A Firenze per chiudere il tour de force: Pioli alla prova Roma dopo la rivoluzione estiva

0

FIORENTINA-ROMA, L’AVVERSARIA – La Roma vede la fine del lungo tour de force, il match in trasferta contro la Fiorentina in programma domenica 5 novembre alle 15 al Franchi sarà l’ultimo prima della sosta per le nazionali. I giallorossi sono reduci dalla inebriante vittoria interna (3-0) contro il Chelsea di Antonio Conte, campione in carica in Inghilterra. Prima del tris rifilato ai blues Di Francesco aveva inanellato tre 1-0 di fila in campionato contro Bologna, Crotone e Torino. Dal 14 ottobre la Roma è già scesa in campo 6 volte, vincendo 4 partite, pareggiandone una (a Londra contro il Chelsea) e perdendo lo scontro con il Napoli. La squadra toscana invece nell’ultima uscita ha invece perso a Crotone (2-1) e milita in settima posizione in campionato con 16 punti raccolti finora, frutto di 5 vittorie, 1 pareggio e 5 sconfitte. La Roma sarà la prima big del campionato che i fiorentini ospiteranno al Franchi, una sorta di prova per testare il livello raggiunto dalla squadra di Pioli.

RIVOLUZIONE ESTIVA – In estate la Fiorentina ha cambiato profondamente volto, la squadra è stata affidata all’ex Lazio e Inter Pioli e il mercato ha visto partire prezzi pregiati della rosa della scorsa stagione. Circa 89 i milioni di euro incassati, contro i 62 spesi: ha detto addio gente come Borja Valero, Ilicic, Vecino e Kalinic, solo per citare i nomi più celebri, senza dimenticare poi il talento Bernadeschi ceduto alla Juventus per 40 milioni. Durante la prima parte della preparazione in rete i ‘meme’ su Pioli da solo senza giocatori nel ritiro viola si sono sprecati, poi la società toscana ha iniziato a comprare diversi giovani di prospettiva. A centrocampo si è puntato su Benassi dal Torino e Veretout dall’Aston Villa, in difesa su Vitor bHugo (Palmeiras), Bruno Gaspar (Vitoria Guimaraes) e Pezzella (Betis). In avanti la Viola ha scelto il ‘Cholito’ Simeone, Thereau e Gil Dias, continuando a puntare sul giovane Chiesa, praticamente unica certezza rimasta in terra toscana dopo la rivoluzione estiva. Il frutto di questo sconvolgimento sta in un inizio di stagione altalenante come dimostrano i risultati, con Pioli che nelle ultime uscite ha deciso di puntare con più frequenza sul 4-3-3.

COSI’ IN CAMPO – Per la sfida contro i giallorossi Pioli potrebbe recuperare in extremis l’ex Udinese Thereau, tornato ad allenarsi con la squadra venerdì e pronto a stringere i denti per strappare una convocazione. Se dovesse farcela spazio a lui nel tridente offensivo con Simeone e Chiesa, altrimenti si prepara Gil Dias. In difesa, davanti a Sportiello, pesa l’assenza di Laurini, così Pezzella potrebbe essere dirottato a destra, con Vitor Hugo e l’ex Astori al centro e Biraghi a sinistra. In mediana Benassi, Badelj e Veretout.

Probabile formazione (4-3-3): 57 Sportiello; 20 Pezzella, 31 Vitor Hugo, 13 Astori, 3 Biraghi; 24 Benassi, 5 Badelj, 17 Veretout; 25 Chiesa, 9 Simeone, 77 Thereau. All.: Stefano Pioli
A disp: 97 Dragowski, 22 Cerofolini, 76 Bruno Gaspar, 4 Milenkovic, 6 Sanchez, 15 Maxi Olivera, 19 Cristoforo, 28 Gil Dias, 8 Saponara, 10 Eysseric, 27 Lo Faso, 30 Babacar

IN DUBBIO: Thereau (lesione I grado bicipite femorale)
INDISPONIBILI: Laurini (lesione muscolare)

SQUALIFICATI: –
DIFFIDATI: –

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here