ROMA-ATLETICO MADRID, LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni dei tesserati spagnoli in occasione di Roma-Atletico Madrid.

POST PARTITA

SIMEONE IN CONFERENZA STAMPA

Le è capitato altre volte di tirare così tante volte e non segnare?
“Abbiamo giocato bene con il collettivo, abbiamo avuto più ritmo quando la Roma iniziava a calare di intensità, ci è mancato solo il gol”.

La Roma può passare il turno?
“Sicuro, la Roma è una grandissima squadra, hanno cambiato allenatore e non è facile. Hanno molto velocità sulle fasce, ce la giocheremo noi, Roma e Chelsea”.

La mossa con i 4 in mezzo al campo cosa può dare?
“La concretezza è la dote delle grandi squadre, la Roma ha centrocampo ha Strootman e Nainggolan che dettano il gioco, quando abbiamo inserito i nostri giocatori più veloci abbiamo fatto bene. Il nostro cammino è lento ma è buono”.

La scelta di Thomas?
“Ha aspettato il suo momento e lotterà per un posto in mezzo al campo, dove c’è grande concorrenza e ogni volta sceglierò il migliore”.

Ha visto la partita con l’Inter della Roma e le è servito da spunto?
“Si, ne abbiamo viste tante della Roma. E’ normale che se la Roma spinge molto all’inizio poi cali nel finale, ci abbiamo provato, ma non siamo riusciti a segnare”.

SIMEONE A MEDIASET

E’ mancato solo il gol?
“La squadra ha fatto una gara pensata e studiata, credendo in quello che abbiamo visto. Abbiamo avuto 34 gol importanti, nel secondo tempo abbiamo messo quelli più veloci. Purtroppo è mancato il gol, me ne vado con una sensazione positiva”.

Manca il vero 9?
“Dobbiamo fare i complimenti al portiere, solo il palo di Saul è andato fuori dalla porta. Abbiamo fatto una grande partita”.

Risultato stretto?
“Nel calcio non conta l’estetica ma il gol, oggi ci è mancato quello”.

SIMEONE IN ZONA MISTA

“Il risultato? Abbiamo visto una squadra che ha creduto in sé e in tutto ciò che avevamo preparato. C’è mancato solo il gol, che è la cosa più importante nel calcio. Abbiamo avuto grandi opportunità con Vietto, Koke, Saul. Il loro portiere ha fatto una grande partita. La cosa più importante nel calcio non è l’estetica ma l’obiettivo, e non siamo riusciti. Le occasioni? Nel primo tempo abbiamo avuto chiare occasioni con Saul, Koke, Griezmann e Vietto. Dobbiamo continuare a insistere. Oggi abbiamo portato a casa ciò che abbiamo meritato a causa di Alisson. La tattica? Nel primo tempo abbiamo provato con quattro centrocampisti mentre nel secondo congiocatori più veloci contro una Roma più stanca. Sono stati bravi nel loro campo. Il punto di oggi? Spero che questo punto sia importante per il futuro e che ci aiuti ad avanzare in Champions League. Lascio delle buone sensazioni qui. Con la mia squadra abbiamo provato di tutto. Il risultato è positivo. È stato fatto tutto ciò che dovevamo fare. Abbiamo avuto occasioni, c’era buona intensità di lavoro collettivo e pressione. La concretezza è la cosa più difficile nel mondo, ma siamo in crescita. Siamo in una fase di lento ma forte miglioramento verso quello che verrà. Siamo sulla strada giusta. La Roma? È una grande squadra con molti giocatori importanti. Immagino che sia il Chelsea sia Roma come noi potranno combattere fino all’ultimo momento sperare di passare alla fase successiva. Sui quattro centrocampisti? Ho pensato che avremmo potuto lottare di più. Thomas? Ha aspettato il suo tempo ha lavorato duramente per questa opportunità. Con lui, Gabi, Koke, Saul, Augusto si sfideranno per un posto in mezzo al campo. La buona concorrenza fa bene alla squadra”.

KOKE IN ZONA MISTA

“Abbiamo giocato una grande partita e fatto tutto quello che dovevamo fare per segnare ma o il loro portiere, o la difesa, o il palo ce lo hanno impedito. La squadra sta rispondendo bene, ci è mancato solo il gol. Occasioni? La mia, quella di Saul… dobbiamo fare i complimenti ad Alisson. La Roma è una grande squadra, noi abbiamo fatto un grande gioco ma non sufficientemente per prendere i tre punti. Il pareggio brucia perché uno vuole sempre vincere ma è sempre un punto. Il primo obiettivo è tentare di passare il gruppo perché è complicato, con la Roma e il Chelsea e il viaggio anche in Azerbaigian. Ora pensiamo alla Liga”.

THOMAS A BEIN SPORT

“Abbiamo giocato bene, ma abbiamo avuto la sfortuna di non segnare ma ci abbiamo provato fino alla fine. Abbiamo fatto tutto il possibile, sapevamo che non era un campo facile e abbiamo cercato di vincere. Ora pensiamo alla prossima, un punto fuori casa è comunque buono per noi”.

THOMAS IN ZONA MISTA

“Io faccio tutto quello che serve per aiutare la squadra, sto continuando a lavorare. Abbiamo disputato una buona gara, e dalle cose migliori di questa partita dobbiamo ripartire per preparare la prossima. Abbiamo avuto molte occasioni, ma comunque, come detto, dobbiamo continuare su questa strada perché stiamo facendo vedere buone cose. Per me è motivo di orgoglio aver giocato titolare in un confronto di Champions, è un sogno che diventato realtà, è molto tempo che lavoro per questo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO