ROMA-LAZIO – Questi sono i temi della conferenza stampa trattati da mister Luciano Spalletti alla vigilia del derby di campionato Roma-Lazio, ripercorsi per argomenti.

CAMPIONATO – “Sono soddisfatto di quello che abbiamo messo dentro. L’importante è quanto ci siamo impegnati e abbiamo difeso la squadra da tutto e da tutti. La Roma ha fatto un percorso da evidenziare, non ha mai mollato. È stata sempre lì anche nei momenti di difficoltà. Noi continueremo a fare il nostro campionato. Noi ci siamo fatti un bel mazzo in questa stagione, per cui non lasceremo niente di intentato. Riuscire anche a raggiungere il secondo posto sarebbe tanta roba. La Juventus ieri ha fatto vedere di essere forte e a tratti imprendibile. Arrivare dietro ad una Juventus che lotta per la Champions League è una cosa positiva. Vuol dire che ci abbiamo messo sostanza, i giocatori hanno lavorato in maniera seria”.

IL DERBY E L’ORARIO DELLE 12.30 – “Il derby è una cosa bella da giocare e da vivere. A me piace emozionarmi, secondo me ho a che fare con una squadra che emoziona. Attraverso le emozioni si riesce a comunicare con più forza. Il derby è una cosa da gustarsi. Il derby dovrebbe essere giocato in notturna, secondo la temperatura che ci sarà può condizionare la gara. Per me sarebbe meglio giocarlo in notturna. Però domani ci faremo trovare pronti. Giocare alle 12.30 non è il massimo, ma ci faremo trovare pronti”.

L’AVVERSARIO – ” Inzaghi è stato bravo, facendo anche a meno della forza del singolo. Loro con il 3-5-2 hanno buona copertura e in avanti creano imprevidibilità. Hanno fatto un buon lavoro quest’anno”.

MONCHI – “E’ una bella persona e un bel professionista messo insieme ad un altro professionista che è il nostro direttore”.

TOTTI E DE ROSSI – “Io non lo so se è l’ultimo derby di Totti, non ho chiesto nulla alla società. Io spero che non sia l’ultimo. Per lui il derby di Roma sarà sempre da vivere e parteciperà sempre emotivamente. Se De Rossi farà vedere le cose degli ultimi giorni sarà recuperatissimo”.

CLICCA QUI PER LA CONFERENZA LETTERALE