Ferrero: “Schick? Può diventare il nuovo Totti. La Juventus già si è pentita”

63

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Massimo Ferrero a Radio Radio: “La Juventus si è già pentita per aver perso Schick, volevano fare ‘a cacio e pepe’, ma io mangio solo pomodoro e basilico. Schick può diventare il nuovo Totti”.

Stefano Agresti a Radio Radio: “Ci lamentiamo tanto della Roma che non spende, ora è giusto sottolineare questo aspetto. La Juve non era convinta di Schick, nemmeno di come metterlo in campo, non è un giocatore di facile collocazione. Ora sarà lui ad adattarsi a Di Francesco o il contrario? La Roma ha fatto come la Juve con Matuidi, ora dovrà ricostruire tutto tatticamente”.

Piero Torri a Tele Radio Stereo: “Roma-Inter? Uno scippo legalizzato, tutte le prime volte toccano a noi. Sugli altri campi ho visto usare la VAR anche per uno starnuto”.

Tony Damascelli a Radio Radio: “Sono contrario agli esperimenti in corso d’opera. Non puoi sperimentare il Var durante il campionato, andava provato in estate per poi introdurlo nelle partite ufficiali. Così non va bene”

Angelo Di Livio a Tele Radio Stereo: “Dopo il 2-1 ho visto tanta rassegnazione e questo non va bene. Sì, puoi avere un attimo di calo, dopo tre pali ed un rigore non dato ma non si deve crollare così”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Se dopo Bergamo mi ero esaltato per il risultato, forse sarò una mosca bianca, io non festeggio la sconfitta dell’Olimpico, nonostante i miglioramenti di gioco. Preferisco prendermi i tre punti che dare una bella impressione agli altri. Una squadra che fa un’ottima gara per 70 minuti e poi si scioglie deve migliorare, quel black-out non è perdonabile. Se abbiamo preso tre pali vuol dire che non siamo stati abbastanza precisi”. 

Riccardo “Galopeira” Angelini a Tele Radio Stereo: “Ho sempre difeso Spalletti ma ora è un nostro avversario e se dice qualcosa contro la Roma per me diventa un nemico. Allo stadio non l’ho fischiato ma non mi è piaciuto il comportamento che ha avuto a fine partita. Roma-Inter è stata una partita falsata perché il primo sbaglio è stato dell’arbitro Irrati e poi anche del Var perché il rigore su Perotti l’ho visto dalla Tribuna Tevere. Il risultato finale è molto bugiardo. I nerazzurri sono molto forti perché Spalletti, nel nostro campionato, è un alieno. Ora bisogna lavorare tantissimo. Non voglio parlare di mercato fino alla chiusura a meno di comunicati ufficiali della Roma. Mi è piaciuto molto Perotti che è stato imprendibile dai difensori avversari e si è sacrificato molto”.

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “La Roma è andata in difficoltà contro l’Inter, soprattutto la difesa. Di Francesco deve far mantenere sempre alta la concentrazione anche quando scarseggia l’ossigeno. Vedo da tempo Manolas in difficoltà ma non riesco a spiegarmi il perché“.

Roberto Renga a Radio Radio: “Quando il Var non interviene è perché ritiene che l’arbitro abbia avuto tutti i mezzi per giudicare da solo. Su Perotti non è intervenuto perché ha ritenuto che l’arbitro era posizionato benissimo per decidere da solo. Poi lì ha sbagliato l’arbitro secondo me”.

Claudio Moroni a Centro Suono Sport: “Il problema del terzino destro resterà anche quando rientrerà Karsdorp perché l’esterno alto deve coprire per tutta la fascia. La rosa della Roma, con Schick, è perfetta per giocare con il 3-5-2, diventerebbe una delle squadre più forti della storia giallorossa. Se Di Francesco non lo capisce, allora è di coccio. Schick non mi fa rimpiangere Salah ma deve essere messo in condizione tatticamente di giocare”.

Salvatore D’Arminio a Centro Suono Sport“Io sono un orfano tattico di Spalletti ma ora sono al fianco di Di Francesco. Devo dire che sabato il tecnico ha sbagliato formazione. Per una partita avrei schierato la difesa a tre, per una partita. Anche i cambi mi hanno convinto poco. Poi c’è stata la sfortuna e il rigore nettissimo non concesso. L’acquisto di Schick non serve a niente”.

Franco Melli a Radio Radio:Var da togliere subito, sta facendo più danni della grandine. Ci sono partite falsate, l’Inter ha rubato. Il Milan ha rubato. Doveva aiutare, invece ha ingarbugliato peggio la situazione“.

Furio Focolari a Radio Radio: “Dove è che ha sbagliato la Var? Se non viene usata la colpa è dell’addetto al Var. Non è colpa della macchina”.

Dario Bersani a Tele Radio Stereo: “Quest’anno il Napoli ci riproverà, è forse la squadra più vicina alla Juventus in questo momento. La partita della Roma di sabato? Dobbiamo capire perché sull’1-1 la Roma è uscita dal campo. Per caratteristiche mi sembra strano che Schick sia l’alternativa a Mahrez”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “La Roma è abbonata alla sfortuna, ma se prendi uno schiaffo dall’Inter devi saper reagire. Sarà una banalità, ma un punto è meglio di zero, sono andati in bambola. Devi reagire in maniera diversa, porta a casa pure il pareggio. Da sabato, mi prendo la voglia dei senatori“.

Nando Orsi a Radio Radio: La Roma poteva avere 6 punti, ha giocato meglio con l’Inter e secondo me è stata anche derubata. Meritava di vincere invece ha perso 3-1, questo Var qualche dubbio me lo dà. L’arbitro non si prende la responsabilità di fischiare un rigore”.

Mario Mattioli a Radio Radio: Var? Occorre dare tempo che regolino gli interventi. La classifica dopo queste due giornate dà più o meno quelli che sono i valori del campionato”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Io sono innamorato del Var, è una figata. Toglie la sudditanza, la famosa sudditanza psicologica viene meno. E’ una grande invenzione. Chi ha i fuoriclasse vince, questa è un po’ la storia di queste partite iniziali”. 

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio: “Ora la Roma prenderà Schick, ma siamo sicuri che serva solo lui? Io credo che serva anche un grande difensore, altrimenti la Roma barcolla”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

63 Commenti

  1. Chi pensava che VAR avrebbe risolto il problema si è già ricreduto. Non ci dimentichiamo due cose: che contro l’Atalanta il palo ha salvato noi e che se prendi il palo non sei sfortunato, sei impreciso. La Roma non regge ancora 90 minuti ma la nota positiva è che, malgrado una squadra rabberciata e con un allenatore nuovo, si inizia a vedere un capo e una coda. I problemi sono sempre i soliti dal 1927: la Roma è incapace di gestire un risultato e per segnare deve tirare 87 volte in porta, sennò non entra. Il tifoso di una normale squadra di calcio quando c’è una chiara occasione da rete è già lì che zompa sul divano e pensa “Goal!”. Quello della Roma invece si paralizza, gli entra un polpo nello stomac e la prima cosa che pensa è: “come faranno a sbagliarlo?”. I tifosi della Roma li riconosci subito perché esultano solo dopo che l’arbitro ha fischiato, non ci credono manco loro. Di Francesco sta lavorando bene, comunque, ma Spalletti lo ha fregato coi cambi perché è più esperto.

    • @jacopo sono pienamente in sintonia su quello che hai scritto, var, pali, sfortuna e tradizione che ci trasciniamo dietro da anni. Però sarei meno preoccupato se sabato avessimo giocato male, da una partita totalmente sbagliata puoi ripartire, ma se giochi bene e perdi 3-1, la cosa mi preoccupa molto al netto degli errori arbitrali e dei pali. E poi dall’altra parte io non ho visto una squadra di fenomeni (Icardi a parte che in campo è fortissimo) la differenza, purtroppo, almeno per ora sta tutta in chi siede in panchina come allenatore ( Di Francesco si farà ma ci vorrà tempo), perchè quello che avevamo era fortissimo , quest’anno si sarebbe dovuto preoccupare di allenare senza “problemi di mezzo” ( è lui che ha fatto il record di punti) ma grazie alla “ignoranza” e “stupidità” di molti pseudotifosi, di giornalai e parolai vari lo abbiamo insultato per un anno e regalato alla concorrenza, che ambiente di fenomeni che siamo!!!

      • Ciao Antonio,
        spesso sono in sintonia, ma questa volta no.
        Spalletti è stato un ipocrita, è ingenuo pensare che se ne sia andato per l’ambiente.
        Si era accordato sin da gennaio con l’Inter, portando avanti motivi pretestuosi per giustificare la fuga.
        Nessuno può veramente credere che si sia accordato in una settimana!
        Sapeva benissimo che quest’anno avrebbe potuto lavorare libero dall’affaire Totti, ma ha scelto i soldi della prescrittese e le promesse (poi non mantenute) di grandi calciatori.

        Nella querelle con Totti ero dalla sua parte, ma comportandosi in questo modo ha confermato quello che è sempre stato, un animatore del torbido (ricordiamodi di quanto fece con il Chelsea ).

      • @Ciao anto,sono d’accordo con te,l’unica cosa in cui differisco è che io sono convinto che il Toscano sia andato via non tanto per l’ambiente e per Totti,che pure ha avuto la sua importanza,ma perche’ Pallotta ha disatteso le promesse che gli aveva fatto,infatti a gennaio gli ha “prestato”un giocatore fermo da 2 anni,credo che sia questa laragione fondamentale,@Giovanni perche’ traditore,semmai è la societa’ che ha disatteso le promesse,vorrei ricordarti che Spalletti è stato l’unico ,insieme ad Orrico(inter)ad aver dato le dimissioni vere e non concordate con la buonascita,questo per dirti che non è andato all’inter per soldi,e se anche i Cinesi faranno i furbi come gli americani,andra’ via anche da li’,a Spalletti gli si puo’ imputare tutto ma non la mancanza di coerenza,un caro saluto

        • Fabiano e Giovanni, cari ragazzi rispetto le vostre opinioni, ma Spalletti (che certamente non ha un carattere facile) è stato insultato per un anno, abbiamo assistito (nel silenzio colpevole della Società) alla moglie di un giocatore che gli ha dato del “piccolo uomo” e del “fallito”, situazione che non ha riscontro nella storia del calcio, ma se fosse stati voi al suo posto che cosa avreste fatto? Sareste rimasti? Certamente la decisione l’ha presa prima e non a maggio ma il mercato futuro non c’entra nulla, nessuno al suo posto sarebbe rimasto, si è lacerato il rapporto tra lui e tutto il resto(squadra società e tifosi) e per quale ragione? Perchè gli si imputa l’abbandono al calcio giocato di chi da tempo avrebbe dovuto autonomamente rendersi conto che era già passato il tempo del ritiro. Ora, è normale che dobbiamo guardare avanti, ma qui a Roma se noi ragioniamo così, se continuiamo a credere che le cose sono “la romanità” e amenità del genere, continueremo ad essere un ambiente immaturo e continueremo a veder vincere…..gli altri. Un carissimo saluto ad entrambi, vi leggo sempre con piacere.

          • @Anto noi non sappiamo cio’ che è accaduto nelle segrete sta nze,puo’ anche darsi che avesse chiesto una presa di posizione piu’ netta dalla parte della societa’,ma a parte coloro che pensano di sapere tutto,noi non sappiamo niente,ma io resto convinto che se Pallotta gli avesse fatto la squadra per vincere,sarebbe rimasto.Hai detto bene non ha un carattere facile,ma è una persona leale e soprattutto ama Roma e la Roma,ma naturalmente è solo una mia convinzione.un caro saluto

      • @Anto ma davvero pensi ancora a Spalletti ? basta è il passato pensiamo al presente ed al futuro . Spalletti , sicuramente per quello che si può permettere la Roma era il top , il tecnico migliore ma per sua scelta ha preferito andare all’Inter poichè non era convinto dal progetto Roma e da Pallotta . Sapeva che sarebbe andato incontro all’ennesima rivoluzione, che avrebbe perso dei titolari e non se l’è sentita di continuare ma da infido e piccolo uomo qual’è si copre per l’ennesima volta dietro Totti , Tottiani , l’ambiente , i fischi …….. apprezzo molto di più Garcia (che non vale tecnicamente / tatticamente neanche la metà del pelato) ma che almeno è stato fin troppo chiaro sui limiti della Roma . E’ riuscito a spaccare ancora di più un ambiente che già non era unito .
        Ora è un nemico come tutti gli altri , pensiamo veramente alla Roma e non stiamo sempre a piangerci addosso . Comunque sia, la rivoluzione di ogni anno non è colpa ne di difra ne tanto meno di Monchi , fino a quando saremo costretti a ripartire da zero non faremo mai niente .
        @LUPO , siccome vedo che sei molto critico nei confronti di Monchi , mi permetto di ricordarti il calciomercato della scorsa estate di Sabatini:
        Peres 15 – Jesus 12 – Gerson 18 – Rui 11 – Allison 6 – Fazio 6 + prestito Vermalen
        cioè circa 70 pippi buttati .
        Qui ancora non è iniziata la stagione e Kardsdop è na sola , Schick non può giocare esterno , Pellegrini deve giocare al posto di Strotmann , Difra è un talebano che non capisce niente di calcio , Defrel è stato pagato troppo . Per fortuna che sono il laziale , quello che ascolta le radio ,che ce l’ha con Pallotta (chissà perche )?! ……..
        Forza Roma

        • Emiliano, io non penso ancora a Spalletti, faccio considerazioni su quello che è successo l’anno scorso, e lo reputo anomalo e reputo che il limite grosso che c’è qui a Roma è non voler comprendere quello che è accaduto. Io con Spalletti non ci andrei nemmeno a cena (troppo permaloso) ma come allenatore è un grandissimo, solo qui siamo riuscito a insultarlo e non è accaduto in nessuna parte del mondo che chi ti fa fare il record di punti (che fino a qualche anno fa ci avrebbe fatto vincere lo scudetto alla stragrande) venga insultato in questo modo, se poi per te è normale, abbiamo purtroppo concetti molto diversi su come si intende tifare, è vero che il tifo spesso ti fa perdere la razionalità ma non volersi rendere conto di come stanno le cose, ovvero comportarsi come se il “GRA” fosse, calcisticamente parlando, l’ombelico del mondo è il nostro grande e insormontabile limite.

        • @emiliano So che non perdi occasione x citarmi perchè sono un antitottiano per eccellenza ma riportami ,per favore, e con dovizia di particolari il giorno e l’ora dove ho scritto che Karsdopp è una sola o che Pellegrini deve giocare titolare al posto di Strootman. Rileggi attentamente .

    • Che ridere, è proprio quello che mi è successo sabato sera… Continuavo a chiedere se il gol del Bomber era valido, se dovevano guardare la Var e non capivo, ma poi era goal.
      Grande Roma, adesso si devono solo alleggerire un pò le gambe ed è ok. Schick secondo me è in linea con il calcio europeo(soprattutto a nord), molto fisico e poco giocherellato. E’ un cambio rotta fondamentale nel gioco alla “brasiliana” della Roma degli ultimi 30 anni. E Monchi ha quell’idea, anche Difra. Quindi vuole giocatori così. Anche il turco che è piccolino comunque ha una bella gamba e non fa cinque tocchi. Bella Roma. Forza Roma.

    • Di Francesco sta lavorando bene, comunque, ma Spalletti lo ha fregato coi cambi perché è più esperto.
      Bravo!!! Condivido in pieno.
      L’Inter il primo tempo l’ha giocato male. Poi un allenatore esperto come Spalletti ha tolto il peggiore in campo, Gagliardini e l’ho ha sostituito con Joao Mario piazzandolo sulla trequarti e spostando BorjaValero sulla mediana. Fuori il terzino giapponese nè carne nè pesce e al suo posto ha infilato Dalbert molto veloce e che ha dato una mano a Perisic. Nel contempo Difra ha tolto Defrel che dava sempre una mano a Jesus e ha messo Elsha che non arretra. Il gioco è fatto. Roma 1 e Inter 3.

  2. @jacopo tutto condivisibile tranne il finale . La Roma era padrona del campo , ha avuto a parte i 3 legni , l’opportunità di andare sul 2-0 con il rigore su Perotti . È stata derubata non ho visto cambi particolari di Spalletti .Criticare Difra è pretestuoso , con Jesus terzino dx e Fazio al centro della difesa . Gli si dà del talebano , simil Zeman? C’entra poco , gioca con 4-3-3 dinamico che spesso diventa 4-4-2 , come fanno tutte le big , real – barca – Bayern-psg, in Italia lo fa benissimo il Napoli di Sarri . Il problema è sempre lo stesso , a mio avviso, la Roma è una squadra incompleta che ha iniziato per l’ennesima volta un percorso nuovo , sarebbe stato bello vedere questa squadra con Salah e Rudiguir e magari un terzino dx abile e arruolato .Forza Roma .

    • Sì. C’è anche l’occasione di ElSha salvata sulla linea.
      Di Francesco va lasciato lavorare, purtroppo noi in questi anni non abbiamo avuto né continuità tecnica, né di uomini in campo. Andava fatto un ritiro di un mese e non le pseudo star in giro per il mondo. Il problema della Roma è stato Sabatini (oltre a noti malpancisti nello spogliatoio), ha fatto una frittata con una girandola di calciatori e tecnici e lascia un’eredità pesante. Spero che ora la società abbia capito l’antifona e che lasci lavorare per un bel po’ di tempo l’accoppiata Monchi – Di Francesco, alla Roma serve stabilità, il resto arriva. Io credo che quando Karsdorp rienterà la differenza si vedrà. Sul mercato mi pronuncerò alla sua chiusura, farlo prima è sempre avventato.

    • Hai ragione Emiliano, se poi aggiungi che l’uomo che doveva partire e che voleva partire per una questione meramente economica, appena visti i soldi, è impazzito e ha costretto quel poveraccio di Pallotta a vendere rudiger, allora la frittata è stata completa.
      Comunque attenzione a dire che il problema principale della Roma sia la difesa, la Roma fa una fatica mostruosa a creare occasioni da gol, basti pensare che in due giornate kolarov ha preso la porta più di dzeko Perotti e defrel messi insieme. Davanti non stiamo messi bene.
      Quindi Schick va benissimo perché mi dà gol e assist. Chi se ne frega se non è ala, l’equilibrio lo deve trovare l’allenatore, sta qui per questo. Il Real non si fa problemi a giocare con 3 punte e due trequartisti a centrocampo. Noi abbiamo il centrocampo più forte d’Italia, dicono, anche se a me non sembra se penso a come sta Strootman, deve esser facile trovare una quadra.
      L’attacco è fondamentale, l’Inter per 9/11 non vale la Roma poi c’ha un ala forte e un fenomeno vero e in 20 minuti ti squarta. La Roma oggi non ha la struttura tecnica per ammazzare le partite.
      Quindi ben venga Schick, e non so nemmeno se basti per contrastare Napoli e Juve, serve che ti esploda tra le mani il turco.

      • Hai pienamente ragione ben venga Scick che vede la porta come pochi, poi se guardiamo bene Salah giocava da seconda punta, non è una vera ala si accentrava molto e tornava poco e anche se lo faceva con risultati di scarsa copertura.

  3. Boh io tutta sta gran partita non l’ho vista. Intanto so gioca 90 minuti più recupero. Stare in gara fino al 70esimo e poi crollare cambia poco. Tipo a Lione!
    Poi la Roma ha prodotto solo 3 azioni da rete, quelle con elsharawi e Radja murato. Il resto è stato il cross per dezko, bravo a stoppare e fare gol e i tiri da fuori che possono andare bene come male ma non venivano da schemi. Il resto è stato piuttosto un pianto. Giochiamo un 433 vecchio che non fa più nessuno con ste verticalizzazioni sull’esterno che deve farsi un culo incredibile e dopo un’ora è morto. Poi squadra lunghissima fin da inizio secondo tempo e infatti Spalletti ha spostato borja e perisic, tolto nagatomo nullo e in 45 minuti ha creato 6-7 occasioni da gol. Noi gli abbiamo dato in mano il centrocampo tutto.
    Poi, chi imposta l’azione? Non C’è un palleggiatore e quindi via di lanci lunghi ma pure Perotti quante volte può saltare l’uomo e anche se, al centro restava solo dzejo. Il resto della squadra era dietro. Non c’era pressione, come recuperavi la palla dovevi ricominciare da dietro o lanciare lungo ma o corrono tutti o non ce la farai mai a portare a casa il risultato. Ad allenatori invertiti la vincevi a mani basse secondo me.
    Poi certo diamo tempo a Difra, magari capisce che il suo 433 è bpnp per il Sassuolo e basta e con shick trova la quadratura del cerchio. Tanto pure sul quarto posto andrebbe bene e contro le provinciali magari i punti li fai. Ma occhio, se ti staccano subito dalla vetta poi i giocatori si perdono e fonisci come la.roma dell’ultimo Garcia. Partite pietose in attesa del lampo di qualcuno.
    Ps: l’anno scorso abbiamo vinto a Milano 3 a 0 e semo stati a parla de Totti che non aveva giocato gli ultimi 10 minuti della sua carriera a San Siro. Mo se ritrovamo a parla dei tre fischioni presi dall’Inter in casa.

    • Nando, ma se Perotti è arrivato svariate volte sulla riga di fondo dentro l’area piccola per crossare.
      Non sono tiri in porta ma sono azioni pericolosissime, da considerare.
      Poi è normale che non puoi stare 90 minuti a martellare, ci sono anche gli avversari in campo.
      Sono convinto che la Roma è molto più forte dell’Inter e che sabato non è stata aiutata dalla fortuna e penalizzata dall’arbitro.

      • Dentro l’area piccola non c’e arrivato manco senza palla poi magari me sbaglio e meglio così, ho visto male e dalla prossima rimarremo meglio. Ma il 433 alla Zeman ti fa fare tanto culo è dispendioso e rischi di crollare nel finale. Le squadre forti vincono i campionati perché nel momento migliore loro le vincono tutte e in quello peggiore limitano i danni. Noi le.vinceremo bene nl momento migliore ma come caleranno di nuovo saranno cazzi.

    • Nando condivido quasi tutto. Anche per me la partita con l’Inter ha ricordato quella con il Lione.
      Il crollo fisico del centrocampo è stato evidente ed è stato bravo Spalletti a fregarci con le sostituzioni degli esterni. Sicuramente in fase di ripartenza si vedeva l’assenza di un attaccante veloce con cui verticalizzare (tipo Salah o Gervinho), ma comunque abbiamo creato le nostre azioni pericolose e bastava che Radja azzeccava il 2-2 e stavamo parlando di un’altro partita…Con Schick e soprattutto con l’ingresso di un’altro centrocampista di fascia (Florenzi o Pellegrini) la Roma cambierà volto…

  4. Se pensiamo che con Schick risolviamo tutti i problemi dopo aver speso 38 milioni restiamo fregati doppiamente. Bel giocatore ma a quel punto o cambi modulo passando al 4-3-1-2 (centrocampo con De Rossi-Strootman-Pellegrini con Naingolan dietro Dzkeo e Scick) o cambi allenatore (DIFRA è un integralista del 4-3-) ma non credo che la proprietà che l’ha voluto ad ogni costo lo abbandoni, e poi a dirla tutta chi c’è sulla piazza? Pertanto quest’anno vivremo di alti e bassi partite esaltanti ed altre dove ce la incartano…
    Cambiare modulo offre due vantaggi immediati : 1)far giocare Pellegrini,altrimenti non giocando l’anno prossimo si libera grazie ad una clausola irrisoria legata ai minuti giocati . 2) Non snaturiamo Schik che è un attacante puro e non è adatto a fare l’esterno. Poteva andar meglio con quei legni,ma se non compravamo difensore esterno gia rotto forse Perisic poteva essere fermato da Karsdopp. Forse Monchi per paura che si rompesse come tutti gli altri aveva preferito comprarlo gia rotto. Grazie ancora…mister Monchi che oltre al danno di aver acquistato un giocatore gia rotto, in due mesi non hai provveduto a prendere un centrale difensivo e un esterno alto a destra. Chapeau!!!

  5. SPALLETTI ORA E’ UN AVVERSARIO. BASTA CON IL PASSATO E PENSIAMO AL PRESENTE.
    ORA TIFIAMO PER LA SQUADRA E PER SCHICK.
    TUTTI CON DI FRANCESCO! TUTTI CON LA AS ROMA!!!

  6. Con Schick non capisco con che modulo e come farà ad essere inserito titolare…, inoltre credo che Pellegrini debba giocare di più, oggi Strootman lascia a desiderare. Forza Roma

  7. non posso credere che molti tifosi della mia squadra non siano ne romani, ne italiani ne europei. vi assomigliati e devo concludere che siete i rissosi e maldestri del medio oriente che io ho qualche esperienza avendo vissuto la per quasi 2 anni. Mi dispiace profondamente dirlo – per favore smettete di ntifare Roma e/o ritornate a medio oriente – scusate il mio italiano non e la mia lingua

  8. Tutti dicono che serve un gran difensore alla Roma, ma se non sbaglio abbiamo gli stessi calciatori dell’anno scorso meno Rudiger ma con in più Kolarov Karsdorp e Moreno…l’anno scorso era una grande difesa, quest’anno sono diventati scarsi…io questi giornalai non li capisco proprio!!!

    • L’anno scorso la gran difesa è stato merito di una gran stagione di Fazio, Manolas ha lasciato molto a desiderare. Considerando che Rudiger è un gran marcatore che spinge meno e per questo ha garantito più solidità. Se teniamo presente che i difensori esterni presi ed il rientro di Florenzi potrà garantire spinta ed aiuto nell’azione lo stesso non possiamo dire della fase difensiva, anche perchè pare che Manolas ha gli stessi “pensieri” dello scorso anno che lo affliggono. Secondo me un centrale che resti sveglio per tutta la partita ci serve…

  9. schick dove lo mettiiiii???? schick in che ruolo giocaaaaaaaaaa??? ma che siete diventati tutti matti? marotta e sabatini se vorrebbero suicidà perchè monchi glielo ha sfilato sotto al culo… io vado a fiumicino, diteme a che ora arriva che ce vado immediatamenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!! godooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo alla faccia vostra formellesi, gobbi e cinesi di ogni genere…. monchi è un f.e.n.o.m.e.n.o!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • @cucs,datte na calmata,pigliati una cammomilla,comunque non so quando arriva,se vuoi ti posso dire quando arrivo io,sono piu’ bello e sono Romanista sicuro,che dici? un caro saluto

    • ben detto! accogliamolo come si deve. il problema è che molti già sentenziano dopo solo due partite (di cui una sfortunatissima molto più di quanto ci fosse andata bene la prima, come ci è andata in fondo), pellegrini di qua, modulo di la, allenatore non adeguato, spalletti di su, pallotta di giù… rispetto le opinioni, ma sentenziare mi pare davvero esagerato. Vedremo come andrà, intanto pare un gran bel giocatore

  10. Fabiano (ore 16.05), sai cosa mi viene in mente, la storia di Raul con Mourhino. Mourhino fu sprezzante con Raul (aveva 8 anni quando entro nel club), eppure lui non disse niente, la società difese l’allenatore, e alla fine della stagione se ne andò allo Shalcke dove fece due stagioni veramente alla grande (potremmo dire due stagioni schick….). E cosa era per i tifosi madrilisti Raul?.Più di un idolo, più di un mito…eppure, ecco sono questi secondo me i “comportamenti” (societari e dei tifosi e degli addetti ai lavori) che a Roma mancano, quello in cui difettiamo, dove noi ci incartiamo, dove diamo importanza a cose senza senso pratico, ecco la parola vera è che noi siamo mentalmente provinciali, e come si sa le provinciali, tranne miracoli, nel calcio non vincono. Un caro saluto

    • ok ma mica arrivavano a sostituire raul giocatori come perotti e el sharawi gervinho o doonbia…con tutto il rispetto per loro, quasi tutti ottimi giocatori, ma non i fuoriclasse che prende il real e che sostituirono raul…

      • Scusa ma non capisco cosa vuoi dire, non stavo parlando di calcio mercato ( mai avute le possibilità economiche del Real). Stavo parlando di comportamenti . Comportamenti di giocatori mito, della società e dei tifosi.

          • Bevi di meno lupo, addirittura commenti i miei interventi attraverso i post di altri. Hai una evidente carenza di autostima ora capisco perché ti fomenta tanto l’andare contro la gente che non fa quello che faresti tu e che non la pensa come te. E spara meno boiate che si fa fatica a portare il conto…politano… Ahahahahaha

          • Buffoncello sarai tu lupo. Hai cominciato tu per primo a essere maleducato qualche giorno fa invitandomi a farmi vedere da uno bravo… vatti a rileggere quello che hai scritto. Ioi non posso darti del laziale ma tu sei libero di parlare male di chi ti pare perché tanto non capiamo, cosa molto più grave di uno sfottò quale era il mio nell’apostrofarti come laziale. Lo sappiamo benissimo che tranne alcuni soggetti non stiamo tra laziali. Non c’è nulla altro da affiungere, la pensiamo diversamente da te e dai tuoi amici, io come molti altri, su molte cose ma questo ti dà il diritto di essere arrogante. Ma per favore va… Non sei il detentore della verità assoluta

        • Intendevo dire che in una società abituata a vincere, dove arrivano di continuo fior di campioni e dove c’è una gestione della squadra più serena è più facile gestire le bandiere e per il pubblico accettare alcune scelte

          • Scusami ma è tutto illogico, con Raul il Madrid ha vinto, quindi rinunciare ad un tuo pupillo nato a Madrid e cresciuto dai pulcini fino alla prima squadra diventa molto più difficile vederlo trattato come un rottame da Mourhino, noi cosa abbiamo vinto con il mito?….bricioline mi pare, perchè dovremmo avere difficoltà ad accettare certe scelte??? E’ totalmente incomprensibile
            Aiuto Lupo, dammi una mano……

    • Diciamo anche che noi rispetto al Real abbiamo avuto talmente poco, che Totti ha rappresentato troppo, la ciambella a cui ci siamo aggrappati per 25 anni.
      Sarebbe stato indispensabile un intervento deciso della società, che però ha latitato colpevolmente.
      In questo quadro però sono convinto, come ho scritto in precedenza, che anche Spalletti abbia colpe evidenti e lo ha sfruttato a suo vantaggio.

      Purtroppo ora dobbiamo rimettere insieme tanti pezzi e non so se Di Francesco sia la persona giusta. Lo vedo troppo inesperto. Già domenica ha lasciato qualcosa sul campo.
      Ma fino a quando rimarrà allenatore della Roma avrà totalmente il mio appoggio.
      FORZA ROMA.

    • @Anto , lo sai quale è la differenza tra Real e la Roma ? oppure con la Rube ? il Real vende Raul , Casillia ma acquista Bale , CR7 , Benzema, james , Di Maria ……… la Rube vende Pogba ma acquista Pjanic , Higuin ……… a Del Piero gli danno il ben servito ma arrivano i vari Dybala , Manzukic, Cuadrado …….Loro vendono per rafforzarsi mentre noi vendiamo per coprire i buffi e per rientrare nei parametri del FPF . Adesso potete anche insultarmi , darmi del laziale ma con l’autofinanziamento non si va lontano . Poi possiamo sempre dare la colpa all’ambiente , ai giornalisti , a Monchi , a Di fra , a Totti …….. Forza Roma .Schick è un fenomeno e Monchi è stato bravissimo a prenderlo . Forza Roma .

  11. @anto58 Condivido al 100% le tue riflessioni su Spalletti.
    Sabato allo stadio mi ha fatto male sentire tutti quei fischi ad un allenatore che ha fatto giocare stupendamente la Roma. Gli unici errori Spalletti li ha commessi quanto ha accettato il ruolo di Yes man con la società (coprendola quanto faceva scelte di mercato sbagliate) e nella gestione degli uomini nel finale di stagione (quando si doveva rinunciare ad uno dei 3 obiettivi). La vittoria straordinaria dello scorso anno in campionato con l’Inter a Milano ci è costata l’eliminazione successiva (per stanchezza fisica) dalla Uefa (vi ricordate ill secondo tempo di Lione ??).
    Sabato scorso ho visto la stessa stanchezza fisica nel secondo tempo con l’Inter (soprattutto dopo l’uscita di Defrel che faceva più filtro ed i cambi azzeccati di Spalletti) che ci dovrebbe far riflettere sulla capacità della squadra di reggere un modulo con due punte pure..(allora schick che lo abbiamo preso a fare ?).
    Sulla polemica Totti Spalletti le colpe vanno equamente divise tra allenatore (che si è lasciato usare dalla società per fare MOBBING ad un suo dipendente) e giocatore (le parole della moglie hanno rovinato il finale di stagione)…

  12. @Emiliano lo so che ti sforzi di trovare mille occasioni per criticarmi. L’hai fatto sulle mie opinioni su Totti in passato e lo fai ora su quel che penso di Monchi.. Non ho affermato in nessuno scritto che Karsdopp è una sola,ho solo detto che un Ds non può acquistare un difensore rotto quando quel ruolo nello scorso anno ha rappresento il ns tallone d’Achille e non abbiamo un valido sostituto. Inoltre si parlava che fosse pronto all’inizio del campionato e invece sembra che torni a ottobre saltando come minimo 5-6 partite. A me questo non sembra un acquisto intelligente,se per te lo è rispetto la tua opinione ma continuo a difendere la mia. Forse ti da fastidio che metto il dito nella piaga ma Monchi sono quasi due mesi che ha venduto Rudiger e Salah e il campionato è iniziato da due partite e ci porta un attaccante puro che dovrà adattarsi a fare l’esterno e un difensore centrale che al momento è la riserva delle riserve. Sono blasfemo nel dire che tutto sto fenomeno Monchi non mi sembra che sia o dobbiamo fare come si faceva con Totti che gli si perdonava pure quando annaspava appresso alla palla con la scusa poi di dire che la sola presenza incuteva timore agli avversari? Se dobbiamo fare solo i tifosi dico sempre Forza Roma ma se voglio che la mia squadra sia una squadra vincente allora non riesco a fare a meno di pensare che siamo ridicoli perchè siamo carenti in programmazione e tutto è lasciato all’improvvisazione. Un saluto ai vecchi amici ed ai tifosi che uniscono fede e cervello.

  13. @anto58
    Concordo con i tuoi giudizi. Sentire fischiare un allenatore che co ha portato questi risultati è stato stupido. Spalletti ha sbagliato lo scorso anno a non ribellarsi a certe scelte societarie e nella gestione degli uomini nella fase finale (quando lottavamo su 3 fronti dovevamo fare una scelta. La dispendiosa vittoria di Milano ci è costata la successiva partita con il Lione. A proposito sabato sera ho visto lo stesso crollo nel secondo tempo (dopo l’uscita i defrel).. moduli con due punte pure non li reggiamo allo stato fisico attuale se non con un quarto centrocampista (perotti è crollato nel finale). Sulla gestione Totti non sapremo mai la verità ma una società seria sarebbe intervenuta duramente su una lite fra suoi dipendenti…

    • Grazie Stefano, hai capito il mio pensiero soprattutto sulle colpe della società che ha fatto come Ponzio Pilato, e questo non mi è stato bene, per questo prima avevo citato cosa era avvenuto qualche anno fa al Real Madrid con Raul.

  14. le più belle partite conn la samp le ha fatte da esterno (vedere youtube, tutte le azioni partano dalla fascia) … forse dovremo coprirlo perchè nun torna manco se je spari 🙂 ma il caso suo è particolare, sono i terzini avversari a doversi preoccupare …

  15. Ma secondo voi, visto che non penso si prenderà un difensore centrale completo in questa sessione, è possibile quando rientrerà emerson che si sposti kolarov al centro della difesa? Io non lo vedrei male ma non so se abbia mai giocato in quella posizione. Più che altro penso che in difesa abbiamo tanta gente che ha paura di giocare la palla anche per caratteristiche tecniche. Un giocatore intelligente e tecnico come kolarov secondo me potrebbe comportarsi bene in quel ruolo e potremmo finalmente gestire bene il pallone. Perché non si può fare sempre una partita a mille all’ora bisogna far girare la palla altrimenti rischi sempre di farti rimontare. Quando avevamo benatia e castan che sapevano giocare con la palla avevo proprio l’impressione che la Roma fosse una squadra solida, è da parecchio che non abbiamo un centrale coi piedi buoni.

  16. Sono d’accordo con chi dice che avete tutti un po’ ragione. Ma io non riesco a rassegnarmi all’idea che, a panchine invertite, la Roma avrebbe stravinto la partita e ora i giornalai starebbero già a parlare di “Seria candidata allo scudetto”. Invece guardo la classifica e vedo GIA -3 dai più forti (Inter e Milan escluse). E allora dico : ENNESIMA STAGIONE DA BUTTARE. E mi fa rabbia, perchè con un minimo di attenzione in più nella scelta dell’allenatore (a prescindere da Spalletti che personalmente non considero un traditore ma un disilluso dalle mancate promesse della Società) SI POTEVA FARE. Questa squadra, anche così e ancor di più con tutti gli effettivi, nelle mani giuste sarebbe in grado di vincere lo scudetto. Purtroppo non accadrà.

      • Sono contento di non essere così… Solo. Io cmq le critiche, e anche l’ironia del nostro amico natalizio, le accetto sempre e volentieri purché ci sia sempre il rispetto tra le persone. Siamo tutti tifosi. Passionali, a volte tremendamente isterici, ma sempre e solo per amore della Roma. Si dice che un uomo possa cambiare affetti, moglie e amanti, ma mai fede sportiva (tranne rare e inguardabili eccezioni). Per cui Forza Roma. SEMPRE e mi auguro, lo ripeto ancora, vivamente di sbagliarmi. Perché la Roma viene prima di tutto e se dovesse vincere qualcosa, non sarò felice. DI PIU’.
        Un abbraccio.

  17. Oh comunque appena ho aperto questa pagina per un momento ho pensato che fossimo gia’ sotto Natale, poi mi sono affacciato alla finestra..sole, caldo..eh no siamo proprio ancora ad Agosto!

    Meno male va, pensavo che il campionato fosse gia’ finito…

    Forza Roma!

    • Vorrei aver la tua incondizionata fiducia. Purtroppo non ce l’ho. Ma spero, anzi mi auguro vivamente di sbagliarmi e ti auguro di affacciarti alla finestra, a Natale, e di sorridere soddisfatto per i risultati della nostra amata Roma. Ti lascio con un piccolo ricordo : premetto che non so quanti anni hai, Stagione 98-99; Roma-Inter 4 a 5. In panchina un altro integralista del 4-3-3 e io e il mio amico Sandro allo stadio (in curva perchè eravamo e siamo tutt’ora due poveracci) lui continuava a ripetermi che il gioco c’era e che era stata solo sfortuna. Mi pare sia andata un po’ diversamente.
      Un sincero abbraccio e Forza Roma. SEMPRE:

  18. SHICK è il calciatore più forte sul mercato di quella fascia di prezzo molto meglio di mahrez! Non a caso l aveva preso da tempo la juve e comunque se l hanno preso sapranno dove metterlo secondo me è fortissimo e farà grandi cose nella Roma.
    Nessuno lo dice ma gli insulti a Kolarov che con il gol di Bergamo te lo sei già ripagato mi fanno schifo. Sarà stato laziale ma a me piace molto. FORZA ROMA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here