Tra sogni e ‘Semplici’ realtà: Roma contro la Spal per dimenticare Genova

1

ROMA-SPAL, L’AVVERSARIA – Rialzare la testa, subito. Dopo il pareggio di Marassi contro il Genoa (1-1), quasi al sapore di sconfitta per come maturato – tra l’espulsione di De Rossi e qualche polemica finale – Di Francesco vuole tornare subito alla vittoria in campionato per restare attaccato alla testa della classifica cercando di approfittare del big match Napoli-Juventus per rosicchiare punti. Di fronte la Spal del tecnico Leonardo Semplici, a quota 10 punti dopo le prime 15 giornate (gli stessi del Genoa appena incontrato dai giallorossi). Due vittorie, quattro pareggi e otto sconfitte conquistate finora. In settimana la squadra di Ferrara è scesa in campo per i sedicesimi di Coppa Italia, rimediando sconfitta e eliminazione per mano del Cittadella (0-2). Svogliata e rimaneggiata la compagine di Semplici, forse con la testa già a venerdì, quando alle 18.30 all’Olimpico affronterà la Roma di Manolas e Dzeko.

SOGNI E ‘SEMPLICI’ CERTEZZE – Oikonomou, Gomis, Viviani, Paloschi, Floccari e la vecchia conoscenza giallorossa Borriello. In estate la squadra estense ha puntato sull’usato sicuro, calciatori che conoscono già la Serie A per tentare di conquistare la permanenza nel massimo campionato italiano. Dalle parti di Ferrara la A era ormai un ricordo sbiadito, quasi mezzo secolo, esattamente 49 gli anni di assenza dalla massima divisione per gli spallini. Risulta dunque chiaro come una permanenza tra le grandi sarebbe un vero e proprio sogno ad occhi aperti dopo tanta gavetta e una risalita che in quattro anni ha portato la Spal dalla Serie D alla Serie A. Il marchio di fabbrica, la certezza della Spal di Semplici, autore della doppia promozione consecutiva, è il modulo: un 3-5-2 solido in fase difensiva e abbastanza propositivo quando c’è da offendere, cercando di non rinunciare alle uscite con un possesso palla dal basso. Arma che la Roma di Di Francesco ha dimostrato spesso di saper volgere a suo favore con un recupero palla rapido in zona offensiva e imbucate immediate. In palio tre punti che scottano: all’Olimpico ad inizio campionato la Spal ha fermato la Lazio sullo 0-0 alzando le barricate grazie ad un super Gomis e ora Semplici sogna di ripetere l’impresa romana.

COSI’ IN CAMPO – A Roma davanti al titolare Gomis si muoverà un difesa a tre con Vicari e Felipe certi del posto e Oikonomou, Cremonesi e Vaisanen a giocarsi una maglia da titolare per un ballottaggio che verrà sciolto a ridosso della gara. A centrocampo, sugli esterni agiranno Lazzari e Mattiello pronti a ripiegare per dare supporto alla linea difensiva. In mezzo pronti Schiattarella, Viviani e Grassi, ma attenzione anche al possibile inserimento di Mora dal primo minuto ai danni proprio di Grassi. In avanti scalpita l’ex Roma Borriello che verrà impiegato in coppia con Paloschi. Non sarà del match Mirco Antenucci, protagonista della promozione in A fermo ai box dal 12 novembre per un problema al polpaccio.

Probabile Formazione (3-5-2): 1 Gomis; 6 Cremonesi, 23 Vicari, 27 Felipe; 29 Lazzari, 28 Schiattarella, 88 Grassi, 27 Viviani, 14 Mattiello; 43 Paloschi, 22 Borriello. All.: L. Semplici.

A disp.: 92 Marchegiani, 2 Oikonomou, 17 Poluzzi, 15 Vaisanen, 24 Vitale, 18 Schiavon, 12 Konate, 8 Bellemo, 20 Mora, 11 Rizzo, 10 Floccari, 9 Bonazzoli.

BALLOTTAGGI: Oikonomou-Cremonesi-Vaisanen, Grassi-Mora

INDISPONIBILI: Meret (problema muscolare), Costa F (contusione alla gamba), Antenucci (lesione muscolare al polpaccio), Salamon (frattura zigomo), Della Giovanna (affaticamento muscolare)

SQUALIFICATI: –
DIFFIDATI: –

Gian Marco Torre

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here