Paredes e Borja Valero, futuro e ‘rimpianto’ della Roma

0

FIORENTINA-ROMA, IL FACCIA A FACCIA – A beffare la Viola, solo due estati fa, è la Roma con il caso Salah: strappato ‘illegalmente’ secondo alcuni, furbescamente a detta di altri; soprattutto di Walter Sabatini. Ad agosto 2016 però la storia non si ripete. Con la partenza di Pjanic, Luciano Spalletti è a caccia di un regista che possa sostituirlo. In casa c’è ‘solo’ Leandro Paredes, reduce dalla buona stagione a Empoli ma sul tavolo delle trattative sino all’ultimo secondo. L’obiettivo è Borja Valero, “bandiera” della Fiorentina dal talento costante e indubbio. Stavolta Firenze si tiene stretto il suo gioiello, non lo cede al miglior offerente. Domani, al Franchi, non ci sono sconti in vista. Lo spagnolo è già pronto a ferire i giallorossi.

LEANDRO, ATTUALE INCOMPIUTO – L’esordio in A con la Roma (primo gol al Cagliari) e l’anno con Gianpaolo a Empoli (4 gol e 2 assist), regalano all’argentino la chance di giocarsi il suo destino nella Capitale. Il tutto con un grande quesito: è in grado di prendere l’eredità di Miralem? La risposta attuale, a un mese esatto dall’inizio della stagione giallorossa, è no. Lo è per la prestazione insufficiente contro il Porto all’Olimpico, per quella scialba contro l’Udinese e per quella a tratti inesistente contro il Plzen. Da segnalare solo il grande assist per il gol di Iturbe contro il San Lorenzo, nel corso de ‘La partita della pace’, simbolo di ottimismo per il futuro. L’incertezza però regna ancora sovrana, e il classe ’94 deve ancora sgomitare per trovare un posto da titolare in una squadra disperatamente a caccia di idee.

BORJA, LA RINASCITA IN ITALIA – Per essere leader, trascinatore e addirittura vessillo di una tifoseria che lo adora, lo spagnolo classe ’85 s’è dovuto trasferire in Serie A dopo anni di militanza in Liga e in Premier. Un dato non da poco, visto l’attuale crollo del campionato italiano, ma che ha attratto diversi club d’Europa. Tra cui la Roma, che lo ha cercato strenuamente nel corso di tutto il mercato estivo, trovando prima il muro della Fiorentina, poi quello economico dovuto al mancato introito Champions. Così l’ex Maiorca si avvia a prender per mano i compagni alla sua quinta stagione a Firenze, svegliando i suoi da un torpore diffuso e reiterato in campo (solo una vittoria stagionale per gli uomini di Sousa). La Viola è nelle sue mani, la Roma avrebbe voluto esserlo: al Franchi è già l’ora della verità. Palla al centro, si gioca.

Riccardo Cotumaccio

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here