ESCLUSIVA ROMANEWS – L’ex portiere della Roma, Julio Sergio Bertagnoli è stato intervistato dalla redazione di Romanews. Ecco le sue parole:

Un aneddoto che ti lega a Francesco Totti?
“Quello che mi ha colpito in Francesco è stata la sua umiltà. Quando sono arrivato dal Brasile a Roma, intorno a me c’erano tantissimi campioni come Montella, Panucci e una leggenda del calcio come Francesco Totti. Di lui mi ricordo i suoi scherzi, li faceva a tutti, ma trattava tutti allo stesso modo. E’ stato straordinario poter convivere e giocare con lui per tanti anni, un’esperienza fantastica che non dimenticherò mai”

Come avresti gestito la sua ultima stagione?
“Non vivendo lo spogliatoio non posso rispondere. Quando entra fa ancora la differenza e vedere un campione con la sua classe e personalità in panchina dispiace, anche se le scelte spettano sempre all’allenatore.”

In che veste lo vedresti dopo il suo ritiro?
“Bisognerà attendere almeno altri 100 anni prima di poter ritrovare un campione come Francesco Totti. Lo vedrei bene come ambasciatore in giro per il mondo, pronto a diffondere il marchio Roma. Lui è la bandiera di questa città”

Quando tornerai a Roma?
“Io e la mia famiglia abbiamo il desiderio di tornare a vivere a Roma. Il mio sogno è quello di poter un giorno lavorare per la Roma, in un modo o nell’altro. Vediamo se il destino me lo permetterà.”

Prosperi-Cesarini

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO