Di Francesco: “Florenzi è impressionante. Il suo ruolo ideale lo so ma non ve lo dico” (FOTO)

2

CONFERENZA STAMPA AS ROMA – Il tecnico giallorosso, Eusebio Di Francesco è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Udinese. L’allenatore ha introdutto la sfida di campionato con i friulani rispondendo alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa del centro tecnico sportivo “Fulvio Bernardini” di Trigoria.

Da Trigoria
Paolo Sparla

LA CONFERENZA STAMPA

Spinelli, Roma Radio: L’Udinese ha raccolto solo tre punti, la voglia di riscatto può essere un’insidia?
Tutte le partite nascondono delle insidie, anche l’ultima, anche se poi è finita bene. Noi dobbiamo avere lo stesso atteggiamento che abbiamo avuto nelle ultime partite, partire con la stessa forza. Noi davanti abbiamo una squara con dei valori importanti, che sta raccogliendo meno di quello che ha seminato.

Vespasiani, Roma Tv: Lei ha detto “Siamo una squadra”.
Questo aiuta quando arrivano i risultati, il turn over è valido se si raggiungono vari obiettivi. Io ho parlato sempre di collettivo e mai di singoli, ho parlato di due giocatori per ruolo sempre, tutti sono indispensabili per raggiungere un obiettivo importante.

Mangiante, Sky Sport: I risultati possono essere favoriti da questa scelta tecnica? Possono essere il vero valore aggiunto?
“Deve esserlo, credo che sia fondamentale. Queste opzioni abbinate ai risultati aiutano ancora di più. Anche chi si sente con il posto assicurato, vedendo le prestazioni degli altri, alza sotto l’attenzione e la preparazione ad ogni gara e ad ogni allenamento. Credo che questa squadra, al di là delle partite, sia cresciuta moltissimo negli allenamenti e questo fa la differenza perché ritengo che ciò che viene fatto negli allenamenti venga riportato in partita”.

Nainggolan è ok?
Ieri ha fatto tutto con la squadra, oggi sarà l’esame finale e se dovesse essere tutto ok sarà convocato e sarà anche della partita fin dall’inizio.

Zucchelli, Gazzetta dello Sport: Le piacerebbe un campionato con meno squadre? E’ la soluzione?
“Può essere una soluzione, non sta a me dirlo perché sono state fatte delle analisi. Credo che chiunque riesca a conquistare la Serie A meriti una chance. È normale che se si dovessero fare altre scelte sarebbero ben accette, ma si deve seguire una logica come fanno anche in altri campionati. Ritengo che il divario esista in questo momento, ma tutte le partite hanno un significato particolare, siamo solo all’inizio, vedrete che più andrà avanti il campionato e meno si vedrà questa differenza. Molte squadre inizieranno a capire come si affronta questo campionato, ve lo dice uno che ci è passato qualche anno fa con il Sassuolo”.

Pinci, Repubblica: in questa prima parte di campionato sono emersi Dybala e Mertens, alla Roma manca un giocatore del genere?
Noi all’interno abbiamo dei giocatori importanti che possono decidere una partita da un momento all’altro, Edin può essere uno di questi calciatori, è fondamentale. Questa Roma si basa sul collettivo, quando si fa una squadra l’allenatore diventa fondamentale. Io mi baso sul collettivo, i giocatori devono vincere le partite insieme.

Pastore, Il romanista: Defrel resta l’alternativa a Dzeko?
Greg è stato preso per questo, però nelle situazioni in cui ci siamo trovati l’ho portato a giocare spesso a destra non rendendo magari per quelle che sono le sue qualità. Pian piano lo riporterò in zona centrale, poi quando rientrerà Schick farò valutazioni. Ho dimostrato di avere meno certezze in alcuni ruoli, ma è la normalità quando si hanno giocatori giovani, che vanno centellinati.

Austini, Il Tempo: Juve e Napoli hanno vinto tutte le partite, lei crede di allenare una squadra a quel livello?
Credo di allenare una squadra forte, che può competere con loro. Ma loro hanno dimostrato di avere maggiore solidità, scaturita da una base solida. Noi abbiamo cambiato tanto, sono convinto che pian piano stiamo recuperando terreno e consapevolezza. Queste vittorie sono importanti, non abbiamo preso gol e tutto ciò deve darci maggior forza. Io sono convinto di un percorso di crescita e mi auguro di avvinicarci alle squadre che sono in cima.

Parisi, Centro Suono Sport: Alisson, Kolarov e Dzeko sono i migliori. Riposeranno o sono insostituibili?
Queste valutazione le farò partita per partita, con l’Udinese giocheranno tutti e tre sicuramente, poi vederemo col Qarabag. Dobbiamo sfruttare questa loro grande onda di entusiasmo.

Cotumaccio, Rete Sport: Come procede il recupero di Karsdorp e Palmieri?
Emerson è in Germania per valutare il ginocchio insieme a Pellegrini, è nel percorso giusto. Karsdorp ha avuto questo problema muscolare che ha frenato la sua crescita fisica, così come Schick. Sono giocatori sui quali credo tantissimo ma in questo momento non sono nella condizione giusta.

Lorusso, RDS: Si è abituato alla forte differenza che c’è fra il gradimento verso di lei quando vince e l’insofferenza e le critiche quando non si gioca una bella partita?
Ogni mondo è paese, critiche e gradimenti ci sono dappertutto. Quello che non mi piace è quando si parte prevenuti, io sono qua per migliorare la Roma e non me stesse. E’ il pensiero che ho quando parlo di collettivo, tutto quello che c’è attorno me lo faccio scivolare addosso, questa è la forza che deve avere un allenatore per allenatore a Roma. Quando esco e vado in giro sento grande calore da parte di tutti.

Timpano. Tele Radio Stereo: Florenzi può essere il jolly della sua squadra?
Può esserlo veramente, la mia percezione è cambiata. Allenandolo mi rendo conto che è predisposto per far tutto, è impressionante. Lui è sempre uguale quando gli dico di giocare di qua o di là, io comunque il suo ruolo ideale lo so ma non ve lo sto a dire, magari poi faccio una figuraccia. Il ragazzo me lo ha detto quello che vuole fare, e questo è importante. Nel confronto ci si conosce bene, sono contentissimo di poter allenare Alessandro, sono convinto che ci darà grandi soddisfazioni.

(FINE)

ROMANEWS.EU SEGUE LA CONFERENZA IN TEMPO REALE

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

2 Commenti

  1. l’uscita traumatica di Spalletti ad opera di gente che non stimo mi ha trasmesso prudenza nei confronti di DF.
    Devo dire ce per alcuni versi apprezzo il suo lavoro, ma un giudizio più concreto verrà dopo altre partite.
    Cmq il mio in bocca al lupo a chiunque allena la maggica

  2. Florenzi mi piace come terzino onestamente ma puo giocare dovunque sulla fascia. E il classico fluidificante, anche se non si usa piu questo termine molto. Si e vista la differenza con lui in campo contro Verona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here