CONFERENZA STAMPA – Ecco le dichiarazioni di Leandro Castan al termine dell’amichevole con gli ungheresi.

CASTAN IN CONFERENZA STAMPA 

Le tue sensazioni dopo il tuo ritorno…
“E’ stata una bella emozione. Sono felice, quando sono arrivato non era previsto di giocare. Vuol dire che sto migliorando. Sono lontano dal 100%, ma ho visto che posso andare a contrasto e colpire la palla di testa. Posso tornare a un grande livello. Sulla partita sono arrabbiato. E’ vero che siamo stanchi, ma sono incazzato, volevo vincere. E’ un’amichevole, ma io volevo vincere.”

Atmosfera strana tra i tifosi. Applausi per te, ma molti cori contro la Pallotta e alcuni fischi per Destro…
“Quando è tanto che non vinci un trofeo è normale. Noi dobbiamo dare il 100%. Sarà un anno lungo e difficile. I tifosi non hanno già molta pazienza, ma dobbiamo essere uomini. Dobbiamo vincere sempre. I tifosi si arrabbiano perchè come noi anche loro vogliono vincere sempre”

Movimenti della linea difensiva, secondo te dovreste lavorarci di più?
“Penso che nella prima settimana di allenamento serve più la parte atletica. Oggi abbiamo lavorato un po’ anche sul parte difensiva. Dobbiamo essere più cattivi in campo. Dobbiamo capire che il calcio delle volte non può essere bello. Bisogna vincere a tutti i costi. Abbiamo ancora 6-7 settimane per lavorare”

Come ti senti psicologicamente?
“L’unica cosa che mi è rimasta è la cicatrice. Sono un calciatore come tutti gli altri. Ho la forza per abbattere le critiche. Voglio tornare al top, sono libero di testa. Chiedo a tutti voi di non guardarmi più come uno che ha fatto un intervento. E’ finito basta”

Quanto sarà importante avere  uno come Manolas vicino? E poi un parere su Falque?
“Mapou mi ha aiutato tantissimo. Ringrazio lui perchè questi giorni mi ha dato una grande mano. Iago è un grande acquisto, spero possa darci una mano. Sarà un anno lungo e difficile è arrivato il momento di vincere.”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO