CHIEVO-ROMA, TATTICAMENTE PARLANDO – Trentasettesima giornata del campionato di Serie A: la Roma, sul palcoscenico dello stadio Bentegodi, affronta il Chievo. Il match è fondamentale in casa giallorossa, per mantenere il secondo posto ai danni del Napoli e avvicinarsi alla Juventus capolista. Sull’altra sponda, i clivensi di Maran, che galleggiano a metà classifica, venderanno cara la pelle, con l’idea di onorare un campionato che li ha visti protagonisti di una salvezza tranquilla.

GLI SCHIERAMENTI – In casa Roma, mister Spalletti si prepara a proporre il modulo ormai consolidato nelle ultime gare, ossia il 4-2-3-1. A guidare l’attacco dovrebbe tornare Dzeko, che ha ormai smaltito l’infortunio muscolare. Dietro a lui, oltre a Salah e Nainggolan, spazio ad El Shaarawy. A centrocampo si candida per una maglia da titolare Strootman, dopo la squalifica dovuta alla simulazione nel derby di campionato. Accanto a lui, De Rossi è favorito su Paredes. Dall’altra parte, Maran sembra orientato a schierare il classico 4-3-1-2, con il trequartista Birsa ad ispirare Pellissier ed Inglese. Tuttavia, non è da scartare l’ipotesi del 4-4-1-1, con l’inserimento di un centrocampista in più.

LE CHIAVI DEL MATCH – La Roma, se si troverà davanti il 4-3-1-2, avrà il proprio punto di forza certamente nelle catene laterali, dove spesso si troverà in superiorità numerica. Le due coppie dovranno essere brave a sfruttare questa situazione per creare presupposti pericolosi. D’altra parte, dovrà soffrire in mezzo al campo, dove il Chievo potrà contare su un uomo in più: per questo motivo sarà fondamentale il ruolo di Nainggolan, che dovrà controllare Radovanovic; così come quello di De Rossi, destinato a tenere d’occhio i movimenti tra le linee di Birsa per non far andare in difficoltà il pacchetto difensivo. Diversamente, se mister Maran proporrà un 4-4-1-1, si andrà verso una gara più tattica e meno aperta, con molti duelli individuali, dal momento che i sistemi di gioco si rivelerebbero in sostanza speculari.

Mattia Emili

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 COMMENTO

  1. Nessuno, a comiciare dai cosiddetti giornalisti, ha nulla da dire che la Roma giochi con la maglia biaca invece che con la maglia sociale. In questa società globalizzata che mi fa schifo.

LASCIA UN COMMENTO