TOTTENHAM-ROMA, LE PAGELLE – Secondo match di International Champions Cup: la Roma, dopo la sconfitta ai rigori contro il PSG, si impone per 3-2 sul Tottenham. In casa giallorossa, reti decisive di Perotti, Under e Tumminello. Per gli inglesi a segno Winks e Janssen.

Mattia Emili

RISULTATO FINALE: Tottenham-Roma 2-3 (parziale: 0-1)

ROMA (4-3-3): Alisson (62′ Skorupski); Peres, Fazio (62′ Castan), Jesus (46′ Manolas), Kolarov (62′ Moreno); Gerson (46′ Strootman), De Rossi (62′ Gonalons), Nainggolan (62′ Pellegrini); Defrel (46′ Under), Dzeko (62′ Tumminello), Perotti (80′ Iturbe).
A disp.: Lobont, Romagnoli, Nura, Seck, Sadiq, Antonucci, Keba.
All.: Di Francesco

ALISSON, 6.5 – Sicurezza. Non ci sono sbavature nella sua prestazione: il portiere brasiliano guida la difesa in maniera autoritaria e precisa. Non prende gol, ottimo modo per iniziare una stagione che deve vederlo protagonista.

PERES, 7 – Spada. Su e giù su quella fascia per infinite volte: il brasiliano sembra rinato rispetto alla scorsa stagione. Lo spirito è diverso, sembra anche la gamba. Al termine del match paga la stanchezza, ma la prestazione è più che positiva.

FAZIO, 6 – Diligente. Prova (quasi) senza sbavature dell’argentino, anche se nel primo tempo entra in maniera scomposta su Kane in area rischiando di concedere un rigore. Si amalgama bene con il compagno di reparto Jesus: coppia inedita, si può riproporre.

JESUS, 6 – Sereno. Buon piglio del centrale brasiliano: le critiche della prima parte della scorsa stagione sono un lontano ricordo. Da elogiare: Kane fatica a trovar spazio, l’intesa con Fazio è (inaspettatamente) ottima.

KOLAROV, 6.5 – Buona la prima. Il mezzo voto in più è di incoraggiamento. Sale e scende come un pendolino sull’out sinistro, dando sempre la soluzione di appoggio all’esterno alto, Perotti. Nessuna sbavatura in fase difensiva, si può solo crescere.

GERSON, 6 – Piede educatissimo. In campo per 45 minuti, conferma i progressi mostrati in questo primo stralcio di stagione, anche se non incide in fase offensiva. Ottime un paio di transizioni, appare più deciso e convinto anche nella trasmissione del pallone. La speranza è l’ultima a morire…

DE ROSSI, 6 – Capitano carismatico. Prima uscita da titolare con la fascia al braccio: in campo si fa sentire, lo si percepisce già dal riscaldamento. Durante il match prova qualche soluzione ‘alla De Rossi’: pallone di prima a scavalcare la linea difensiva per l’inserimento dell’ala. Le idee ci sono, la condizione fisica sta arrivando.

NAINGGOLAN, 6 – C’è da lavorare. Il mastino belga fa il suo, ma deve mettere allenamenti e minuti sulle gambe per trovare la migliore condizione: è un diesel. L’imminente rinnovo di contratto, con ingaggio adeguato, può rappresentare uno stimolo in più.

DEFREL, 6.5 – Voglioso. Aspettava da diversi mesi il trasferimento in giallorosso, in campo si percepisce: il francese ci mette l’anima e corre moltissimo per 45 minuti, dettando più volte il passaggio in profondità. I compagni lo elogiano spesso: lo spirito è giusto.

DZEKO, 5.5 – Work in progress. Lo spirito c’è, i carichi di mister Di Francesco si fanno sentire. Il bosniaco non è ancora brillante e non riesce mai ad essere pericoloso sotto porta. Responsabilità da condividere con i compagni, visto che non viene servito al meglio. Deve prendere confidenza con i nuovi schemi.

PEROTTI, 6.5 – Garanzia. Sotto tutti i profili: tecnico e comportamentale. Già buona (anche se da perfezionare) l’intesa con Kolarov. Quando l’argentino viene in mezzo al campo, il serbo gli dà la soluzione in fascia e viene regolarmente assecondato. Cecchino, come al solito, dal dischetto.

I SUBENTRATI 

SKORUPSKI (dal 62′), 5.5 – Impreciso. Entra e prende due gol: le responsabilità non sono evidenti ma può fare di più.

MANOLAS (dal 46′), 4.5 – Malissimo. Il greco entra e non riesce ad incidere, anzi: lo fa in negativo. La difesa perde equilibrio dopo il suo ingresso, molti passaggi sbagliati e un infortunio alla spalla che ne condiziona la prestazione. Non ci siamo.

CASTAN (dal 62′), 5.5 – Professionista. Prestazione non da buttare del centrale costantemente con la valigia in mano, anche se è lento in qualche lettura difensiva. Decisivo nel salvataggio su un tiro da pochi metri di Kane.

MORENO (dal 62′), 6 – Esperienza. Il difensore messicano non è fisicamente al meglio ed è costretto ad agire sulla sinistra, causa mancanza alternative. In un ruolo non suo e ancora non inserito negli schemi del mister, si adatta come può.

STROOTMAN (dal 46′), 7 – Passo straordinario. Protagonista assoluto nelle reti del provvisorio 1-2 e del finale 2-3, grazie a due poderose discese sulla fascia sinistra. L’olandese è carico e sembra pronto per prendersi la Roma sulle spalle: la fascia di capitano al braccio nel secondo tempo è una motivazione in più.

GONALONS (dal 62′), 6 – Preciso. Prestazione scolastica del francese: fa il suo in appoggio e si lascia trovare dai compagni. Nulla di trascendentale.

PELLEGRINI (dal 62′), 6 – Step by step. In campo al posto di Nainggolan, gioca qualche pallone con la qualità che lo contraddistingue, anche se nel complesso non di vede molto.

UNDER (dal 46′), 7.5 – Letale, gioiello, magnifico. Grandissimo piglio del giovane turco: non appena scende sul terreno di gioco si fionda su un pallone in profondità e spara alto! Poco male: dopo pochi minuti sfonda la rete. Chi ben comincia…

TUMMINELLO (dal 62′), 7 – Felicità. L’attaccante classe 1998 è l’espressione di questo stato d’animo: entusiasta per il doppio ritiro con la Prima Squadra, spera di poter restare in giallorosso. Spezzone di gara all’insegna di tanta volontà (e qualche passaggio sbagliato). La zampata finale che vale la vittoria è il giusto premio.

ITURBE (dall’80’) – S. V.

MISTER DI FRANCESCO, 7 – Idee e comportamenti: ecco gli ingredienti del mister. Riesce a bilanciare al meglio bastone e carota. Se all’interno della squadra si respira un clima positivo, il merito è anche il suo. Il gioco si sta modellando a sua immagine e somiglianza, i risultati iniziano a vedersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

14 Commenti

    • Bravo stefano, infatti moreno è partito terzino per poi passare centrale dopo poco ma forse data la tarda ora non molti se ne sono accorti, poi a parere mio dare 7 a peres è una bestemmia al calcio, per carità si impegna più dell’anno scorso ma quanti errori in una sola partita.

      • Il 7 a peres è dovuto dal fatto che tutti i nuovi acquisti hanno preso la sufficienza, ESAGERATI! Abbiamo vinto ma un pareggio sarebbe stato piu’ giusto no??? considerando il fatto che a noi ci hanno dato un rigore mentre a loro ne hanno tolto uno solare no?? Alla squadra manca ancora qualcosa forse un paio di fenomeni no??

  1. Ho visto la partita (non tutta) e ho visto l’impronta di DiFra: è già un’altra Roma rispetto a quella di Spalletti. Ho visto idee, la squadra che sale e scende tutta insieme, molto compatta. Quando perdono palla, mezza squadra corre a recuperarla, idem quando la riconquistano. Il pressing parte basso, mentre la difesa è aggressiva con un difensore che si sgancia per andare incontro al portatore di palla. Poi arrivano velocemente all’area avversaria.
    Mi sembrano bei segnali, e poi voglia di vincere, anche se è un’amichevole.

  2. Scusate ma non è andata così!! Fazio il fallo da rigore lo commette al secondo tempo non al primo, allora prima manca un’aggancio come un dilettante, su un lancio di Lloris con la difesa che dovrebbe essere schierata e che invece sta scappando verso Allison, perchè credo stessero cercando di fare fuorigioco sul rilancio del portiere avversario, fuorigioco che Fazio chiama male o non chiama proprio, poi manca l’aggancio e serve Keane che punta verso Allison, Manolas secondo me si dimostra un gran difensore perchè nonostante la svirgolata di Fazio poteva spiazzarlo, riesce lo stesso a chiudere su Keane che arriva lanciato in corsa e fronte alla porta, mentre Manolas gli deve correre di lato, ma cmnqe lo controlla e gli chiude lo specchio di tiro, a quel punto arriva Fazio in raddoppio di marcatura e falcia Keane per un rigore solare, per fortuna non concesso. Detto questo mi chiedo perchè dare questi voti e riportare in maniera sbagliata l’andamento della partita? Almeno rilegette ciò che scrivete prima di pubblicarlo. Perchè una partita amichevole alle 2 di notte a Luglio in pochi la vedono e molti si affidano ad una lettura veloce sui siti. Io non ho visto la partita, però ho visto un’ampia sintesi poco fà su youtube(quasi 12 min. di sintesi), dopo ho letto le vostre pagelle mi sono nati parecchi dubbi. Come fate a dire Fazio diligente e dargli 6, quando fai 3 strafalcioni imbarazzanti in una azione sola…il 4,5 sarebbe più per Fazio che per Manolas, che oltretutto subisce un fallo da Keane da codice penale.Signori Fazio non può giocare in una difesa a 4 che gioca così alta ha la velocità di un elefante. Altra cosa, B.Peres si è impegnato e a corso, ma negli ultimi 20 minuti non ne aveva più e perde 2 palloni sanguinosi al limite della propria area in fase di inizio azione con la difesa in uscita…come fà a prendere 7? In ultimo Keane non si scrive Kane(anche se il fallo lo sarebbe), ma Keane.

    • senza offesa ma prima chiedi a gran voce di rivedersi per bene la partita prima di fare le pagelle e poi te vedi una sintesi e pensi di avere le idee chiare su come si sia svolta? non ha senso il tuo ragionamento. io la partita l’ho vista tutta e ti posso assicurare che fazio è stato assolutamente superiore a manolas nel complesso della partita, e ci vole poco visto che manolas è stato una autentico disastro. Sull’episodio però hai ragione anche se secondo me anche Manolas non l’ha gestito al meglio ed è stato un po’ imbambolato. Ultima considerazione: sta storia che fazio non può giocare a 4 è una bufala, vi prego basta!!! l’anno scorso le migliori partite (inizio campionato) le ha fatte nella difesa a 4, è vero non è un fulmine ma gioca molto d’anticipo e se supportato da un marcatore veloce come appunto manolas o come jesus riesce non solo a giocarci ma ci gioca alla grandissima.

      • gianlù me sà che hai toppato pure te…come io ho toppato un cognome e ho trasformato un inglese in irlandese, tu che hai visto tutta la partita hai toppato post..forse è meglio che FORZA ROMA lo dica io che sono romanista e vorrei una ROMA veramente forte…tu è meglio se dici forza romanews…damme retta 😉 fatte servì gianlù!

  3. Finalmente ho avuto modo di ascoltare i commentatori inglesi quando è in ballo una squadra inglese per la quale probabilmente fanno anche il tifo, a giudicare dalla verve polemica.
    Normalmente gli stessi commentatori mi paiono molto obiettivi, stavolta però hanno mostrato più campanilismo di quanto me ne aspettassi e ho rivalutato alcuni dei nostri.
    Minimizzare il fallo di Kane su Manolas e obiettare sul rigore per la Roma solo perché inizialmente non era stato visto li ha smascherati alla grande!

  4. hahahhahahah ALTRA GOGNA MEDIATICA PER MANOLAS.. 4,5… ADDIRITTURA IL PEGGIORE IN UNA PARTITA VINTA 4,5 NON SI DA NEANCHE AD IBARBO… GUARDATE CHE TANTO SE LO VENDONO NON HANNO BISOGNO DEL VOSTRO CONSENSO O DEI TIFOSI LO VENDONO E BASTA… PER CUI CERCATE DI ESSERE MENO AZIENDALISTI FILOSOCIETARI…
    E SOPRATUTTO PUBBLICATE ANCHE I MIEI DI POST E NO Perché SONO CRITICHE LI ESCLUDETE

LASCIA UN COMMENTO