A pranzo con Schick e Inglese

0

CHIEVO-ROMA, IL FACCIA A FACCIA – 16esima giornata di Seria A, ore 12.30: la Roma è impegnata al Bentegodi contro il Chievo. L’ottimo risultato ottenuto in Champions League  viene per il momento accantonato, i giallorossi godono e passano oltre. A metter loro i bastoni fra le ruote ci sarà Maran, che fin qui in casa ha ottenuto un discreto bottino: 3 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, fermando peraltro il Napoli sullo 0-0 ad inizio novembre. In attacco Di Francesco potrebbe schierare dal primo minuto l’attesissimo Schick, con o senza Dzeko. Le redini offensive dei clivensi saranno invece prese per mano da Inglese.

IL MOMENTO PROPIZIO  –  “In che ruolo ancora non lo so ma potrebbe giocare dall’inizio”, ha detto Di Francesco in conferenza stampa a chi gli chiedeva del possibile impiego di Schick dal primo minuto. Il ceco è pronto, lo ha fatto intravedere negli ultimi 5 minuti della sfida contro il Genoa e lo ha confermato nel quarto d’ora disputato a buoni ritmi contro la Spal. Dopo una lunga e rapsodica estate fra lusinghe da Vinovo, inserimenti sabatiniani in trattative già avviate e controlli cardiologici un po’ a Milano e un po’ nella Capitale – il tutto intervallato da numerosi pranzi e cene offerte dai vari vertici societari agli agenti Paska e Satin – l’acquisto più costoso della storia giallorossa è chiamato a mettere a servizio della squadra il suo grande talento. Con Dzeko che stenta a riproporsi sui livelli dello scorso anno, la Roma ha bisogno ora più che mai di forze fresche e imprevedibilità in attacco.

IL CHIEVO DI INGLESE – Classe 1991, forte fisicamente, buona tecnica, discreta elevazione e un efficace tiro dalla distanza: Roberto Inglese è l’attaccante su misura per Maran e la sua truppa. Cresce nelle giovanili del Pescara, si mette in mostra, il 28 agosto 2010 viene tesserato dal Chievo. Disputa un buon triennio in prestito al Lumezzane e nella stagione 2014/15 spinge il Carpi verso la storica promozione in Serie A. Nel 2015 fa ritorno in gialloblù ed esordisce nella massima competizione italiana il 20 settembre contro l’Inter di Mancini. Termina lo scorso campionato a quota 10 gol, solo nella stagione 2012/13 riuscì a fare meglio con 11 centri: il contesto però era quello della Serie D. Le sue buone prestazioni attirano le attenzioni del Napoli, che lo acquista – e lo lascia subito in prestito ai clivensi – a titolo definitivo Il 31 agosto 2017. Quest’anno Inglese sembra aver acquisito ulteriore consapevolezza nei suoi mezzi: fra campionato e coppa Italia ha disputato 15 partite mettendo a segno 7 reti, poco meno di un gol ogni 180 minuti. L’emozione più grande risale sicuramente al 22 ottobre 2017, quando nel derby contro l’Hellas Verona realizza una doppietta e permette ai suoi di ribaltare il risultato da 0-1 a 2-1.

Paolo Sparla

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here