Contava vincere

1

EDITORIALE ROMANEWS.EU – Contava vincere e la Roma ha vinto. Per la classifica di Champions, per tenere alto il morale e lanciare un chiaro messaggio anche al campionato italiano. La partita contro il Qarabag però non racconta solo la conquista dei tre punti in terra azera, ma parla anche di una squadra che sul campo ha convinto per gran parte del primo tempo, soffrendo il ritorno dei padroni di casa nella ripresa. Alla fine arrivano ancora tre punti dopo le ultime tre vittorie consecutive in Serie A. Anche se il Qarabag è considerato la vittima sacrificale di questo girone fin dal giorno del sorteggio che ha abbinato giallorossi e azeri con Atletico Madrid e Chelsea, la vittoria era sì d’obbligo ma non è certamente da sottovalutare. Perché tra mancate partecipazioni e sconfitte varie i giallorossi non trovavano il successo in Champions League dal lontano novembre 2015 (Roma-Bayer Leverkusen 3-2), successo che in trasferta mancava da ben 7 anni.

TENUTA MENTALE – In Champions non esistono partite facili o scontate ma l’inizio della Roma è stato dei più incoraggianti. Trenta minuti di dominio assoluto e due gol (Manolas 7′ e Dzeko 15′), poi per un attimo cala la tensione e sulla rete del Qarabag sbaglia quello che è forse il più esperto dei giallorossi in campo europeo, Maxime Gonalons. Si accorciano le distanze (P. Henrique 28′) e cresce il coraggio del Qarabag: ad inizio ripresa i padroni di casa spaventano una Roma un po’ in difficoltà a causa dell’agonismo messo in campo dagli azeri. In mediana delude Gonalons, spesso troppo lento nel ragionare per orchestrare al meglio la manovra giallorossa. Se nella ripresa a latitare sono state le trame offensive che chiede Di Francesco, i capitolini hanno convinto per tenuta mentale tenendo comunque in mano il possesso palla in un catino molto caldo quale si è dimostrato lo Stadio Olimpico di Baku.

TESTA AL CAMPIONATO – Nonostante qualche minuto di incertezza nel secondo tempo, i tre punti conquistati dalla Roma sono d’oro. I giallorossi si portano a 4 punti nel girone e possono continuare a sognare il passaggio del turno contro due big come Chelsea e Atletico Madrid. Ora niente proclami o cali di tensione e subito testa al campionato, domenica Dzeko e compagni saranno ospiti di un Milan ferito dalla batosta di Genova, sponda Samp. La Serie A già in Azerbaigian è finita nei pensieri della Roma, visto il turnover ragionato scelto da Di Francesco a metà campo e qualche disattenzione di troppo. Montella avrà voglia di rivalsa, ma intanto Eusebio si presenta a San Siro nel migliore dei modi: contava vincere e la Roma ha vinto.

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here