Tra brutti ricordi e graditi ritorni al passato: è tempo di Roma-Empoli

0

ROMA-EMPOLI, L’AVVERSARIA – Trentesima giornata di Serie A: la Roma, sul palcoscenico dello stadio Olimpico, affronta l’Empoli. I toscani, quartultimi in classifica e in piena lotta per non retrocedere, stanno vivendo un periodo complicato: nelle ultime 8 partite hanno realizzato un solo punto, frutto di 7 sconfitte e un pareggio. L’ultima vittoria della squadra di Martusciello risale al mese di gennaio, quando tra le mura amiche ha avuto la meglio sull’Udinese. Per trovare l’ultimo successo in trasferta, invece, bisogna tornare a novembre, nel match di Pescara. Tuttavia, il Palermo è ancora lontano 7 punti, ragion per cui si può approcciare alla sfida contro la Roma con serenità.

L’ANEDDOTO – Il match tra Roma ed Empoli non evoca ottimi ricordi per i tifosi giallorossi. Prendiamo la macchina del tempo e spostiamoci a undici anni fa: 19 febbraio 2006, in panchina proprio Spalletti. La sfida è iniziata da pochi minuti, allo stadio Olimpico il risultato è ancora fermo sullo 0-0. Palla vagante a centrocampo, Totti si appresta a controllarla, ma Vanigli, da tergo, interviene in maniera scomposta e lo stende. La diagnosi è impietosa: frattura del perone della gamba sinistra con interessamento dei legamenti della caviglia. Per il capitano, quattro mesi lontano dal terreno di gioco. E allora chissà che oggi, tra brutti ricordi e un presente difficile, a causa del risicato minutaggio concessogli dal tecnico di Certaldo, il destino possa decidere di “compensare” la sfortuna…

IL MISTER – Martusciello guida l’Empoli dalla scorsa estate. Protagonista di una buona carriera da calciatore, è stato allievo di mister Spalletti, che lo ha fortemente voluto nel corso della sua esperienza in Toscana: insieme, seppur uno in campo e l’altro in panchina, sono stati protagonisti della cavalcata dalla Serie C1 alla A. Dopo qualche anno da vice, la società del patron Corsi decide di premiarlo e, dopo l’addio di Giampaolo, assume la carica di allenatore: il suo marchio di fabbrica è il 4-3-1-2, utilizzato in tutte le 29 uscite di campionato. Anche sabato dovrebbe essere riproposto, con El Kaddouri ad ispirare Maccarone e Thiam.

Probabile formazione (4-3-1-2): 28 Skorupski; 2 Laurini, 6 Bellusci, 19 Barba, 21 Pasqual; 33 Krunic, 5 Mauri, 11 Croce; 10 El Kaddouri; 7 Maccarone, 27 Thiam
A disp.: 23 Pelagotti, 1 Pugliesi, 4 Dimarco, 13 Veseli, 3 Zambelli, 24 Cosic, 71 Picchi, 77 Buchel, 17 Zajc, 88 Tello, 20 Pucciarelli, 9 Mchedlidze, 89 Marilungo
All.: Martusciello

Ballottaggi: Mauri-Buchel, Maccarone-Marilungo, Thiam-Pucciarelli, Maccarone-Pucciarelli
In dubbio: –
Indisponibili: –

Diffidati: 5 Mauri
Squalificati: 15 Costa, 8 Diousse

Mattia Emili

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here