ROMANEWS WEB RADIO – L’ex calciatore giallorosso ed attuale tecnico dell’Anzio, Gaetano D’Agostino, interviene in esclusiva a Romanews Web Radio. Queste sono le sue dichiarazioni:

Salvezza meritata con l’Anzio… “Noi potevamo salvarci prima, abbiamo fatto un po’ di pareggi di troppo. Il calcio ogni domenica ti dà delle sorprese da superare. Noi ci siamo complicati un po’ le cose, ieri abbiamo finito ancora la partita in 9. In alcuni casi i miei ragazzi sono stati ingenui, ma altre volte sono stati dei provvedimenti ingiusti. Abbiamo dato un po’ di fastidio e abbiamo avuto delle pressioni”.

Derby sfortunati per Spalletti, stanno diventando la sua bestia nera… “Io ho seguito il primo tempo: ho visto bene la Roma nel primo quarto d’ora. Una volta subito il gol c’è stato un cambiamento drastico. Una cosa brutta da vedere. Io non credo alla fortuna: la Lazio ha preparato una partita e la Roma un’altra. Quando si affrontano due squadre forti quello che fa la differenze sono la cattiveria e l’agonismo. Non puoi farti puntare da Keita, lui è un giocatore che con il fallo tattico lo puoi arginare. Il gol lo puoi prendere ma devi avere la forza mentale per reagire. Il rigore poi era regalato per la Roma”.

“Io mi ricordo la contestazione nell’anno dello scudetto a Trigoria con Zappavigna, Mortadella e altri. C’erano giocatori con carattere in quella squadra e infatti hanno reagito. Come mai in questa stagione in tutte le gare determinanti non si riesce a vincere? Perchè manca la cattiveria agonistica. A parte Totti, De Rossi e Nainggolan gli altri non hanno grande personalità e cattiveria, non riescono a reggere le pressioni”.

Strootman? “Ieri ha giocato male, va detto. Non si può dire che due anni fa era un grande giocatore, va analizzato quello che fa adesso. Nainggolan e De Rossi invece riescono a reggere le pressioni. Nainggolan può sbagliare una partita, ma lotta sempre su ogni pallone fino alla fine”.

Oggi è una giornata difficile… “Quando c’è un obiettivo comune la squadra deve lottare fino all’ultimo e dare il 101%. Allegri che si inventa Mandzukic terzino è un grande allenatore, perchè è un tecnico che riesce a trasmettere carisma ai suoi giocatori. Come Mourinho. Io stimo Spalletti e continuerò a farlo, andrei anche a vedere i suoi allenamenti perchè mi piace”.

Secondo posto a rischio? “L’obiettivo della Roma rimane il secondo posto, se Monchi sta lavorando deve farlo sotto traccia. Dei rinnovi si parlerà dopo, adesso si deve pensare solo al secondo posto perchè il resto sono cavolate. Da ora sono sicuro che si parlerà solo del secondo posto, perchè c’è paura di non arrivarci. Bisognava pensarci già da due settimane. C’era la convinzione di avere in tasca il secondo posto e invece non è così. Il napoli è in grande forma”.

Fazio e Rudiger out a Milano… “Stiamo vicino alla squadra e sosteniamoli, poi a fine anno si tireranno le somme. Concentriamoci sull’obiettivo secondo posto. La Juventus con l’Atalanta ha subito dei torti arbitrali ma non ha protestato più di tanto, la squadra è andata avanti perchè c’è un obiettivo. I giocatori ascoltano le radio e si creano gli alibi, a Roma è facile crearsi gli alibi. La Roma ha bisogno di vincere, anche una coppetta del nonno, ma deve vincere qualcosa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO