SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Giancarlo Dotto a Tele Radio Stereo: “Spalletti sta subendo un supplizio. La cosa più incredibile è che noi stiamo qui a condannare e massacrare un uomo che vede le ombre, i fantasmi. Quest’uomo è stato lasciato solo in questa storia. Chiaramente la società ha delle responsabilità, ma nessuno parla delle responsabilità di Totti. Ci sono responsabilità pesanti. Dalla quella parte non è mai venuta una parola di conciliazione”.

Max Leggeri a Centro Suono Sport: “Da romanista, sentirmi dire che Spalletti non tornerebbe dopo questo modo continuo di cambiar pelle, se fossi io il presidente lo prenderei a pedate nel culo. Mi sento offeso come romanista”.

Checco ‘Oddo’ Casano a Centro Suono Sport: “Credo questo sia il momento più triste della storia recente della Roma. In primis questa deve essere la stagione del grande rimpianto. Spalletti invece di sfogarsi con Totti, ci dovrebbe spiegare perché Grenier non è mai stato impiegato. Ci sono tanti aspetti tecnici che finiscono sotto la cenere di questo incendio che non si spegnerà mai, o che si spegnerà solo quando si congederà. Questa è una guerra senza né vincitori né vinti. Cosa resterà? Resterà un presidente che si sveglia a Boston ed attacca i media”.

Federico Nisii a Tele Radio Stereo:Ieri Spalletti ha annunciato a modo suo che non sarà il prossimo allenatore della Roma, per me è quasi un’ufficialità. L’allenatore ha anche attaccato direttamente la società, denunciando di non aver avuto la chiarezza che aveva richiesto. Una cosa inquietante per la Roma. La partita di ieri ha dimostrato che qualche rotazione diversa durante stagione avrebbe consentito alla Roma di arrivare alle partite chiave con i titolari indiscutibili più freschi. Juan Jesus non sarà un supertitolare ma nel 2017 è stato uno tra i più continui per rendimento: serviva davvero insistere su Bruno Peres vista la partita di ieri di Palmieri a destra?”.

 Gabriele Ziantoni a Tele Radio Stereo: “E’ vero che un allenatore deve avere la libertà di fare le sue scelte, ma è lecito criticarle per aver preferito nel terzo cambio Peres a Totti. Ormai Spalletti ha un nervo scoperto con l’ambiente e per questo è giusto che vada via”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Per me Totti non lo state amando, lo state facendo odiare da chi ama la Roma. Doveva entrare 5 minuti per tirare il rigore: è questo il Totti che volete?”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio:La faccia dei cinesi è una delle fotografie della giornata. Non si capisce se ridono o piangono. Secondo me stanno pensando alla mezza sola che hanno preso quando hanno acquistato queste due squadre che sono ridotte malissimo. La seconda foto dei giornata è quella di Allegri, che ha recuperato un’altra gara al 93′. La terza foto è divisa tra Pandev, che ha fatto il gol della salvezza per il Genoa e Spalletti, che con la sua faccia ci ha fatto comprendere quale sarà il suo futuro dopo questo gesto nei confronti di Totti e della mancata passerella a San Siro”.

Ubaldo Righetti a Tele Radio Stereo: “Il mancato ingresso di Totti e le dichiarazioni di Spalletti spostano inevitabilmente l’attenzione: la questione sul Capitano fa male a tutti, ma sulla vicenda manca la voce di Totti stesso, che ci ha detto che parlerà fra 20 giorni. Perché aspettare? Non l’avverte la spaccatura dell’ambiente?”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Ha ragione Spalletti: se fa giocare Totti 5 minuti lo prendono in giro… Se noi siamo onesti dobbiamo dire che tante volte abbiamo criticato Spalletti perché lo ha fatto entrare negli ultimi minuti o in partite inutili. La gestione di Totti è pericolosissima. Come allenatore lui fa quello che deve fare per il bene della Roma. Non è normale che si stia parlando di Totti anziché della vittoria della Roma. È diritto dell’allenatore scegliere i giocatori, lui non considera più Totti un giocatore”.

Augusto Ciardi a Tele Radio Stereo: “L’unico argomento di cui si vuol discutere è Totti, non interessa più nient’altro a nessuno, nemmeno chi sarà il prossimo allenatore della Roma. Se Spalletti tornando indietro non firmerebbe per la Roma, figuriamoci ora… Un giornalista ha iniziato un’intervista dopo una vittoria per 4-1 parlando di mancanza di rispetto nei confronti del pubblico di San Siro, ma come ti permetti? E’ troppo. La colpa è anche la sua che si è infilato in mezzo a questa questione. A questo punto non va bene più nulla”.

Giulia Spiniello a RN Web Radio: “Non c’è limite a quello che Spalletti sta dando dal punto di vista comunicativo nella sua seconda esperienza a Roma. Ci può stare che ti sei pentito, ma non lo dire! Tu hai accettato una proposta, sei pagato, agli occhi dello spogliatoio può sembrare come se sei qui per fare un favore. Se ha questo pensiero, tienilo per te, per quando sarai lontano da Trigoria. Spalletti adesso per dirla all’anglosassone è out of control, è pericoloso per sè, ma anche e soprattutto per la squadra. Io credo che però le sue affermazioni siano per l’ambiente, non per la squadra…”

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “La Roma ha fatto come la Lazio nel derby: ha aspettato il Milan e poi è ripartito. Milan sopravvalutato, ma la Roma ha fatto una grande partita. Per Spalletti Totti è un’ossessione. Comunque vadano le cose il tecnico verrà ricordato nei secoli per lo scempio volgare sul capitano giallorosso. C’è una cattiveria spropositata e assurda, la ripicca di arrivare contro la volontà popolare, stracciando l’immagine di questo giocatore”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “La Juventus avrà adesso la partita di Champions e subito dopo la partita contro la Roma avrà la finale di Coppa Italia. Contro i bianconeri vedremo cos’è la Roma. Ieri non c’è mai stata partita. Ieri sono arrivate telefonate di persone che piangevano per il mancato ingresso di Totti. La sostituzione di Dzeko c’è stata all’81’, a partita ormai finita. Spalletti ha fatto entrare Bruno Peres, non Maradona. Tutto San Siro si aspettava Totti. Nel calcio non conta solo il risultato. I giornalisti sono pagati per fare domande, non per fare complimenti come vorrebbe il tecnico. Tra cento anni di Totti si parlerà ancora, della partita di ieri e di Spalletti no”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La Roma a Milano ha dato un segnale di rinascita. A fine gara avete visto il volto di Spalletti? E’ un uomo deluso, sfinito, invecchiato. Un anno e mezzo di Roma lo hanno distrutto. Non ha saputo gestire Totti e ci ha dato ragione quando dicevamo che la società intorno è inesistente”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “Con Totti bisogna parlare chiaro, è inutile trascinare la storia tutto l’anno. Spalletti doveva gestirlo e invece non lo ha fatto”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Le spiegazioni di fine gara sono peggio della scelta fatta. Mi dispiace per Spalletti, ma ormai lo vedo sempre più lontano dalla Roma. Lui non vede l’ora di andarsene, non sopporta più nessuno in questo ambiente. Spalletti è stato consumato dalla vicenda Totti”.

  • Fabrizio

    è da ieri sera che li aspettavo … perchè sapevo già come avrebbero commentato. La Roma ha vinto perchè il Milan si è scansato. Invece ieri, Dzeko sblocca subito la partita ed io ho pensato al primo derby di coppa Italia … come sarebbe finita se fossimo passati in vantaggio noi ? poi ho pensato al Lione, qui in casa … e se Rudiger l’avesse sbloccata al 4° del primo tempo invece di prendere quella traversa clamorosa ?? Voi direte .. con i SE .. ecc…ecc… ma il calcio è fatto di episodi .. e quindi dobbiamo stare attenti ad emettere giudizi ..
    Quanto a Spalletti .. hanno ragione … è proprio fuori di testa, vero ? Semplicemente non ne può più. Era successo a Ranieri, a Garcia .. ma ve la ricordate la conferenza stampa di addio di Luis Enrique ?? Se avete 5 minuti, andate su youtube ed ascoltatela .. li si capiscono tante cose di come funziona qui a Roma. Ultimissima cosa: noi siamo pippe, allenati da uno scemo e questo si sa … ma poi sento parlare del Napoli come di uno squadrone allenato da un genio. Eppure sono ad 8 punti dalla Juventus … noi a 7… e lo scontro diretto è a nostro favore. Geniacci del calcio, come me lo spiegate ??? Delle due l’una: o noi siamo meno schifosi di come volete farci credere .. o loro sono un pò più pippe di quanto andate esaltando. In entrambi i casi siete ridicoli.

    • maipercaso

      Lascia stare il napoli che ha fatto una bella cl,tu sei uscuto male col porto,con il lione che ha beccato 4 pappine dall’ajax all’andata e con la lazio…la colpa de sto sfascio e’ della societa’ e dirigenza che non esiste.da anni non abbiamo un main sponsor sulla maglia….so anni che non vinciamo manco una coppetta amatoriale…nel mercato di gennaio hai preso grenier quando stavi a un solo punto dalla juve….spalletti e totti sono due specchietti per le allodole di una societa’ brava solo a fare plusvalenze

  • Vincent Vega

    Una volta tanto si capisce (non capita spesso) quello che dice Spalletti. Bene, ha ragione da vendere. La polemica su Totti ha stufato completamente, non se ne può più.

  • Mikele

    E’ proprio vero: le radio romane sono davvero pesanti x la Roma!

  • guidone

    Tutti sparlano di Spalletti che avrebbe trattato male Totti, ma io credo anche al contrario, non penso che Totti sia “morbido” con gli allenatori e credo anche che il suo “cerchio magico” ne faccia di tutti i colori. Non è un caso che ottimi allenatori passati a Roma (da Luis Enrique a Garcia a Spalletti che forse è il migliore) puntualmente si scontrino con lui. Non è un caso che voglia giocare a 40 anni facendo purtroppo pena fisicamente (cosa normale peraltro alla sua età) invece di scegliere di uscire anni fa da vincente. In questo Spalletti che è serio e consapevole e professionale, si incavola ma porta cmq la squadra ad alti rendimenti, Totti non so che faccia a parte prendere in giro se stesso e noi. Certo non ne esce bene (almeno ai miei occhi). Peccato Capitano, pazienza.

  • andrea pizzoli

    ammazza che stratega der pallone melli … si, la roma ha giocato proprio come la lazio al derby … complimenti…gran bel giornalista …

  • franco

    C’è una animosità intorno a questa squadra che non è normale,vinci o perdi l’aria è sempre la stessa ,cupa e irrespirabile come se il passato abbia regalato chissà quali fasti e come se gli unici 2 allenatori che hanno vinto qui a Roma fossero dei mostri di correttezza e simpatia.Davvero non capisco perchè non ci si debba unire in un applauso a una squadra che ha fatto 4 goal a S.Siro(non succedeva dal 1935) e avvelenare tutto per la mancata standing ovation che ha solo un valore celebrativo.Dall’81esimo al 90 ci sono 9 minuti di calcio con assalto all’arma bianca,quella di ieri era una partita da 5-6 minuti di recupero,perchè Spalletti avrebbe dovuto mettere i piedi d’oro del capitano in mezzo a una possibile battaglia che rischiava di non poter sostenere?Perchè rischiare di tornare da Milano con un punto?Possibile che la presenza di Totti in panchina obnubili le menti fino a questo punto?

    • Peter

      Tutto vero … abbiamo vinto con un nettissimo 1-4 a San Siro (e non me ne frega se questo Milan e quello che e, vinsero contro la Juve in casa) ma tutti a parlare di Spalletti, di Totti, del irresisitible Napoli che si prendera il secondo posto. Ma perche non fare i complimenti alla squadra che sta facendo un bellissimo campionato molto al di sopra della loro potenzialita (a mio avviso). FORZA ROMA!

  • bigunder

    è incredibile sentire i commenti della maggior parte de sti “senti chi parla”, che poi la almeno per la metà sono di dichiarata fede laziale, ancora sentirli parlare di Totti, di come viene trattato, io dico che una persona intelligente, aldilà della consapevolezza del proprio limite fisico, lo deve capire quando è arrivato il momento di lasciare, ma lo dico per il suo amor proprio per evitare figure penose sia sul campo, che sui dibattiti radiofonici (che in quanto ad argomenti penosi possono insegnare..), invece Totti che fà? sta zitto! ha detto che parlerà tra 20 giorni. e che farà dirà che ancora vuole giocare? che ancora è in forma? (se così fosse questo lo vede solo lui), e vai giù un’altra montagna di polemiche che porteranno solo problemi alla società. Chissà quante vedove di Totti verranno allo scoperto.

  • Nikita

    Non sono affatto sorpresa dal tenore dei commenti dei vari opinionisti, c’era da aspettarselo…ma leggere che Melli parli di “scempio volgare sul capitano giallorosso” è davvero troppo. Non ricordo le stesse frasi rivolte a Capello o a Conte nella gestione Del Piero, ma ovviamente alla Juve non si tiene il profilo basso , quindi è più complicato sparare a zero su allenatore e società…Spero che la dirigenza della Roma abbia fatto tesoro degli errori commessi, sia sul piano gestionale che su quello della comunicazione…invece di fare tete a tete a colazione al De Russie, si doveva organizzare una bella conferenza stampa (giocatore e dirigenti) e chiarire sin dallo scorso anno la situazione contrattuale di Totti. Questo avrebbe definitivamente chiuso tutti i discorsi e avrebbe consentito a Spalletti di lavorare con più serenità. Giusto una segnalazione ai pochi interessati: ieri la Roma ha vinto e la prossima gara è con la Juve..

    • anto58

      Mi spiace , ma penso che sbagli, ci sono comunicati ufficiali di una anno fa. Non Bastano? Allora vuol dire che un dipendente ignora quelle che sono direttive dell’azienda. In quale altra società succede? In nessuna a me risulta.
      Parli di conferenze stampe congiunte. ma tu pensi che non lo hanno proposto? Oppure il soggetto si è rifiutato di farle? Come sempre, ma lo hai mai visto davanti alle tv a metterci la faccia dopo una sconfitta? In 25 anni di carriera non è mai successo. Lui dopo una sconfitta scappa.
      Però fa le conferenza stampa con la Scarnati ad insaputa della società le sa fare….per parlare di “mancanza di rispetto” e il suo rispetto verso il club che lo paga dove è?, ma ancora non lo avete capito che c’è una distanza siderale tra il formidabile giocatore di calcio e il personaggio che come obiettivo vuole solo la sublimazione del suo mito?

      • Nikita

        Quoto pure le virgole…e hai ragione, avevo completamente dimenticato l’incontro presso lo studio Tonucci a giugno dello scorso anno con tanto di intervista e strette di mano. Però allora il giocatore doveva essere pubblicamente ripreso, quando, dopo il derby ha comunicato che non sarebbe stato il suo ultimo derby..
        a meno che non voglia andare a giocare altrove e rinunci al ruolo dirigenziale, ma ne sarei davvero stupita..

  • Maurizio Rossi

    Spalletti è una persona seria e un bravo allenatore, non certo peggiore di Allegri o del “genio” Inzaghi! Ha fatto i suoi errori come tutti, non essendo perfetto; su Totti ha detto chiaramente che è un giocatore come tutti gli altri e la formazione la fa lui, parole sacrosante! Tutti costoro che lo crocifiggono per la “gestione Totti” farebbero bene a ricordarsi quando hanno crocifisso Totti come coatto, bullo, piagnone…Ma l’avete visto giocare ultimamente? ha sbagliato passaggi che neanche il peggior Bruno Perez! E il fiato, chi glielo dà? Purtroppo l’ambiente di Roma si merita Ciarrapico e Bianchi ( appunto, il genio che voleva vendere Totti…lo ricordate?). Pallotta vuole solo lo Stadio…e cosa dovrebbe volere per rilanciare anche economicamente questa società? Facessero una colletta tutti questi “geni della penna” per comprarci Higuain…

  • Fabrizio

    La società dice: questo è l’ultimo anno di Totti come giocatore. Spalletti dice: mi dispiace, io lo devo valutare come giocatore e ha fatto capire che non gliela fa. Totti dice: parlerò a fine anno. Facendo capire che non condivide … perchè se condividesse, basterebbe fermarsi in zona mista e dire: si, è vero, non vedo l’ora di iniziare questa mia nuova avventura con la Roma” … ma lui si sente LA ROMA e quindi decide lui chi, come, quando e perchè.

  • Nando75

    vinci a Milano 4-1 e sembra che hai perso lo spareggio per non retrocedere in serie B. Grazie stampa romana, siete riusciti ad avvelenare un altro anno pieno di record della AS Roma. Una cosa che non va bene, a quanto pare. Qua contano solo i record del capitano che della Roma se ne frega

    • maipercaso

      scusa non per difendere totti,ma per capire,che ce metti quest’anno te nella bacheca della roma i record della squadra? la storia di una societa’ se fa con i trofei,che ce metti sulle maglie le trasferte vinte? i record di punti che hai fatto?anche quest’anno spalletti e totti fanno da specchio per lme allodole a una societa’ mediocre su tutti i fronti

      • Nando75

        Se arrivi secondo, con il record dei punti, significa che la Roma ha fatto meglio pure di quando ha vinto lo scudetto con Capello (75 punti). Quindi significa, per me, che hanno dato il massimo ed è questo l’importante. Dare il massimo. Soprattutto se poi esci in semifinale di coppa Italia e agli ottavi di EL. Poi per vincere ti serve qualche cosina di più, soprattutto ocn una Juve così forte e le coppe sono una partita secca. Basta un episodio e tac, sei fuori.

        secondo il tuo giudizio, poi, pure l’Arsenal sarebbe una società mediocre, il Tottenham, il Boroussia, l’Atletico Madrid, il Monaco, il City, tutti mediocri perché sono anni che non vincono nulla. Ma il calcio gode di momenti, come ieri sera, come vincere 4-0 a casa del Villareal, a Milano contro l’Inter, a Napoli ecc, a Madrid contro il Real anni fa e via dicendo.

      • Balbo 2

        No…. c hai ragione….. mettice i record de Totti!!!!! Quelli sì che rimangono nella memoria!!!! 25 anni 1 scudetto….. questo è il record della Roma e de Totti!!!!!

  • Fabrizio

    Leggeri, ma tu parli a nome di chi ? del popolo giallorosso ? è chi ti ha eletto suo portavoce ? Parla per te … anzi, taci che fai più bella figura

    • kol58

      Ma sai leggere l’italiano?
      Leggeri non ha parlato a nome di nessuno ha dato il suo parere da tifoso romanista e basta e siccome siamo in democrazia ancora si può fare.
      Prima di parlare aziona il cervello.

  • Giov 2008

    Lo ripeterò all’infinito. Mentre Spalletti da allenatore ha gestito Totti come calciatore, la società Roma non ha saputo e non ha voluto gestire Totti come dipendente della società, un po’ per incapacità dei dirigenti e un po’ per furbizia degli stessi sapendo che questo Totti non è un calciatore bensì un idolo idolatrato e e quindila dirigenza non ha fatto una sola mossa per paura di tirarsi addosso l’ira dei tifosi più sfegatati. La questione è attualmente ingestibile con il calciatore che se ne sta zitto zitto. L’anomalia è un presidente che se ne sta al di là dell’oceano. Una situazione mai vista.Voglio solo sperare che il DS Monchi prenda in mano la situazione, ma non credo perchè è appena arrivato e non ha il poslso della situazione.

    • Fabrizio

      Giov, tu spesso vai contro la società. Non condivido ma rispetto la tua posizione. Ma in questo caso .. la società fa firmare un contratto a Totti e fa un comunicato dove c’è scritto non rinnovo per un anno .. ma ULTIMO CONTRATTO COME CALCIATORE. Più di così, cosa doveva fare ? Due settimane fa, Gandini e Baldissoni hanno detto la stessa cosa. Poi Monchi. L’unico che dice mezze frase (o frasi interi ai suoi amcihetti tipo Costanzo) è Totti. Cosa doveva fare la società ? Cacciarlo da Trigoria come è successo l’anno scorso ? Ma ce lo siamo dimenticati ? Il resto è la stampa. Sappiamo che ogni pretesto è buono per affossare questa società per i soliti “giochetti” politici. Guarda l’Inter .. hai i buffi peggio di noi, ma secondo la stampa noi vendiamo tutti (Manolas, Rudiger, Emerson, Strootmann, Radja, Salah, Dzeko e l’ultimo è El Shaarawy). L’Inter pare compri tutti inclusi 15 milioni l’anno per Conte .. e con quali soldi ? Ricordo che loro devono chiudere il prossimo mercato con il pareggio tra entrate ed uscite .. Quindi se spendono 100, devono vendere per 100. E con il campionato che stanno facendo, ogni giocatore vale 30% in meno ….

  • Lorenzo G

    Leggeri ma tu chi sei? ma a nome di chi parli? Voi giornalisti a nome di chi parlate? Voi non siete NESSUNO…VIVA LA ROMA…CHE è L’UNICA COSA CHE CONTA. SOLO LA MAGLIA

  • Mauro Sandroni

    Ragazzi stanno per far passare fallimentare la stagione di Spalletti quando dopo Roma Porto tutti hanno visto qual ‘era la rosa della Roma: Emerson Palmieri, Vermaelen, Bruno Peres, Fazio, Juan Jesus, Gerson, improponibili, Mario Rui, Nura, Rudiger, Florenzi, si son rotti i crociati ed hanno compromesso la stagione, Paredes mezzo giocatore, Perotti a fasi alterne, Totti più pensionato che giocatore, è mancato un vice Dzeko. Juventus, Napoli e Lazio vengono tanto esaltate con rose qualitativamente e quantitativamente superiori, soprattutto le prime due. Ieri la Roma ha rovinato la festa che tutti si erano preparati: passerella di Totti, scudetto della Juventus, secondo posto del Napoli e funerale di Spalletti. rimettete a posto le bare e aspettate un’altra settimana.
    Le cose più sensate le hanno dette Focolari e Melli, coloro che sanno che la differenza tra Roma e Lazio è nei risultati con le milanesi: en plein della Roma, 1 su 9 punti da parte della Lazio.

  • mapu_roma

    Forza “popolo dalla scucchia pronunciata”! Forza, continuiamo così. Facciamo ridere il mondo intero. Spremiamo in un ultimo sacrificio il mononeurone in dotazione, mentre il resto del mondo si cappotta…. Dai che non c’è mai fine al peggio. O forse stavolta una fine si intravede. Perché il prossimo anno senza Totti de che parlate? Chi tifate? Come vi riciclate? Magari lasciate il campo libero a quei tifosi che, semplicemente, tifano e amano la Roma. E godono se vince 4-1 a Milano. E non ripetono belanti le parole tipo “fallimento”, “zero titoli” o scempi del genere messi in bocca da chi certo il bene della Roma non vuole. Il caso Totti è stato gestito ad arte sin dall’inizio da chi vuole il male della Roma e vuole spaccare l’ambiente. E sono riusciti alla perfezione nel loro intento. In questo clamorosamente aiutati dal Totti stesso. Ha avuto un anno di tempo per parlare (salvo farlo un anno prima con intervista alla RAI in uno dei gesti più egoistici che il calcio ricordi). E si è guardato bene dal farlo. E dall’assumersi responsabilità. Mettendo apposta la società in difficoltà e facendola per forza uscire allo scoperto. Da mesi a questa parte solo sorrisetti sornioni, mezze battute (per lo più banali), mai un sussulto per un gol dei compagni o per una vittoria (mica lo riguardano), e mister Spalletti lasciato volutamente e scientemente in pasto a questo ambiente becero-coatto. 78 punti a 3 giornate dalla fine ed ha fallito…. Lui ha fallito, no st’ambiente de peracottari…. E mi ricordo come fosse un sogno, una dimensione lontana e perduta, quei tempi che furono. con lo stadio pieno a prescindere dalla classifica, a prescindere dallo sciopero del momento (so 15 che se sciopera…. e le sfide tra tifoserie le abbiamo perse tutte 4-0), a prescindere da questo o quel giocatore. Pensate, era un tempo che si andava allo stadio per guardarla la partita. E per tifare. E se vinceva la Roma si era felici. Giuro che c’è stato un tempo così. Vabbè torniamo in noi…. Daje che domenica c’è da tifare Juve, che poi che se n’ventamo se vince la Roma e Spalletti non fa gioca Totti? Non sia mai! Un incubo! E intanto Melli ci guarda e si cappotta. E fa bene. Potete tranquillamente, come spesso fate quando “non vi garba” il contenuto, non pubblicare. Almeno mi sono sfogato, liberandomi da questo profondo senso di nausea. FORZA SOLO E SEMPRE LA ROMA

  • Belle18

    e aggiungiamoci pure le partite rubate contro fiorentina e samp e il gol qualificazione di dzeko col lione annullato ingiustamente…
    ma cacciamo pure spalletti, perché è incompetente, sbaglia le partite cruciali, ecc.. sarebbero capaci di fare la guerra anche ad ancelotti o guardiola questi giornalai incompetenti, vi meritereste l’ultimo allenatore dei dilettanti ugandesi. spalletti è stato manna dal cielo per questa squadra, ma avete fatto di tutto perché se ne andasse, voglio proprio vedere chi ci toccherà andare a prendere se se ne andrà davvero

  • lupo52

    Barabba o Gesu…e il popolo scelse barabba. Caro Spalletti ti hanno messo in croce da subito. Perdona coloro che non sanno quel che famno perche’ cuore e cervello l’hanno perso per seguire i falsi idoli.

  • lupo52

    Non fatemi ridere nello scrivere che Spalletti non ha saputo gestire la faccenda Totti. Gli ha fatto capire a chiare lettere che non rientrava nei suoi piani e avrebbe avuto il minutaggio giusto solo in determinate condizioni. Ma sua maesta’ Totti si e’ sentito offeso e tramite i media ha aizzato coscientemente la plebe affinche il suo rancore avesse una carica di risonanza adeguata. Ora mi chiedo chi sarebbe il piccolo uomo..? Chi fa le scelte tecniche nell’ interesse della squadra o chi vuole giocare ad uso esclusivo per inanellare record inutili ?

  • Fabrizio

    Nel percorso europeo .. vediamo un pò, lo scorso anno sei uscito con il Real Madrid .. ESATTAMENTE come il Napoli quest’anno (e tu mi dici che hanno fatto un buon percorso in CL). Quest’anno, sei uscito con il Porto ..embè ? Chi ti ha detto che noi siamo più forti ? Loro sono anni che fanno la Champions League ed era un caso che fossero ai preliminari. Poi esci con il Lione (non con il Genk …). E chi ti dice che noi siamo più forti ? Tra Lacazette e Dzeko, chi ti prendi ? Tra Tolisso e Paredes ? E comunque, al ritorno, al 4° del primo tempo prendi una traversa clamorosa .. e se quel pallone fosse entrato ? Avevi 86 minuti per fare solo un altro goal.
    Per questo io non sono contento ma non attacco tutto e tutti. Quanto allo stadio, la Juventus si è venduta i name rights e quindi oltra a biglietti, negozi, ristoranti hanno anche quelle entrate. La storia del merchandising (magliette) conta fino ad un certo punto. Per lo sponsor .. Pallotta ha spiegato che sono state fatte scelte sbagliate e che per il prossimo campionato ci dovrebbero essere novità. Chi se ne occupava è stato allontanato … cosa vogliamo fare, manichini per impiccarli ??

  • Balbo 2

    Ma porco zio….. uno che dice “che ce metti tu nella bacheca quest anno”….. ma può tifare la Roma????? Solo per curiosità….. non per fare il solito moralista sicuramente sarai mejo de me…. ma quanti anni c hai???? Perché io so 61 anni che in bacheca ce metto sto caxxo….. eppure tifo Roma fino alla morte!!!!! Poche gioie ma sempre tanto amore infinito!!!! Forza Roma!!!! Se punti alla bacheca cambia squadra come Totti….. e sia chiaro….. no pe attaccallo è…… 😉