La Roma, il Sassuolo e gli intrecci di mercato

1

ROMA-SASSUOLO, IL FACCIA A FACCIA – All’Olimpico si chiude il 2017, l’anno dell’addio al calcio giocato di una Bandiera, dell’acquisto più costoso di sempre della storia romanista, del 3-1 rifilato alla Juve inutile ai fini della classifica ma piacevolmente gustato da tifosi e calciatori. Un anno in termini di risultati positivo, infangato forse dalle due ultime prestazioni deludenti in coppa e campionato. Il proposito è di ripartire dai 20 minuti finali dello Stadium e Roma-Sassuolo è la partita giusta, almeno sulla carta, per farlo. Sul campo non sarà semplice perché i ragazzi di Iachini sono in cerca della quarta vittoria consecutiva dopo aver trionfato con Crotone, Sampdoria e Inter.

PELLEGRINI SÌ, POLITANO FORSE – A centrocampo probabilmente si rivedrà dal 1’ Pellegrini, complice il momento non particolarmente proficuo per Strootman. Il classe ’96 è stato “recomprato” dalla Roma ufficialmente lo scorso 30 giugno per 10 milioni di euro dopo un felice biennio al Sassuolo. In molti lo hanno definito un affare. Pellegrini finora ha collezionato in campionato 12 presenze e segnato un gol, in mezzo al campo garantisce fiato e cervello ma è pericoloso anche in avanti: i suoi inserimenti offensivi sono caustici per le difese avversarie soprattutto in partite difficili da sbloccare. Si è visto a Torino, quando Di Francesco lo ha gettato nella mischia, la Roma si è fatta più audace. Inoltre, sembra non soffrire di timori riverenziali nei confronti dei suoi colleghi di reparto più illustri, potrebbe davvero rappresentare il futuro giallorosso. Sul suo contratto però pende una clausola che può essere comodamente pagata in due tranche. Le prime spasimanti cominciano a pressare ed una di queste sarebbe proprio la Juventus.

Destino diverso per Politano. Cresciuto anche lui nel vivaio giallorosso, dopo una breve esperienza a Perugia e un bienno a Pescara, nell’estate del 2015 approda in prestito con diritto di riscatto al Sassuolo. Sotto la guida di Di Francesco mostra una crescita costante, il che convince Squinzi a versare la cifra pattuita (3.5 milioni di euro) nelle casse della Roma per acquistarne il cartellino. Se da una parte la società giallorossa con Pellegrini ha voluto preservarsi stabilendo con i neroverdi un diritto di recompra, su Politano sembra che non abbia puntato sufficientemente. Sembra, perché il suo nome sarebbe in cima alla lista dei desideri di mister Eusebio per rinforzare il reparto d’attacco.

Paolo Sparla

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

  1. Fossi la il presidente dell’ASR smetterei di “regalare” dei buoni giocatori, anche se di prospettiva, al Sassuolo. Occorre trovare società satellite che facciano crescere i tuoi giocatori e NON società che speculano sul lavoro del tuo settore giovanile per costruire le loro squadre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here