• Google Play
  • APP Store
  • Newsletter
  • English
romanews.eu il portale dell'informazione in giallorosso
Domenica 15 Luglio 2012 - ore 20:30

STORIA DELLA ROMA. VIAGGIO NELLA STORIA DEGLI ALLENATORI GIALLOROSSI

STORIA DELLA ROMA. VIAGGIO NELLA STORIA DEGLI ALLENATORI GIALLOROSSI

L'ESONERO DI RANIERI E IL DECOLLO DELL'"AEROPLANINO" - Le vicende societarie finirono per influire anche sui risultati della squadra. A partire da luglio 2010 la Roma fu ufficialmente in vendita, la famiglia Sensi venne continuamente pressata dall'istituto di credito Unicredit, proprietario di minoranza della società, che intendeva al più presto trovare un serio investitore. Di fatto, i Sensi (con a capo la presidente Rosella) restarono al comando ma la gestione finanziaria fu in mano alla banca. Questa situazione di incertezza alla fine pesò come un macigno sulla truppa agli ordini di Ranieri. Le premesse negative vennero racchiuse, ad inizio stagione, nella finale di Supercoppa Italiana persa per 3-1 a opera della solita Inter (il gol di Riise in apertura illuse la tifoseria, poi i nerazzurri rimontarono e sorpassarono con Pandev ed Eto'o). In tutta la stagione il rendimento fu assolutamente discontinuo sia in campionato che in Champions League (dove la Roma venne eliminata agli ottavi dagli ucraini dello Shakhtar Donetsk, sconfitta 3-2 all'andata dell'Olimpico e con un secco 3-0 in Ucraina). Nel frattempo tennero banco le nuove notizie societarie: la cordata americana guidata da Thomas Di Benedetto, era ormai pronta a rilevare la Roma a fine stagione. Le sorti di Ranieri furono, però, segnate: il 20 febbraio 2011, dopo l'incredibile rimonta del Genoa nella partita in cui la Roma era in vantaggio per 3-0 (finita poi 4-3 per i rossoblù), ennesimo sorpasso della stagione, il tecnico testaccino rassegnò le sue dimissioni. A sostituirlo fu l'ex "Aeroplanino" Vincenzo Montella, chiamato in prima squadra dopo un anno passato a guidare i giovanissimi nazionali. Con lui in panchina la Roma terminò il campionato in sesta posizione, posto che le permise di giocare in Europa League nella stagione successiva. In Coppa Italia, invece, fu ancora una volta la "bestia nera" Inter ad eliminare la squadra giallorossa in semifinale.

LUIS ENRIQUE E IL PROGETTO 'MADE IN USA' - La scelta della nuova cordata statunitense per la panchina della squadra giallorossa ricadde sull'asturiano Luis Enrique. Ex centrocampista del Barcellona, lo spagnolo ribattezzato subito Lucho, venne ufficializzato il 20 giugno 2011. Enrique si legò ai colori giallorossi con un contratto biennale. Con lui, la dirigenza romanista decise di avviare un progetto innovativo e accattivante basato sulla politica dei giovani e su un modello di gioco 'barcellonista' sviluppato su tocchi di prima e su quella fitta ragnatela di passaggi in orizzontale che aveva visto le fortune della squadra azulgrana guidata da Pep Guardiola.

UNO STAFF SPAGNOLO PER LA ROMA - A seguire Luis Enrique nella sua avventura romana, anche l'intero staff iberico con cui aveva lavorato insieme ai tempi del Barcellona B: Ivan De La Pena in qualità di assistente (anche se abbandonò il suo incarico ancora prima dell'inizio della stagione), Robert Moreno allenatore in seconda, il mental coach Antonio Llorente e il preparatore atletico Rafael Cabanellas.

IL FALLIMENTO DEL 'PROGETTO' - La stagione giallorossa, tuttavia, si mise subito in salita. Il 18 agosto, nella gara d'esordio, la Roma cadde clamorosamente a Bratislava contro lo Slovan per 1-0 (andata del terzo turno di Europa League). L'1-1 del ritorno sanci' la prematura uscita di scena dei giallorossi dalla competizione europea. Nel proseguo della stagione, tuttavia, le cose non andarono diversamente. la squadra tradì le aspettative dei tifosi sia sul piano del gioco che su quello dei risultati. Un dato sottolineò la sfortunata annata: la Roma non riusci' a qualificarsi per una competizione europea, non accadeva da ben 15 anni (1997). Il 10 maggio 2012, Luis Enrique annunciava alla squadra la volontà di lasciare la panchina. L'ufficialità arrivava dopo l'ultima giornata di campionato.

RENDIMENTO -  L'allenatore di Gijon, dunque, abbandonava il suo incarico dopo una stagione costellata da 16 vittorie, 8 pareggi e ben 14 sconfitte. tra le più cocenti si ricordano quelle contro Lecce, Udinese, Cagliari, Siena, Atalanta, Genoa oltre ai due derby con la Lazio.       

LA CONFERENZA STAMPA D'ADDIO - Nella sua ultima conferenza stampa da tecnico giallorosso, nonostante Siviglia e Valencia pensarono a lui per il futuro delle rispettive panchine, Luis Enrique espresse l'intenzione di rimanere fuori dai campi per una stagione. Queste le sue dichiarazioni: "E' stato bellissimo essere allenatore della Roma, un grande orgoglio, grazie di tutto. E' stato un grandissimo piacere essere l'allenatore di questa squadra, non mi sono pentito, nemmeno nei giorni più brutti. Me ne vado perché sono molto stanco. Ho dato il 100 per cento e so che non basta l'estate per recuperare le forze e quindi non posso darla alla squadra. Il prossimo anno non allenerò di sicuro".

ZDENEK ZEMAN, ATTO SECONDO - Il resto è storia recente. la Roma dopo aver sondato diversi nomi per la propria panchina (tra i quali quelli di Montella, Villas Boas, e Bielsa), a sorpresa, annuncia il ritorno dopo ben 13 anni di Zdenek Zeman (fresco di promozione nella massima serie con il Pescara). Il tecnico boemo risulta essere il terzo cavallo di ritorno tra gli allenatori giallorossi, dopo Alfredo Foni e l'indimenticabile Nils Liedholm (che ha vissuto addirittura tre periodi e mezzo sulla panchina della Roma). Diversamente dalle precedenti esperienze, Zeman decide di legarsi alla società capitolina con un contratto di durata biennale. Viene definito anche lo staff, con il vice storico Vincenzo Cangelosi, il collaboratore tecnico Giacomo Modica e il preparatore atletico Roberto Ferola. Il 3 luglio scorso, con il raduno della squadra a Trigoria, si è aperta ufficialmente la nuova avventura del boemo sulla panchina della Roma.

Emanuele Tocchi

STAMPA L'ARTICOLO
Digita il codice in alto e poi clicca su "Invia il commento"

tutte le notizie

Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 13:25
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 12:55
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 12:30
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 12:00
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 11:40
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 11:35
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 11:30
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 11:10
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 10:05
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 09:30
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 08:50
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 08:40
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 08:25
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 08:10
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 07:25
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 07:10
Venerdì 1 Agosto 2014 - ore 07:05

SONDAGGIO

Chi preferite tra Iturbe e Cuadrado

PROSSIMA PARTITA

03.08.2014 - 19.00
 
Roma
Inter

ULTIMA PARTITA

30 Luglio 2014 - 03.00
1
0
Roma
Real Madrid

CLASSIFICA

Serie A TIM
  • Juventus102
  • Roma85
  • Napoli78
  • Fiorentina65
  • Inter60
  • Parma58
  • Torino57
  • Milan57
  • Lazio56
  • Verona54
  • Atalanta50
  • Sampdoria45
  • Genoa44
  • Udinese44
  • Cagliari39
  • Chievo36
  • Sassuolo34
  • Catania32
  • Bologna29
  • Livorno25

VIDEO

Tutti i video