Derby, i 10 motivi per cui potrebbe sorridere la Roma

0

 NUMERI E CURIOSITA’ ROMA-LAZIO – Domenica 30 aprile, ore 12,30, allo stadio Olimpico si gioca il 4° e ultimo derby di questa stagione. Gli uomini di Spalletti sono chiamati a non sbagliare se vogliono congelare il 2° posto alle spalle della Juventus. Per l’occasione abbiamo stilato una lista di 10 buoni motivi per i giallorossi possono vincere il derby.

1 – La Roma ha vinto gli ultimi 4 derby di campionato, segnando sempre almeno 2 gol in ogni match e subendone 2 in totale.

2 – L’ultimo derby vinto dalla Lazio in Serie A risale all’11 novembre 2012: da allora 5 vittorie giallorosse e 3 pareggi.

3 – La Roma non ha segnato soltanto in uno degli ultimi 19 derby di campionato: lo 0-0 del febbraio 2014.

4 – Quando la stracittadina si disputa dopo la 33esima giornata di Serie A, la Roma non perde mai:  è accaduto 4 volte con 2 pareggi e 2 vittorie dei giallorossi.

5 –  La squadra di Spalletti è quella che ha la percentuale di contrasti vinti più alta (77%) del campionato.

6 – I giallorossi hanno concesso meno gol di tutti su palla inattiva in questo campionato: appena 5 reti.

7 – La Roma potrà schierare domenica il capocannoniere del campionato, Dzeko: primo goleador con 25 marcature assieme a Belotti del Torino.

8 – Nainggolan e compagni sono la formazione che in questa Serie A ha fatto più tiri di tutti: 474 (236 in porta, 238 fuori), nessuno come la Roma.

9 – La squadra giallorossa è quella che ha totalizzato più assist di tutte le altre in campinato: 149 in totale, 42 vincenti.

10 – L’ultima stracittadina giocata nel mese di aprile si è conclusa con una vittoria della Roma: era il 3 aprile 2016, Lazio battuta per 1-4 con reti di El Shaarawy, Dzeko, Florenzi, Perotti. Di Parolo il della bandiera.

Riccardo Caponetti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here