da allenatore in un altro.

Parisi, Centro Suono Sport: Volevo tornare su Schick. Come sta vivendo questo momento difficile? Domani giocherà?
Sicuramente non giocherà in coppia con Dzeko, giocherà o l’uno o l’altro. Abbiamo dato tutti quanti troppo peso a Schick per poterlo inserire, mi ci metto anche io dentro. Mi è stato chiesto di Schick quotidianamente anche due mesi fa quando non giocava. Bisogna farlo crescere e maturare dal punto di vista psicologico, deve capire dove è arrivato, è il passaggio più importante che dobbiamo fargli fare e va fatto gradualmente e con intelligenza da parte nostra perché è un patrimonio del calcio, ha grandissimi mezzi e lo ridico dopo una prestazione negativa contro il Sassuolo. Al di là del ruolo, credo che un giocatore possa stoppare bene la palla in qualsiasi ruolo, ma ha sbagliato cose semplici, si vede che è stato in difficoltà nel superare certe situazioni. Deve essere umile nel lavorare e dimostrare di essere il giocatore che era nella Sampdoria, dove ha giocato a fasi alterne e dove spesso è entrato e non ha giocato da titolare. Sul giocatore ci puntiamo eccome.

Trinca, Tele Radio Stereo: Cosa si aspetta nel 2018 da chi è arrivato in estate e ha giocato meno? Gonalons verrà utilizzato con continuità?
Non posso dirti come verrà utilizzato. Domani sarà della partita. Come tanti altri calciatori hanno giocato quello che dovevano giocare. Spesso quando si arriva in un ambiente e in una squadra importante come la Roma c’è un periodo di adattamento. In alcuni casi per poter vedere ed analizzare ho forzato un po’ le cose. In alcuni casi mi è andata bene, in altri male. Vedere il calciatore il giovedì in allenamento oppure in campo nella partita è diverso. Mi auguro di poterli utilizzare ancora di più, ma credo che siano stati utilizzati il giusto fino ad adesso.

Cotumaccio, Rete Sport: Florenzi ha parlato di un anno più che buono, anche se è stata eliminata tre volte dalle coppe. Si deve migliorare su questo? Non uscire dalle Coppe?
Infatti non siamo usciti in Champions, siamo agli ottavi, credo che abbiamo fatto qualcosa di importante. Il problema non è tanto uscire o non uscire, ma è non accontentarsi. Non ci dobbiamo accontentare e non dobbiamo massacrare tutti. Non dobbiamo buttare all’aria tutto ciò che di buono abbiamo fatto fino a questo momento. Ci sono degli errori e vanno migliorati, però il passaggio è quello che dici tu, bisogna dare il massimo e cercare di non tralasciare nulla. Il tutto parte da comportamenti e situazioni anche fuori dal campo, già da lì si preparano le partite. I match li prepari durante la settimana, in quello che fai a casa, in ciò che è il tuo vissuto. E’ determinante per diventare una squadra vera e che ambisce. Per arrivare alle prestazioni vere ed importanti bisogna capire che tutto nasce dal non trascurare nessun dettaglio.

ROMANEWS.EU SEGUE L’EVENTO IN TEMPO REALE

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

24 Commenti

  1. Ho notato un comportamento lesivo più da parte di De Rossi quando contro il Genoa ha dato un cazzotto in faccia che ci ha fatto perdere la partita più che del Ninja che in campo ha sempre dato tutto. Siamo sicuri che sia cambiato qualcosa in merito al peso dei “romani” in squadra?
    Coerenza no eh?

  2. 0-3 per l’atalanta e tutti a casa. Roma definitavamente fuori da ogni discorso di vertice … Dopo tutto è quello che vogliono, così niente acquisti e solo cessioni … contenti loro

  3. Queste staristiche confermano che la fase offensiva della Roma è patetica. Dopo un lento e sterile possesso palla si te tano tiri impossibili. Non ho capito il punto di vista sulla coppia Dzeko-Schick, perché se Di Francesco pensa che non possano coesistere allora abbiamo sbagliato campagna acquisti di parecchio…

  4. @Cec .. Daniele è stato multo e quello è un gesto “da campo”. Sbagliato, multabile e così è stato. Quella di Radja è forse una goliardata .. ma lui si fa appositamente un video mentre fuma, beve, etc … Ed il messaggio che rischi di far passare è: me ne frego di tutti e tutto. Io sono Radja e faccio quello che mi pare.
    No, tu fai quello che ti pare (e non è comunque vero), se mi fai vincere le partite da solo. Quest’anno, al momento, non lo hai fatto ed anzi hai giocato bene 2/3 partite e le altre sei un pò sotto i tuoi standard. Quindi divertiti, ubriacati, ma lo fai dentro casa tua e ti atteggi di meno.
    Poi questo è solo il mio pensiero, ci mancherebbe …
    @matteo .. capisco l’amarezza … certo, la società vuole arrivare sesta/settima .. così tutti i giocatori si deprezzano e quindi li vendono a metà del loro valore…. dai su, per favore

    • Radja ha sbagliato,sarebbe stato multato vero o no di 100.000 euro che non so fusaglie, nemmeno per un giocatore che guadagna tutti quei soldi…poi domani giochi senza nemmeno derossi, quindi hai i giocatori contati a cc.Il giocatore non ti avra’ fatto vincere le partite da solo,ma se vai a vedere le pagelle dei quotidani e’ il secondo con la media piu alta dopo kolarov,in piu ti manca un giocatore che corre e rincorre tutti,e qualche goal lo segna.io spero che la roma domani vinca lo stesso,ma se non vince la societa’ e Di Francesco quest’anno se candidano al tapiro d’oro…Forza Roma

      • tu hai ragione. Ma è così che fai crescere anche gli altri. Domani chi giocherà, sa che non ci saranno lui e nemmeno Daniele. Com’è la battuta ? Quando il gioco si fa duro … ecco, domani capiremo chi ha gli attributi e chi no. Se perderemo, vorrà dire che gli altri non crescono … se vinceremo, mai sai che botta di fiducia ed adrenalina per tutti ? Comunque Gonalons, Strootman, Pellegrini … insomma, non saranno i migliori al mondo .. ma almeno sulla carta non sono nemmeno pippa 1, pippa 2 e pippa 3.

        • Sono d’accordo ma ammetterai che ci siamo messi in un bel cul de sac.
          Se vinci hai fatto il tuo,anche se sono d’accordo con te che aumenta l’autostima,il problema e’ che senza radja comunque hai meno dinamismo a cc,non dico che quelli che giocano sono pippe solo che sono calciatori diversi con altra tempra.Io ne faccio un discorso puramente egoistico, avessi giocato col benevento ok,ma perche’ devo dare sto vantaggio agli atalantini? Non lo so mi sembra tanto la storia del marito che se lo taglia per far dispetto alla moglie….comunque Forza Roma sempre e speriamo che domani dimostrano che so una squadra da battaglia col coltello tra i denti

  5. In linea di massima la sanzione sarebbe perfetta. Ma se la Roma non dovesse vincere con l’Atalanta, aspettiamoci schiere di tifosi Romanisti saltare sul carro contro Di Francesco.

  6. Di Francesco uomo di carattere prima di tutto .
    Le regole valgono per TUTTI , dal ragazzino della primavera al campione titolatissimo . Solo così si costruiscono gruppi vincenti

    • Le decisioni le ha prese la societa’, Di Francesco ha solo accettato e condiviso,questo si legge nell’intervista,non mi pare che la decisione l’abbia presa Di Francesco,non gli spettava nemmeno forse,dov’e’ sto carattere???

  7. Tagliamoci anche le pa… come quello che doveva far dispetto alla moglie, così non arriveremo neanche al 4 POSTO, dopo quello che ho visto domenica allo stadio contro il Sassuolo, correva solo LUI!!! Una vergogna!!! Naing. doveva essere solo multato!!!! Sabato aspettativi i fischi e i corri e qualche va…. pensiero ai dirigenti, che danno retta ai media moralisti!!! Sempre Forza Roma!!!

  8. Hanno permesso a capitan Totti negli ultimi dieci anni di fare il bello e cattivo tempo…di andare a prendere a calci davanti ad un intero stadio un calciatore avversario,di mandare palesamente a quel paese allenatore ,compagni ed avversari, di rientrare direttamente negli spogliatoi dopo una sostituzione senza rispettare il regolamento interno che prevede risedersi in panchina,di andare in TV a sparlare dell’allenatore e di chiedere rispetto (!!!) ed ora si ricordano di fare o essere seri proprio con Naingolan che più di ogni altro incarna il ruolo del combattente e del gladiatore di questa squadra.Uno che ha i nostri colori cuciti sul petto e l’ha dimostrato in tanti modi,un condottiero veo che ha giocato pure da infortunato( vedi Derby vinto). Allora i cazzotti di De Rossi o le sue simulazioni e quelle Di Strootman (vedi partita con Napoli) che hanno creato un vero danno di immagine e che sono passate sotto silenzio…..? Ditelo chiaramente che a questo punto avete messo su un piatto d’argento la sua cessione…

    • purtroppo temo tu abbia ragione,che la prossima uscita possa essere Radja,al momento rimane l’unico che c’ha mercato e che c’ha il movente per il suo comportamento,tutti ingredienti per il delitto perfetto.Tanto tutti gli anni almeno uno lo vendi

    • sono con te anche questa volta amico mio,come sempre esistono figli e figliastri,se volevano darsi un immagine dovevano incominciare qualche anno fa,allora si sarebbe potuto parlare di coerenza.

  9. Adoro questo allenatore!!! Fermo deciso e sicuro di ciò che vuole, mai scontato. Se un giornalista dice una cosa secondo lui giusta gliene da atto, se la dice sbagliata gli da contro però senza mai offenderlo ma motivando il proprio punto di vista. Sul Ninja che dire, ha sbagliato di brutto, addirittura filmandosi da solo. Un campione dello sport, pagato cifre assurde (come tutti gli altri, giocano pur sempre a calcio) personaggio pubblico e beniamino di tanti bambini NON PUO PERMETTERSI di fare una cosa del genere. Giuste le decisioni prese a mio avviso. Annamose a pià sti 3 punti dajeeeee!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here