Derby delle panchine, ecco cosa accade a Di Francesco e Inzaghi dopo le soste per le nazionali

0

ROMA-LAZIO DI FRANCESCO INZAGHI – La Roma di Eusebio Di Francesco è un treno in corsa e fermarsi proprio adesso è un vero peccato ma il calendario impone la sosta per le nazionali, mai come questa volta importante per le sorti degli azzurri che si giocano la qualificazione mondiale contro la Svezia. I giallorossi arrivano da un tour de force di 18 giorni iniziato con il 3-3 di Stamford Bridge con il Chelsea e finito domenica scorsa con la vittoria per 4-2 in casa della Fiorentina. In mezzo le vittorie contro Torino, Crotone e Bologna, senza dimenticare il trionfo nella gara di ritorno contro il Chelsea. La pausa servirà a qualcuno per tirare il fiato ma tanti saranno in giro per il mondo con le proprie nazionali, elemento che preoccupa non poco il mister abruzzese visto che al rientro è previsto il derby con la Lazio.

ALTI E BASSI – Preoccupazione condivisibile visto che il rapporto tra Di Francesco e la pausa nazionali non è certamente dei più positivi. In un totale di 20 incontri il bilancio complessivo recita: 7 vittorie, 3 pareggi e 10 sconfitte, raccolte sulle panchine di Lecce, Sassuolo e Roma. Con i giallorossi di Puglia, al suo esordio in Serie A nella stagione 2011-12, l’impatto con la pausa nazionali è duro e raccoglie solo 1 punto contro il Genoa, perdendo contro Udinese e Roma. Proprio questa sconfitta segna la strada verso l’esonero che arriva poche settimane più tardi. Le partite con i neroverdi rappresentano il campione più significativo. Con il Sassuolo, Di Francesco ha raccolto tutte le 7 vittorie post-sosta, di cui anche una contro la Lazio nella stagione 2015-16 ma anche 9 delle 10 sconfitte. Tra queste resta indelebile il 7-0 subito per mano dell’Inter nel 2014-15, che rappresenta la sconfitta più pesante della carriera del tecnico abruzzese. Completerebbero il quadro le due partite con la Roma ma il condizionale è d’obbligo visto che dopo la sosta i giallorossi hanno giocato solo una volta, dal momento che la gara contro la Sampdoria è stata rinviata per l’allerta meteo. Resta quindi la sconfitta casalinga contro il Napoli per 1-0, la gara della svolta che ha dato il via al ciclo vincente citato all’inizio.

IL CONFRONTO CON INZAGHI – Di Francesco, sulla panchina dall’altro lato del Tevere, trova Simone Inzaghi che nella sua breve esperienza in Serie A ha dimostrato di saper solo vincere dopo la pausa. Nella passata stagione ha iniziato con i pareggi contro Chievo e Bologna, poi i successi contro Genoa e Sassuolo, fino alle prestigiose vittorie di quest’anno contro il Milan all’Olimpico e contro la Juventus all’Allianz Stadium. I precedenti tra i due allenatori sono due, risalgono alla scorsa stagione e sorridono al tecnico biancoleste che ha vinto entrambe le sfide per 2-1. Mentre Di Francesco con la Lazio in generale non ha uno score favorevole visto che in 7 precedenti ha raccolto 2 vittorie 1 pareggio e 4 sconfitte.

I numeri non sorridono a Di Francesco ma le statistiche restano tali e sono fatte per essere aggiornate. Il derby è una partita in cui la logica conta poco ed è la partita perfetta per invertire la tendenza, anche perché la corsa di questa Roma non può fermarsi proprio adesso.

DARIO MOIO

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here