Stadio della Roma: al via il finanziamento Goldman Sachs fino a 30 milioni

4

COMUNICATO STAMPA – La Roma ha pubblicato sul proprio sito ufficiale un comunicato stampa relativo al perfezionamento dell’operazione per il finanziamento dei costi preliminari di sviluppo connessi al progetto “Stadio della Roma”. Nel comunicato si annuncia la sottoscrizione di un contratto di finanziamento con Goldman Sachs International. Questo il contenuto integrale:

“AS Roma SpA (di seguito, la “Società”), NEEP Roma Holding SpA, l’azionista di maggioranza della Società (di seguito, “NEEP”), Stadio TDV SpA, la società deputata alla gestione ed al finanziamento del progetto “Stadio della Roma”, il cui capitale sociale è interamente detenuto da NEEP (di seguito, “StadCo”) e AS Roma SPV LLC, l’azionista di maggioranza di NEEP (di seguito, “TopCo”) rendono noto che in data odierna è stato sottoscritto un contratto di finanziamento per un ammontare massimo pari ad Euro 30 milioni tra (i) Goldman Sachs International, in qualità di “Mandated Lead Arranger” e “Bookrunner” e Goldman Sachs International Bank in qualità di “Agent”, “Security Agent” e “Original Lender”, e (ii) StadCo, in qualità di beneficiario, (di seguito il “Finanziamento StadCo”), volto a finanziare StadCo al fine di sostenere determinati costi preliminari di sviluppo connessi al progetto “Stadio della Roma” (di seguito, l’”Operazione”).

Ai sensi della documentazione di cui al Finanziamento StadCo (il “Contratto di Finanziamento StadCo”), Goldman Sachs International Bank metterà a disposizione di StadCo un finanziamento per un ammontare massimo pari ad Euro 30 milioni sulla base del soddisfacimento di determinate condizioni previste nel Contratto di Finanziamento StadCo. StadCo dovrà rimborsare interamente il Finanziamento StadCo entro 22 mesi dalla data di utilizzazione iniziale, salvo il diritto di StadCo di rimborsare volontariamente in anticipo il Finanziamento StadCo nel rispetto delle disposizioni di rimborso anticipato previste nel Contratto di Finanziamento StadCo. Le garanzie, i covenants finanziari e gli ulteriori impegni da osservare per l’intera durata del Contratto di Finanziamento StadCo risultano standard rispetto ad operazioni similari.

A supporto del Finanziamento StadCo, la Società è stata chiamata a sottoscrivere un contratto di finanziamento infragruppo (di seguito il “Finanziamento Infragruppo”) ai sensi del quale la Società metterà a disposizione di StadCo una linea di credito rotativa per un ammontare totale non inferiore all’ammontare dovuto ai sensi del Contratto di Finanziamento StadCo. Il Finanziamento Infragruppo fungerà da garanzia al Finanziamento StadCo – nel caso in cui quest’ultima non fosse in grado di rimborsare autonomamente il Finanziamento StadCo – e non come fonte primaria di rimborso dello stesso. Gli interessi su ogni utilizzazione del Finanziamento Infragruppo matureranno ad un tasso fisso pari al 6% annuo. La disponibilità di ciascun importo erogabile ai sensi del Finanziamento Infragruppo sarà estinta alla data anteriore tra (i) la data di rimborso integrale del Finanziamento StadCo ovvero (ii) la scadenza del ventottesimo mese successivo alla data del Finanziamento Infragruppo.

Ai sensi del Finanziamento Infragruppo, la Società, NEEP, e TopCo hanno sottoscritto un contratto di garanzia (di seguito il “ Contratto di Garanzia”) in base al quale (i) NEEP pagherà alla Società ogni ammontare dovuto da quest’ultima a StadCo in base al Finanziamento Infragruppo, per un ammontare massimo pari a circa Euro 32 milioni; e (ii) TopCo indennizzerà NEEP per l’ammontare effettivamente pagato da NEEP in base al Contratto di Garanzia per un ammontare massimo pari a circa Euro 32 milioni. L’Operazione è stata posta in essere nell’ambito delle strategie di business del Gruppo AS Roma – volte a mantenere il club ai massimi livelli – che prevedono, inter alia, di offrire alla Società l’opportunità di sfruttare economicamente su base continuativa le nuove strutture dello “Stadio della Roma”, che rappresenterà la sede per le partite casalinghe della prima squadra di AS Roma”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

4 Commenti

  1. 30 mln di costi preliminari ma anche il resto del miliardo di euro sarà anticipato dalle banche come per ogni cosa. è un po’ come acquistare una casa prendi il mutuo e lo paghi in 30 anni…comunque se il comune di Roma non si sistema non uscirà mai la convenzione urbanistica e quindi i lavori non inizieranno mai, non è solo colpa della Roma ma anche della politica e della burocrazia.

  2. Magari, se leggeste bene quanto sopra (un po’ tecnico, certo, ma non proibitivo da comprendere), capireste che si tratta di un’ottima notizia. E ancora temete problemi con Roma Capitale? Ma ancora non è chiaro che – volenti o nolenti – l’economia comanda sulla politica? Quando Marchini, Raggi, Giachetti o Meloni – da neosindaci – vedranno arrivare opere per 1,5 Kappamilioni di Euro, lo sapete cosa faranno delle obiezione degli abitanti dei palazzoni di speculazione limitrofi o delle bislacche teorie di improvvisati comitati pro-pantegana? O delle obiezioni di chi non sa neppure dove sia di casa l’urbanistica? O delle sclerotiche lentezze di qualche superburocrate attaccato alla portona del Dipartimento comunale? Qui l’unico pericolo è che Pallotta, Goldman ed il codazzo di esperti investitori non ravvedano più validità economica nell’operazione. Ma questo rischio non risente certo della presenza in comune di una ragazzetta di spessore leggero ed ambizioni pesanti. Se le cose andranno come devono e l’opera fosse completata, avremmo anni divertenti dinanzi a noi, senza dover scegliere di anno in anno chi vendere per fare cassa: Juve docet, checché ne pensi Marione e la sua combriccola di nostalgici. Forza James!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here