ROMA-INTER, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni di Eusebio Di Francesco, tecnico giallorosso, in occasione di Roma-Inter.

POST PARTITA

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA


Conferenza stampa Di Francesco Roma-Inter 1-3 di romanews

DI FRANCESCO A ROMA TV

Roma che ha dominato, come si analizza una partita così?
“Bisogna chiuderla, non ci dovevamo disunire dopo il gol del pareggio. La capacità sta anche nell’esperienza dei giocatori in campo di capire che in certi momenti della partita bisogna accettare un risultato e poi cercare il gol in altro modo. Abbiamo lavorato bene con una linea difensiva al top, sul primo gol c’è stato un errore della linea difensiva che un giocatore come Icardi non ti perdona. Loro nel secondo tempo non riuscivano ad uscire dalla loro metà campo e ti fa capire che pressione stavamo dando, ma quando prendi tre pali e hai un’occasione dubbia con Perotti ti vai a complicare la vita. Complimenti ai ragazzi per la crescita e per i 70 minuti ottimi fatti, stiamo lavorando su una mentalità e una tattica diversa, i ragazzi mi seguono, peccato per come è finita perché meritavamo un risultato differente”. 

Molti fuorigioco oggi, state lavorando bene su questa cosa, nel gol può essere stato un problema di lucidità l’errore di Juan Jesus sul rilancio e sulla posizione dei centrali?
“Se la andiamo a rivedere, non doveva uscire nessuno dei due centrali perché c’era la copertura di un centrocampista, abbiamo lasciato spazio a Icardi. Su questa cosa abbiamo lavorato tanto, può essere stato un problema di lucidità. Fazio, Manolas, Jesus e Kolarov avevano lavorato bene su questa cosa, ma giocare con un centrale mancino a destra alla lunga lo paghi. Sono situazioni però che una squadra come la nostra non può concedere, lì purtroppo Fazio non doveva lasciare spazio al centravanti”.

Come si fa a far capire alla squadra che questa è la strada giusta?
“Lo sanno già, al di là degli errori posso solo fare i complimenti alla squadra. Dobbiamo migliorare quanto fatto negli ultimi venti minuti ma c’è stata una crescita esponenziale rispetto a Bergamo, sia dal punto di vista fisico che tattico. Abbiamo preso gol ogni volta a difesa schierata quando sempre mi hanno detto ‘Di Francesco difende male e prende gol con la difesa scoperta in ripartenza’, quindi i ragazzi sanno su cosa bisogna lavorare”.

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Solo una gara sfortunata?
“Per 70′ minuti la Roma doveva stare sul 2-0, meritava di più, non vogliamo attaccarci a qualche episodio dubbio. Siamo stati ingenui nel finale nel perdere l’equilibrio, peccato per gli ultimi 15 minuti”.

Calo fisico o morale?
“Quello fisico lo accetto, quello morale no. Un po’ sfortunati però non mi va di appellarmi solo a quello. Posso solo attaccarmi alla prestazione, ma il risultato è davvero bugiardo”.

Che cosa le ha detto Spalletti a fine partita?
“Ha detto che siamo stati sfortunati e mi ha fatto i complimenti per come abbiamo giocato”.

Lei ha detto alla società che la difesa va bene così?
“Stiamo valutando sia la situazione dietro e davanti, ma vanno fatte cose per migliorarsi, non tanto per farle. Oggi la linea difensiva ha fatto davvero bene, anche Jesus fino agli episodi dei gol. E’ il nostro valore aggiunto in questo momento”. 

E’ un problema di posizionamento difensivo o di mentalità?
“Nel finale è normale che ci siamo sbilanciati e rischiato di prendere anche altri gol, però se una difesa ha lavorato bene per 70′ vuol dire che stanno cercando di applicare i concetti studiati in settimana. Noi abbiamo sbagliato qualche ripartenza, lo stesso Jesus su quel rilancio ha sbagliato perché è un mancino. Lavoreremo comunque anche dal punto di vista mentale. Ho visto la squadra padrona del campo e io gli chiedevo equilibrio. Non siamo stati cinici e non l’abbiamo chiusa”.

DI FRANCESCO A PREMIUM SPORT

Come si spiega questa sconfitta?
“Palla dentro e palla fuori. Ci vuole un pizzico di fortuna e l’Inter l’ha avuta. Abbiamo fatto qualche errore dal primo gol subito. Una squadra perfetta che teneva la partita in mano, con la linea difensiva sempre allo stesso modo, siamo stati ingenui. Abbiamo avuto tante occasioni e non abbiamo fatto gol. Oggi giochiamo meno bene e perdiamo. I discorsi di oggi e domani se li porta via il vento”.

Questa sera è mancato il ‘killer instinct’, però davanti si sono mossi bene. Non è il caso di aggiunger un altro elemento in difesa?
“Non è il momento di parlare di mercato. Fino al 70′, con un centrale a giocare a destra, la difesa se l’è cavata bene. Abbiamo perso un po’ di equilibri, siamo mancati come grande squadra. In generale, tranne nel primo gol, si sono mossi bene. Ha messo tutto quello che poteva mettere in campo, non chiudendo la gara che meritava di chiudere prima”.

Oggi un passo in avanti rispetto a Bergamo…
“Secondo me per 70′ la Roma è stata bellissima, aggredendo davanti e abbassandosi. Abbiamo creato tantissime difficoltà. Non siamo stati cinici e concreti in certe occasioni. Non avevamo un terzino di spinta sulla destra e dovevamo creare più azioni offensive dall’altra parte, non avendo un terzino. Ci sono stati passi in avanti. Io devo guardare la prestazione che è stata eccellente. Non avete parlato della VAR però”.

C’è stato un utilizzo sbagliato della VAR. C’era un rigore su Perotti…
“Io dico solo che se non dai rigore non devi dare angolo. L’assurdità è dare l’angolo. Non alleno più il Sassuolo e questi episodi non si vedevano, fanno tutti i complimenti all’Inter, ma questo episodio era sull’1-0, determinano le gare questi episodi”.

C’era molta fame nei giocatori. Bisogna lavorare sul black out degli ultimi minuti…
“Condivido l’analisi sul fatto che hanno messo tutto. Dovevano avere la capacità di mantenere l’equilibrio. Se non fai gol subito rischi di perdere. Spalletti ha riconosciuto che i pali presi hanno fatto la differenza, ma ha ragione chi vince e chi fa gol. Dobbiamo leccarci le ferite e ripartire dalla gestione della palla e dalla voglia di aggredire. Il secondo gol ha permesso all’Inter di partire in contropiede e farci male”.

Hai mandato un messaggio a Schick?
“Io non ho mandato nessun messaggio a Schick. Se parliamo di lui posso dire che è un ottimo calciatore, ma non ho mandato nessun messaggio”.

DI FRANCESCO A SKY

Vi aspettavate l’utilizzo del VAR sul contatto Perotti-Skriniar?
“Penso sia stato utilizzato ma poi sia stato giudicato così. Condivido la cosa di parlare di calcio. Allora però perché dare calcio d’angolo? O dai rigore o non dai angolo. Pensando questo non alleno più il Sassuolo e mi aspettavo più attenzione. Prima del gol di Icardi abbiamo giocato di grande squadra”.

La prestazione c’è stata, avete preso tre pali…
“Non mi sembrano pochi tre pali. Dico solo che la squadra mi è piaciuta l’aggressività e il cercare di riprendere palla alti. Siamo stati bravi sugli scarichi e con le mezzali portando il baricentro avanti. La linea difensiva ha fatto bene fino al gol, ci siamo mossi male e abbiamo preso l’1-1. Una squadra come noi però deve restare in partita e non perdere l’equilibrio, come abbiamo fatto per 70 minuti cercando di dargli solo giocate esterne, ma il risultato dice questo e dobbiamo leccarci le ferite. Abbiamo parlato di Bergamo dove abbiamo giocato male e abbiamo vinto, oggi abbiamo giocato bene ma il risultato dice altro. Si accetta e si va avanti”.

Problema atletico o mentale?
“Mentale. L’inter ha avuto la forza di reagire sui tre pali. Sono episodi che ti danno forza, che forse la partita la puoi vincere e così è andata”.

Avete dimostrato di essere una squadra che sa gestire ma negli ultimi 20′ avete sbandato. E’ inizio di stagione, la testa va allenata o stanno ancora assimilando il tuo calcio?
“Vedendo i 70 minuti lo hanno assimilato bene poi è normale che ci sono situazioni di gioco sui cui lavoriamo in settimana ma sono stati piccoli errori che noi abbiamo pagato e loro non li hanno pagati come noi. Dobbiamo avere la capacità di restare più in partita con più intelligenza tattica, cose che la mia squadra non si deve permettere. Non soffermiamoci negli ultimi 20 minuti perché l’Inter ne doveva prendere 5 e voi non gli avreste fatto i complimenti. La prestazione c’è stata anche mettendo un terzino fuori ruolo”.

Perotti e Defrel bravissimi però primo gol preso in maniera ingenua…
“L’errore più grande è che essendo mancino si chiude una giocata sulla pressione che viene sull’interno e io dico sempre di aprire la giocata anziché chiuderla. Fazio non deve accorciare ma deve lavorare con il suo compagno sulla palla e ha creato uno spazio che Icardi è stato bravo ad attaccare. Errori di linea che in precedenza non abbiamo fatto e ci abbiamo lavorato molto per evitare errori come questi”.

Avete preso Schick?
“La società non mi ha comunicato niente anche se è un grande giocatore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

20 Commenti

  1. Di Francesco assolutamente via ma non per questa sconfitta ma perché i giocatori non terranno mai la condizione per 90 minuti a quei ritmi bisogna saper cambiare sennò facciamo zeman 2 i tre centrocampisti erano sfiniti non puoi fare 90 minuti a quei ritmi per un campionato quindi prima che sia troppo tardi o si cambia modulo o via di Francesco subito sarò drastico ma così non puoi giocare un campionato non e’ possibile in Italia il 4 3 3 totale non ha mai dato risultati vincenti puoi vincere una battaglia ma non vincerai mai la guerra e noi sarebbe ora che ci meritiamo di vincerla!!!!!!

  2. Stefano hai pienamente ragione……ma aggiungo che abbiamo una società di m…….poiché vendiamo Salah per 40…….e nn abbiamo un sostituto all altezza,oggi contro L inter altro che tre pali con lui in campo……abbiamo perso Rudiger e nn abbiamo un difensore all altezza…….abbiamo speso soldi per Defrel,quando questi ha principalmente lo stesso ruolo di Dzeko e ora……Schick….altra punta!!!!!!!x 40 milioni,gli stessi di Salah………ma con questi soldi nn era meglio acquistare un valido difensore ed un ala??? Poi Di Francesco o si adatta ai giocatori che ha cambiando modulo,o e’ meglio che vada via prima che sia troppo tardi e compromettere tutta la stagione……….

  3. e sono subito pizze…. sono 50 anni che sento parlare di moviole var sfortuna ingiustizie tutti alibi da felici sfigati…. e comunque volano pizze e prima partita decisiva toppata alla grande!! abbiamo resuscitato il pelato che tristezza…

  4. mike1974 e stefano ….bravi sono quelli come voi il male della roma…disfattisti e ridicoli abbiamo perso una partita x tre pali e un rigire non dato e parlate di esonero?smettetela fenomeni

  5. Non so se non capite nulla di calcio (probabile) o siete in malafede (ancora più probabile)…
    Probabilmente un’insieme delle due cose…
    Con una squadra ancora incompleta e con terzino destro con una squadra che fino a poche ore fa si diceva ci dovesse dominare…
    3 pali, un gol salvato sulla linea e rigore negato e una partita largamente dominata…
    La settimana scorsa è stato detto che giocando così non si andava nessuna parte… Mentre oggi il problema è un risultato casuale? Mettetevi d’accordo…

    Oggi esco dallo stadio soddisfatto e fiducioso… se si completerà la squadra con questo allenatore ci prenderemo molte soddisfazioni…
    E di questo dovrebbero sperarlo tutti… A meno che non si tifino le proprie convinzioni più che la Roma…

  6. Che pena…dopo un a partita del genere leggere certi commenti…siete gli stessi che hanno detto che la Roma a Bergamo aveva SCULATO….fate ribrezzo….non aspettavate altro…MERDA MERDA SULLA SQUADRA PER CUI FATE IL TIFO….LA MIA ROMA NON SI MERITA TIFOSI DEL GENERE…

  7. Abbiamo preso 3 gol da un’inter per lunghi tratti imbarazzante. Alla prima partita in casa stiamo già lamentandoci per un rigore non dato. Abbiamo colpito 3 pali con tiri da fuori. Nessun passo in avanti fatto semmai ne ha fatto uno indietro l’Inter. La difesa è da rifare (altro che esterno Alto) . Un altro allenatore (spalletti) oggi avrebbe schierato una difesa a 3 , di Francesco NO, 433 o morte anche se a destra deve schierare un centrale mancino. Rivedetevi il 2 e 3 gol. Manca un giocatore in grado di impostare, de Rossi azzecca un passaggio di 10. Purtroppo di partite come questa ne vedremo altre. Ah, dimenticavo, di Francesco dice che serve tempo perché l allenatore (lui) è nuovo……anche l Inter ha un nuovo allenatore (spalletti) ma dopo 2 partite hanno 6 punti con 6 gol fatti e 1 subito. Insomma gli unici a dover aspettare siamo noi tifosi della Roma…….GRAZIE PALLOTTA.

  8. Grande Roma davvero oggi ho avuto la certezza che con la roma faticano in tanti..inter due partite l’utilizzo del bar è un optional..simeone..perotti…le regole le inventano il modo per rubare ce SEMPRE 1 a zero vai a 2 addio Inter si parla di una partita truccata e con il risultato bugiardo grandissima Roma avanti così la fortuna non l’abbiamo mai avuta e stasera ne è la prova

  9. Siete semplicemente la vergogna dei tifosi..gente che non capisce di calcio nemmeno su Fifa che ti viene a dire che in Italia il 4-3-3 non si può usare (peccato che il Napoli con lo stesso modulo faccia il miglior calcio d’Europa). Giudicare il tecnico per una sconfitta in cui si è giocato da soli per 70 minuti è davvero da gente che di calcio ne capisce poco..ma oramai di tifosi ne siamo rimasti in pochi..ormai siete tutti criticotifosi se si vince si critica perché non si gioca bene, se si perde si critica perché si è perso..tifate Lazio perché come presunti tifosi della Roma fare veramente pena

  10. Se non hai l’obiettivita’ per guardare la realta’ sara’ molto difficile risolvere i problemi.
    Un altro paio di partite cosi’ e Di Francesco salta. Meglio ora che piu’ in la’.
    Credo proprio che questa e’ per la dirigenza una stagione d’attesa. Se ci sara’ l’ok per lo stadio si investira’, altrimenti si mettera’ il club in vendita.

LASCIA UN COMMENTO