Che cosa ha detto Di Francesco in conferenza stampa (VIDEO)

1

DI FRANCESCO INTER-ROMA – Questi sono i temi trattati dal mister Eusebio Di Francesco nella conferenza stampa alla vigilia di Inter-Roma, gara valevole per la ventunesima giornata di campionato.

LA SETTIMANA – Sicuramente questa pausa dal mio punto di vista a livello di strutturazione non mi è piaciuta, al di là di come ci siamo arrivati per via dei risultati precedenti. Ma perché prepari la partita dopo l’obbligo di dare ai calciatori una settimana di vacanza, e avere una settimana solo per preparare la partita non è il meglio.

DZEKO – Si motivatissimo, voglioso di far bene, e mi auguro che sia determinante come è già stato in altre occasioni.

LA SQUADRA – De Rossi sarà convocato con la speranza di poterlo recuperare e metterlo a disposizione per domani, mentre Gonalons e Perotti resteranno qui con due infortuni diversi. Perotti con la speranza di recuperarlo con la Sampdoria in casa, Gonalons è un po’ più dura.

INTER-ROMA – Ho chiesto alla squadra prima di tutto concretezza in quello che andiamo a fare, di trovare la spensieratezza e la forza nelle giocate che ha avuto in precedenza, io non mi posso basare sull’Atalanta in cui nel primo tempo non abbiamo giocato. Ci vuole coraggio, mettere da parte la paura, questo ho chiesto principalmente. Abbiamo fatto tante esercitazioni tecnico tattiche per andare a migliorare, più che pericolosi dobbiamo essere determinati e precisi sotto porta. Dobbiamo attaccare meglio la porta sotto tutti i punti di vista.

VOGLIA DI VINCERE – Accontentarsi è inconscio ed è inevitabile. Ci esaltiamo e ci esaltate in maniera eccessiva. Si vive di eccessi, 20 giorni fa squadra e allenatore di un certo livello, poi dopo nell’esatto contrario. Voi nella vostra vita venite giudicate per 20 giorni? Io credo che si voglia dire che è un ambiente che possa portare a questo, è generale, che a volta fa anche comodo perché credo che parlare male porta più risultati e ascolto che parlar bene. Noi dobbiamo essere bravi a riportare la squadra mentalmente a certi risultati. Noi magari realmente non siamo forti e competitivi come le squadre che ci stanno sopra in campionato, ma non dimentichiamoci che l’anno scorso siamo arrivati secondi e usciti ai preliminari in Champions, quindi un miglioramento c’è stato. Io però non mi accontento, dobbiamo essere più determinati per andare avanti. L’osservazione ci sta ma per parlare, le cose bisogna viverle. Io le ho vissute in tutti i modi, ma se diciamo sempre ‘Tanto Roma è così’, non cambieremo mai. C’è bisogno di un gruppo che si muova in una certa direzione essendo forti più dentro che fuori. Mi auguro che noi non ci accontenteremo, ma nello stesso tempo ho cercato di alzare l’attenzione alla professionalità nostra, che è la cosa più importante. E’ l’amore per il proprio lavoro, è uno dei primi argomenti che ho affrontato: il mercato fa parte di questo gioco, l’allenatore odia questo periodo ed il giocatore magari lo vivono in maniera differente. Bisogna far capire a questi ragazzi che devono dare il meglio di loro stessi concentrandosi sulla partita. Pretendo che sia così.

FLORENZI – Florenzi ho sempre detto che ha la qualità per giocare ovunque. Florenzi in questi anni ha sempre fatto il terzino, anche contro giocatori importanti come Hazard. Non si lega solo ad un giocatore, ma ad un movimento generale di squadra. Lui può giocare anche contro Perisic oppure giocare in avanti. La mia scelta si detta da ciò che voglio dalla squadra più che dall’avversario.

SCHICK – Mi fate sempre le stese domande su Schick. E’ un ragazzo deve crescere, sento che deve giocare con mille moduli diversi, ma se uno non è libero di testa non può giocare da nessuna parte. Deve ritrovare la condizione, se stesso, ha lavorato per questo e le risposte le darà il campo. Sono contento di come ha lavorato questa settimana

RITIRO – È scelta logistica, la abbiamo fatta in precedenza: non è punitiva, è stata scelto perché tornare la sera tardi, ripartire, abbiamo scelto per stare più insieme, lavorare meglio e cercare di lavorare. Visto che è una settimana importante, con partite importanti e dobbiamo cercare di essere ancora più compatti. Per questo la scelta del ritiro, che era già stata scelta in precedenza.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. EUSEBIO MA STAI ZITTO PER FAVORE………..MA COME SI VIVE DI ECCESSI…STIAMO A 12 PUNTI DALLA PRIMA……….CAMPIONATO FINITO ANCHE SE LE VINCI TUTTE…SEI RIDICOLO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here